Il cordoglio per il pediatra Liotta | "Reparto sarà intitolato a lui" - Live Sicilia

Il cordoglio per il pediatra Liotta | “Reparto sarà intitolato a lui”

Orlando: "Tutta la città vicina alla famiglia". Musumeci: "Ciò che temevamo è accaduto".

PALERMO
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – Dopo il ritrovamento del corpo senza vita del medico palermitano Giuseppe Liotta, tanti i messaggi di dolore e cordoglio da parte delle istituzioni. “È un giorno di grande tristezza e di profonda commozione per la nostra Azienda che aveva avuto la possibilità di conoscere ed apprezzare le grandi doti umane e professionali di Giuseppe Liotta”. Lo ha detto il commissario straordinario dell’Asp di Palermo, Antonio Candela che ha sottolineato come “l’intera Asp con tutto il suo personale in questo momento di dolore si stringe alla  famiglia ed a tutti i colleghi che hanno affiancato Giuseppe nel suo brillante percorso professionale. Per ricordare il suo esempio di medico serio, preparato e scrupoloso – ha concluso Candela – intitoleremo alla memoria di Giuseppe Liotta il Reparto di Pediatria dell’Ospedale ‘Dei Bianchi’ di Corleone nel quale lavorava da febbraio e che sabato scorso stava cercando raggiungere per non mancare al suo turno di lavoro”.

“Fino all’ultimo, sia pure flebile, è stata viva la speranza che Giuseppe Liotta potesse essersi salvato – ha detto il sindaco di Palermo Leoluca Orlando -. Ora la certezza della sua tragica morte lascia un grande dolore in tutti noi. Siamo vicini, lo e tutta la città e tutta l’amministrazione comunale, alla famiglia e ai colleghi di questo uomo che fino all’ultimo ha mostrato grande dedizione e amore per il proprio lavoro e per i propri cari”.

“Per giorni abbiamo sperato che i soccorsi potessero ritrovare in vita Giuseppe Liotta, ma purtroppo il giovane pediatra si aggiunge alle vittime del terribile maltempo che si è abbattuto sabato scorso nella provincia di Palermo”. Lo dice il presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè. “Esprimo la vicinanza mia personale e dell’intero parlamento siciliano – aggiunge – alla famiglia e ai colleghi di Liotta, vero esempio di abnegazione e di rispetto verso i piccoli pazienti dell’ospedale ‘Dei Bianchi’ di Corleone a cui prestava cure e dedizione”.

Un messaggio anche da parte del presidente della Regione, Nello Musumeci: “Quello che temevamo è purtroppo accaduto. La tragica fine di Giuseppe Liotta, che rende ancora più pesante il già drammatico bilancio della calamità dei giorni scorsi, è avvenuta mentre il professionista andava a compiere il proprio dovere di medico ospedaliero, malgrado l’inclemenza del tempo. Un atto di alto senso civico che – aggiunge – voglio sottolineare con forza. La comunità siciliana è vicina ai familiari del dottor Liotta, in questo momento di grande dolore”.

“Ho appreso con profonda amarezza e commozione la notizia della scomparsa del dottor Giuseppe Liotta. Nel ricordo di quest’uomo coraggioso, da cui tutti abbiamo ricevuto un encomiabile esempio di amore per la professione e senso del dovere, porgo alla famiglia i più profondi sentimenti di vicinanza e cordoglio”. Lo ha detto l’assessore alla Salute Ruggero Razza.

L’Aula della Camera questa mattina ha tributato un applauso unanime alla memoria di Giuseppe Liotta. “Manifestiamo dolore e pietà per questo giovane medico che sentiamo come figlio e fratello, e che è morto per andare al lavoro”, ha detto Giorgio Trizzino di M5S. Alla famiglia di Liotta il cordoglio della Camera, manifestato dal vicepresidente Ettore Rosato.

Ad intervenire, anche l’Ordine dei medici di Palermo: “Una raccolta fondi e la proposta di intestare una strada a Giuseppe Liotta”, lo chiedono i consiglieri dell’Ordine dei medici di Palermo, riuniti in seduta straordinaria, che “si stringono attorno al dolore della famiglia”. “Vogliamo ricordarlo quale simbolo di tenacia e impegno di un’intera categoria perché un medico, superando anche le proprie paure, è sempre pronto a prestare le sue cure ovunque serva la sua presenza, mettendo a repentaglio anche la propria vita. Ed è ciò che Giuseppe ha fatto”, dice Salvatore Amato, presidente dell’Omceo di Palermo. “La notizia della sua morte dopo giorni di ricerca – aggiungono i consiglieri – ha portato un grande dolore in tutti coloro che lo hanno conosciuto ed hanno avuto l’opportunità di apprezzare le sue dote umane e professionali. Perdiamo un grande collega a cui in tanti hanno voluto bene e stimato. In un momento di profonda tristezza, inviamo un abbraccio forte alla famiglia, a cui vogliamo offrire anche un aiuto reale per i momenti difficili che dovrà affrontare insieme alla grave perdita”. “Il consiglio ha deciso coralmente – prosegue Amato – innanzitutto di attivare una raccolta fondi da donare alla famiglia e di sostenerla avviando tutte le agevolazioni previste dalla legge, a partire dall’accesso agli aiuti previsti dalla Fondazione Onaosi, che assiste in Italia gli orfani dei professionisti della sanità, a tutela del futuro dei figli, e ai sussidi che la Fondazione dell’Enpam mette a disposizione per gli studi e le prestazioni assistenziali degli orfani dei medici e della famiglia”. “Stamattina – conclude il presidente – abbiamo già chiesto al sindaco Leoluca Orlando, che ha subito dato la sua approvazione, di dedicare una strada a Liotta nei pressi di Villa Magnisi, sede dell’Ordine dei medici, per coltivare la memoria di un medico che ha perso la sua vita per salvaguardare la salute di altre vite umane”.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Ollando e Musumeci…ma.con quale coraggio!!!
    Uno presidente della.città metropolitana (ex provincia) l’altro presidente della Regione Sicilia….
    Non vi vergognate??? Un territorio abbandonato da anni, strade che non esistono ….manutenzione zero!!! Non avete mai stanziato un euro per questo nostro territorio (Corleone, Busacquino, marineo, Palazzo Adriano, contessa entellina…ecc ecc)…però parlate di cervi…daini….cinghiali ecc ecc!
    Forse …con le strade sistemate…i torrenti puliti…non sarebbe morto nessuno!
    PS : in quella zona…Non ci sono case abusive!!!!!
    A buon intenditore ,poche parole!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.