Imprenditori, politici e tangenti | Palazzolo racconta Cosa nostra - Live Sicilia

Imprenditori, politici e tangenti | Palazzolo racconta Cosa nostra

Vito Roberto Palazzolo

Il finanziere di Terrasini confermerebbe i risultati delle indagini patrimoniali della Dia che ha sequestrato l'impero economico del costruttore monrealese Calcedonio Di Giovanni. Tra i beni, anche un centinaio di case nel villaggio vacanze Kartibubbo a Campobello di Mazara.

LE RIVELAZIONI
di
3 Commenti Condividi

PALERMO – Grandi affari e tangenti. Nel racconto di Vito Roberto Palazzolo spuntano le mazzette e i politici collusi o presunti tali. Fatti datati, almeno quelli finora ricostruiti, ma che tornano d’attualità e aprono nuove possibilità investigative.

I verbali del finanziere di Terrasini arrestato dopo una lunga latitanza in Sudafrica confermerebbero, innanzitutto, i risultati delle indagini patrimoniali della Direzione investigativa antimafia che lo scorso ottobre ha sequestrato l’impero economico del costruttore monrealese Calcedonio Di Giovanni. Tra i beni, che valgono mezzo miliardo di euro, passati in amministrazione giudiziaria ci sono anche un centinaio di case nel villaggio vacanze Kartibubbo a Campobello di Mazara.

Ed è proprio a Kartibubbo che, secondo l’accusa, sarebbe emerso il collegamento fra Di Giovanni e Palazzolo, uno dei principali artefici del riciclaggio del denaro sporco di Cosa nostra. Palazzolo collabora con i magistrati di Palermo. Delle sue dichiarazioni si è saputo poco, pochissimo. Si conosce il contenuto di un paio di verbali depositati davanti alla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo. L’uomo partito da Terrasini e diventato ricco in giro per il mondo racconta che nel corso degli anni Settanta, quando voleva in Germania, aveva incontrato dei soci tedeschi, “imprenditori e politici”, per realizzare il complesso turistico a Campobello attraverso la Corporation Park.

È una delle società sequestrate a Di Giovanni. “Erano stati frapposti diversi ostacoli burocratici – spiega Palazzolo – e il sindaco Nenè Passanante si era opposto al progetto”. A quel punto, però, sarebbe stato chiesto “un sostegno ad un certo Centineo che a sua volta si era rivolto a Nenè Geraci che incontrò Passanante”. Geraci, ormai deceduto, è stato il padrino della cosca mafiosa di Partinico.

Come andò a finire lo ricostruisce sempre Palazzolo, sostenendo che “le vicende si appianarono mediante i pagamenti quando si rivolsero ad un progettista di area socialista, tale ingegnere Toscano”. Parlando di “pagamenti” intende dire mazzette e lo spiega subito dopo: “I fondi per il pagamento delle tangenti vennero recuperati attraverso una sopravvalutazione dell’opera, apparentemente indicata in due miliardi e mezzo di lire mentre ne sarebbero bastati due miliardi”.

A quel punto l’ingegnere Toscano avrebbe presentato un “tale Pantalena che aveva ricevuto l’appalto per la ricostruzione del paese di Santa Fninfa dopo il terremoto del ’68”. Solo l’intervento della politica, però, avrebbe messo a posto le cose. Palazzolo ricorda che “Toscano presentò tale Vito Cusumano, onorevole socialista, che fu la persona che riuscì a risolvere i problemi autorazzativi con le tangenti”. Cusumano, anche lui nel frattempo deceduto, è stato ex sindaco di Salemi, ma soprattutto eletto deputato per due legislature e componente della Commissione lavori pubblici.

E in effetti l’affare andò in porto: “Il sindaco Passanante aveva proposto di cedere la società. La Campobello Park venne venduta con l’intermediazione di Nino Geraci ad un certo Calcedonio Di Giovanni. Era il residence Kartibubbo”. Geraci ricevette 20 milioni di lire a titolo di commissione che spese per comprare una villetta in contrada Ciammartita a Trappeto. E qui si apre un nuovo fronte investigativo. La villa divenne luogo di summit. Palazzolo dice di avervi incontrato “Brusca, Bagarella, Riina, Agate e molti altri mafiosi trapanesi”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Ad occhio…ti accorgi subito che alcuni elementi, soprattutto di sera, non fanno proprio parte dell’endurance estivo/vacanziero…☼☼☼,( per come sono vestiti, dalle autovetture, per l’assenza di donne, per il dialetto, per l’atteggiamento, per gli sguardi, per la silenziosità, per la velata arroganza, per l’oro che indossano, per come siedono a tavola, per il vistoso timore riverenziale dei camerieri, dal cuoco che addirittura esce dalla cucina per servire direttamente al loro tavolo ecc).
    Ma comu a facisti sta carne?…portatilla e mancitilla tu!!! Ed altre lamentele assurde, oltre che scuse pretestuose di ogni tipo.
    Mi ha fatto molta impressione (e non solo a me)…assistere a questo tipo di comportamenti.
    Può essere che fossero solo persone esigenti? eh eh eh eh eh eh…..
    Mha……! una cosa è certa, ho assistito a cene di, zodiconi e viddani, sistemati in tavoli a parte che, meritavano di consumare il pasto dentro una stalla e non con persone per bene con al seguito le proprie famiglie.

    Hai ragione, io aggiungerei che fanno anche parte di una categoria di persone, diffusissima soprattutto qui in Sicilia, capace di diventare improvvisamente ricca dall’oggi al domani senza però avere vinto il sei al Superenalotto. Proporrei a Crocetta di cercare fra uno di questi tanti “geni” della finanza il futuro Assessore regionale dell’Economia.

    Grazie Francesco. Ho pernottato al Milu Beach Club per dieci giorni con la mia famiglia. Villaggio gestito discretamente da proprietari in parte siciliani ed inglesi, giovani che si stanno rimboccando le maniche….ma facendo un giro al Kartibubbo, notavo sovente facce e movimenti soprattutto di sera che facevano venire il voltastomaco ed il dubbio che ci fossero degli incontri subito dopo cena.
    La mia curiosità per quei presunti mafiosi autoctoni si è dovuta interrompere bruscamente, quando mia moglie ha visto che iniziavo a girare da solo, soprattutto nel cuore della notte per capirne di più, intimandomi di rimanere nella nostra camera.
    Non essendo del luogo, non saprei dire a chi fossero quei personaggi. Rimpiango solo di non avere fatto delle foto in maniera fortuita e discreta….sono certo che prima o poi li avrei rivisti in qualche sito di cronaca o su un quotidiano.
    W la Legalità ed i Siciliani onesti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *