Il vaccino, la morte di Cinzia Pennino: "I documenti non si trovano"

Il vaccino, la morte della docente: “I documenti non si trovano”

Ci sono dei pezzi mancanti. Dei buchi che impediscono, al momento, di fare luce sulla morte di Cinzia Pennino.
3 Commenti Condividi

PALERMO – Ci sono dei pezzi mancanti che forse non si riuscirà a mettere a posto. Dei buchi che impediscono, al momento, di fare luce sulla morte di Cinzia Pennino. La docente del don Bosco Ranchibile è deceduta il 28 marzo scorso al Policlinico di Palermo. Il referto parla di trombosi addominale. Era stata vaccinata con AstraZeneca l’11 marzo precedente. La Procura della Repubblica ha aperto un’inchiesta.

Non si tratta soltanto, ed è un compito complicato, di accertate l’eventuale – al momento non è stata accertata – correlazione fra la vaccinazione antri Covid e il decesso, ma anche di ricostruire i passaggi della vittima nell’hub vaccinale della Fiera del Mediterrano. E qui la faccenda si complica perché, appunto, mancano dei pezzi.

C’è un altro interrogativo chiave: Cinzia Pennino poteva essere vaccinata con AstraZeneca oppure era un soggetto a rischio per cui era consigliato l’utilizzo di un altro prodotto ? I familiari hanno raccontato che la donna, il 7 marzo, era andata alla Fiera perché rientrava nel personale scolastico coinvolto prioritariamente nella campagna. Solo che era sta rimandata indietro per la sua “severa obesità”.

Sono gli stessi medici del Policlinico ad avere rilevato una obesità con tasso bmi 39,8 (si tratta del quarto grado su una scala che ne prevede sei). Il rapporto fra peso e altezza di Cinzia Pennino non lascia dubbi: 115 chili per un metro e 70. E dubbi non ne ebbe neppure il medico che decise di non vaccinarla.

L’11 marzo Pennino si ripresentò in Fiera, dopo avere prenotato telefonicamente, e stavolta fu vaccinata con AstraZeneca. Il medico non ritenne che la sua condizione di obesità fosse un fattore di rischio. C’è la firma di Pennino sul modulo di consenso informato, ma è sicuro, si chiedono i parenti, che le fosse tutto chiaro e avesse deciso di non ascoltare il consiglio del primo medico?

Ed ecco uno pezzo mancante. Del primo passaggio alla Fiera del Mediterraneo non c’è traccia. La prenotazione è stata cancellata, così dice il personale amministrativo, per consentire a Pennino di fare una nuova prenotazione “con altro vaccino riservato alle persone vulnerabili” . Non c’è traccia neppure dell’anamnesi che spinse il medico a non vaccinare la donna con AstraZeneca. La pratica non esiste perché non si è conclusa, non c’è alcun documento che certifichi la presenza in Fiera di Cinzia Pennino: è la prassi.

Si sta cercando di rintracciare almeno il nome del medico. In quel periodo ce n’erano diciassette in servizio. Anche risalendo alla sua identità dal turno di lavoro è ipotizzabile che non ricordi il caso specifico. Esattamente come non lo ricorda il medico che ha somministrato la dose. È stato sentito dagli investigatori. Impossibile ricordare di Cinzia Pennino in un contesto di 80 anamnesi per ogni turno di lavoro. L’anamnesi viene compilata dal paziente e il medico ha il compito di verificare e chiarire eventuali dubbi.

E poi ci sono i passaggi ospedalieri da scandagliare. I sanitari hanno prestato tutte le cure necessarie, sono stati commessi errori? Gli interrogativi sono diventati quesiti per i periti. Ci si concentra sui farmaci somministrati come l’eparina, su alcune allergie, ad esempio alla lana, riferite dalla paziente e sulla piastrinopenia diagnosticata su Cinzia pennino come possibile conseguenza della trombosi.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    ogni vaccinazione effettuata o non effettuata deve essere tracciata con documentazione certa e valutabile per gli eventuali effetti collaterali o altre problematiche insorte in corso di vaccinazione.
    La tracciatura certa nei confronti della vaccinazione con AstraZeneca assume una connotazione di obbligo essendo insorti con questa vaccinazione casi di morte sospetta.

    Io resto basito da queste discussioni. Qualsiasi medico vaccinatore sa che Astra Zeneca non può essere inoculato agli obesi. Ora una donna alta 170 cm con peso di 115 kg. Ma quale anamnesi devi fare ?? ma di cosa parliamo. Lo vedi subito che è obesa. La rimandi a casa come ha fatto giustamente il primo medico.
    Mi meraviglio del magistrato che gestisce il caso. È ovvio che il secondo medico avendola vaccinata ha commesso una gravissima omissione. Penalmente perseguibile. Mica ci vuole Cicerone per capirlo.
    Il fatto che non vi sia traccia della precedente mancata vaccinazione è gravissimo perché queste cose devono essere tutte tracciate. Ho avuto subito l’impressione che questi centri vaccinali abbiano un impostazione tipo “vaccinazione del bestiame” … ma qui vacciniamo persone. E’ un omessa vigilanza documentale. Penalmente perseguibile.
    Ed infine concludo, ho letto che i familiari della povera docente sostengono che la professoressa fosse in buona salute. Ma signori come si può sostenere questo? l’obesità è una grave situazione. Ma che concetto della salute abbiamo in questo paese ????

    assolutamente d’accordo. L’obesita’ e’ la causa principale di insorgenza di malattie metaboliche e cardiovascolari con pesanti ripercussioni economiche e sociali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.