"Imu azzerata per i più poveri| E revoca della concessione alla Serit" - Live Sicilia

“Imu azzerata per i più poveri| E revoca della concessione alla Serit”

“La mia amministrazione si prepara a modificare profondamente il rapporto con la Serit e la gestione di Imu e Tarsu”. Lo dice il candidato sindaco Fabrizio Ferrandelli, che annuncia anche iniziative per la riscossione delle tasse attraverso un confronto con i debitori.
PALERMO 2012. FERRANDELLI
di
20 Commenti Condividi

“La mia amministrazione si prepara a modificare profondamente il rapporto con la Serit e la gestione di Imu e Tarsu”. Lo dice il candidato sindaco Fabrizio Ferrandelli in una nota stampa. Per iniziare verrà ritirata la concessione alla Serit, la società esattoriale siciliana, per la riscossione delle imposte locali: “Il servizio sarà gestito direttamente dal comune, sgravando i cittadini dal costo dell’aggio che oggi finisce nelle casse della Serit e diminuendo quel cumulo di ‘interessi su interessi’ che gravano sui palermitani”.

Verranno poi verificate tutte le posizioni debitorie dei cittadini caso per caso per avviare delle forme di concordato che vadano incontro alle necessità di ognuno e che garantiscano l’effettiva riscossione delle imposte. “Oggi il comune continua ad iscrivere in bilancio circa 200 milioni di euro di imposte locali non riscosse e che difficilmente riscuoterà. Meglio concordare caso per caso: in questo modo si andrà incontro a cittadini, imprenditori e commercianti che intendono estinguere il loro debito, per liberarli da ‘pesi’ e permettere loro di tornare ad accedere al credito rimettendo così in moto anche l’economia locale”.

Il sistema di riscossione delle tasse deve essere equo, ma ha aggiunto che “le tasse vanno pagate e devono essere utilizzate per offrire servizi ai cittadini”. Nette anche le posizioni che verranno prese sull’imposta municipale unica e sulla tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani. “Per quel che riguarda l’Imu sulla prima casa – ha concluso Ferrandelli – la ridurremo al minimo e al tempo stesso, attraverso l’innalzamento delle ‘compensazioni’, la azzereremo per le fasce più deboli. Inoltre taglieremo la Tarsu per un anno alle imprese e alle attività commerciali che apriranno al di fuori del centro cittadino: incentivare la nascita di attività in ogni quartiere per migliorare la qualità della vita in ogni zona della città e rimettere in moto tutta Palermo”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

20 Commenti Condividi

Commenti

    e ccchiù pilu pi tutti no?

    Non c’è che dire abile tecnica di sostegno dà parte nostra, dai dai.

    Perfetto como Berlusconi NIENTE TASSE per tutti”…

    Se lo facesse veramente lo voterei!

    Non cè che dire come balle…..

    Case popolari mo???

    Interessante il commento di Valentina. Un po’ come dire “Se il Palermo vince lo scudetto allora ci tifo”. Ma per cortesia… svegliatevi palermitani! Da una parte c’è uno che è stato assente per dieci anni e, dall’altra, uno che ha vissuto sempre qui e ha fatto molto per Palermo.

    lo voterò perché lo farà.

    La metà delle cose che ha detto non le può fare perchè la legge glielo vieta. L’altra metà non le può fare perchè tecnicamente impossibile (vista la situazione dei conti del comune). Piena deriva berlusconiana…..
    La cosa che più mi preoccupa è la totale mancanza di senso critico da parte dei sostenitori di Ferrandelli (candidato che all’inizio mi faceva pure simpatia), mi sembrano tanti invasati. Mi sa che da domani entrerò anche io in campagna elettorale, contattando amici e parenti per farli votare per il meno peggio (Orlando). In questa città devo continuare a viverci e quindi è meglio non rifare l’errore degli ultimi dieci anni quando abbiamo permesso a Cammarata di distruggere la città. Tra l’altro la vittoria di Ferrandelli lo lascerebbe senza maggioranza in consiglio, quindi dovrebbe ad ogni votazione andare a mendicare il voto dell’opposizione. Con quali voti vorrebbe andare avanti…… Di corsa a votare Orlando…..

    Non ho mai visto un povero che deve pagare la tassa sugli immobili!!! Se uno ha gli immobili li affitta e’ ne ricava reddito, se non dichiara il reddito non e’ un povero, ma un evasore!! Ferrandelli hai le idee confuse sulla poverta’ !!! Ma pur di diventare sindaco fai le promesse di Cetto La Qualunque…chiu’ pilu pi tutti!

    é proprio disperato

    Biglietto dell’autobus gratis per tutti!! Ma va là!

    ritirera’ la concessione dalla serit e i cittadini pagheranno direttamente in comune..questa l ho sentita da una persona in diretta telefonica in una trasmissione locale che suggeriva tale cosa…quindi nn e’ idea sua

    è interessante notare la “schizofrenia politica ferrandelliana” che

    – nel 2009 si “batte il petto” in consiglio per riportare l’IRPEF al 4 per mille
    http://palermo.repubblica.it/dettaglio/comune-stop-alladdizionale-irpef-si-torna-alla-vecchia-aliquota/1763216

    – nel 2012 ad un passo dalle elezioni quando il consiglio da nuovamente
    il colpo di mano per il Raddoppio dell’IRPEF all’ 8 per mille
    lui neanche si presenta in consiglio per votare contro.
    http://scedelibere.comune.palermo.it/scedelibere//docs/albopretorio/82053/d.c.c._339.pdf

    4 consiglieri si sono opposti
    1 astenuto
    18 votano si
    27 sono direttamente assenti(tra cui Ferrandelli)

    ora calvaca anche l’onda dei comuni de-equitalizzati e pensa che il trucco dell’IMU faccia leva in un momento in cui il bilancio del comune rischia il default. Attenzione non che Orlando sia più saggio… sa solo essere meno “berlusconiano” e “demagogo in senso negativo” del ferrandello. ma la solfa è la stessa. in ogni caso il dissesto di palermo è alle porte.

    Sono una cittadina di Palermo, conosco Ferrandelli, so che e’ una persona brava e onesta,l’unico che si spenderebbe tanto per la citta’ e per i Palermitani,se veramente vogliamo cambiare in meglio la nostra citta’ e lui la persona giusta.

    Sostituire la Serit – e con cosa? Con il Comune? Pensa di fare meglio del 9% di aggio concesso alla Serit? Auguri… Piuttosto, perchè non seguite quanto indicato dalla Corte dei Conti nel giudizio di parificazione del 2010 che indica come il 90% delle iscrizioni a ruolo è relativo a somme modeste.. meno iscrizioni a ruolo per piccole somme e focus su somme sopra 100 mila euro…

    “Oggi il comune continua ad iscrivere in bilancio circa 200 milioni di euro di imposte locali non riscosse e che difficilmente riscuoterà. Meglio concordare caso per caso”

    ok, allora evito di pagare l’IMU e la Tarsu.. tanto poi me l’abbuonate..

    in un momento cosi difficile credo che l’ìdea di togliere le tasse piuttosto che distribuirle e spalmarle più equamente sia assurda.
    i servizi vanno pagati secondo le proprie possibilità. per uscire da un momento cosi nero c’è bisogno dello sforzo di tutti e sappiamo quanto la logica del palermitano sia istruttiva:”m’hann a dare a casa” o peggio di quanti finiti poveri ci siano in questa città. bisogna responsabilizzare il cittadino non ingannarlo con l’inganno di imposte più leggere o addiritura con l’abolizione.
    tutte le fasce di reddito devono partecipare in maniera proporzionale ai propri introiti. sono stanca di andare nei quartieri a rischio e vedere nulla tenenti che guardano televisori al plasma e guidano macchinoni che io (figlia di due dipendenti con stipendio “fisso”) non avrò mai

    pardon “la logica del palermitano di DISTRUTTIVA “

    AGGIO: “Somma che l’Agente della riscossione (Adr) percepisce per la sua attività di riscossione dei crediti. Entro 60 giorni dalla notifica della cartella l’aggio è a carico del debitore per il 4,65%, mentre il restante 4,35% è a carico dell’ente creditore. Oltre i 60 giorni l’aggio è totalmente a carico del debitore nella misura del 9%. Come prevede il dl 201/2011, convertito con modificazioni dalla legge 22 dicembre 2011 n. 214, l’aggio sarà sostituito da un rimborso all’Agente della riscossione”.
    La fonte è il glossario di Equitalia, consultabile sul sito.
    Aggiungo che la decisione del Parlamento di appioppare tutto il costo del servizio di riscossione ai cittadini morosi è relativamente recente e funzionale allo scopo di conseguire risparmi a vantaggio del complessivo sistema fiscale e degli enti creditori: Stato, Ragione, Comune,Provincia, Ente previdenziale ecc…. A proposito di TARSU, la legge per anni ha lasciato libero il Comune di decidere se affidare la riscossione all’Adr, a società privata o svolgere il servizio in proprio. Di recente la legge è cambiata imponendo ai Comuni di fare da soli. Alcuni si sono attrezzati, altri no. Occorrono uomini e mezzi, competenze e risorse. Infine: caso per caso…beh. E’ già così. I pagamenti si calcolano in base a metri quadri e al regolamento comunale e possono essere rateizzati secondo regole certe, valide per tutti (spero).

    non si vede un vigile urbano sugli incroci nelle ore di punta o quando piove manco a pagarlo ! Sono tutti a prendere multe per divieto di sosta dove è comodo (e magari inutile ai fini del traffico). Il comune fà cassa (e che cassa!) con le multe a scapito di chi spesso non sà se riuscirà a garantire alla famiglia un pasto al giorno. Nessuno ne parla. Ferrandelli che ne pensa ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.