Regione, manager in bilico | Oggi il verdetto finale - Live Sicilia

Regione, manager in bilico | Oggi il verdetto finale

La giunta vara un ddl
di
17 Commenti Condividi

Rimandata di 24 ore la decisione sulla sorte dei nove dirigenti generali esterni della Regione. La giunta di governo riunitasi ieri ha deciso che un disegno di legge regolamenterà la materia della Dirigenza generale ma non ha sciolto i nodi relativi ai nove supermanager esterni al momento in carica.

Il ddl è stato approvato oggi dalla giunta di governo, riunita a Palazzo d’Orleans sotto la presidenza di Raffaele Lombardo. La nuova proposta riduce al 20% (rispetto all’attuale 30%) il limite massimo per il ricorso a dirigenti generali esterni. Al tempo stesso, si istituiscono due albi aperti: nel primo confluiranno i nomi degli aspiranti dirigenti generali esterni all’Amministrazione aventi titolo per ricoprire l’incarico, nel secondo gli aventi titolo interni alla stessa Amministrazione. In futuro i dirigenti generali saranno, dunque, scelti attingendo a questi elenchi.La giunta ha anche affrontato il tema degli attuali dirigenti generali esterni e su questo si e’ aggiornata a domani.

Si attendeva da giorni, in effetti, una riunione di Giunta che decidesse sul futuro di Nicola Vernuccio (Attività produttive), Patrizia Monterosso (Formazione e Istruzione), Salvatore Barbagallo (Agricoltura), Rino Lo Nigro (Agenzia per l’impiego), Gian Maria Sparma (Pesca), Rossana Interlandi (Energia), Maurizio Guizzardi e Mario Zappia (Sanità), Romeo Palma (Ufficio legislativo e legale).  Martedì sera è stata ultimata la relazione sui profili curriculari dei nove dirigenti esterni, preparata da un pool di tecnici guidato dai dirigenti Enzo Emanuele e Giovanni Bologna, sotto la supervisione “giuridica” del costituzionalista Giovanni Pitruzzella. E se, per Barbagallo, Palma e Guizzardi dovrebbe essere confermata la nomina, per gli altri sei (ma Lo Nigro ha già deciso di lasciare la Regione il prossimo luglio) la situazione è assai più incerta.

In particolare, per i sei manager che potrebbero “saltare”, le incertezze riguardano le precedenti attività politiche per la Interlandi e Vernuccio (ex commissari dell’Mpa a Caltanissetta e Palermo), la “mancanza dei requisiti” per Mario Zappia, la mancanza di cinque anni di attività dirigenziale per la Monterosso ai tempi della nomina (voluta da Cuffaro), l’assenza di laurea per Lo Nigro (che, come detto, però, ha già deciso di farsi da parte). Per Sparma, invece, i titoli sembrano appena sufficienti. Ma andranno verificati anche quelli degli “interni”.

Restano sul tavolo, appunto, tutta una serie di nodi da sciogliere e “vizi” nell’istruttoria seguita per la nomina di questi manager. Innanzitutto la decisione di valutare “a posteriori” i curricula dei dirigenti, quando invece la legge Brunetta imporrebbe una verifica preliminare delle professionalità interne alla Pubblica amministrazione (sono 2.100 i dirigenti attualmente presenti alla Regione). Poi, pende al Tar il ricorso dei quattro dirigenti generali ai quali non è stato rinnovato il contratto a dicembre (Maria Antonietta Bullara, Giuseppe Li Bassi, Michele Lonzi e Giuseppe Morale). E ancora, bisognerà decidere sul conflitto d’attribuzione sollevato dal ministro Fitto di fronte alla Consulta.

La giunta di ieri ha anche approvato un disegno di legge in materia di appalti, necessario per adeguare la normativa regionale alle disposizioni nazionali. In materia di forestazione e rinaturalizzazione, sono stati apprezzati gli Apq – Fas (Accordi di programma quadro) attualmente in linea di autorizzazione. Il governo ha, quindi, dato il via libera alla proposta di una legge per la ricostruzione delle aree terremotate, avanzata dal Coordinamento dei sindaci sulla scorta degli indirizzi espressi dalla speciale commissione per i problemi della valle del Belice costituita con decreto del presidente della Regione. Il ddl sara’ trasmesso al consiglio dei ministri “auspicando che possa configurarsi una proposta di legge del Governo Nazionale”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

17 Commenti Condividi

Commenti

    Il governo innovatico, trasparente, santissimo, no riesce neanche a scegliere i propri commis, se non per fedeltà politica. E questo governo dovrebbe salvare la Sicilia?

    Perbaccolina!In 5 mesi hanno esaminato i curricula di nove persone, media di 16 giorni cadauno! Poi dicono che alla regione sono lenti!

    Quanta superficialità emerge dai commenti dei lettori di questo giornale. Nenache di fronte ad un esempio di “buona” amministrazione si riesce a dire “bravi, bene così”. Remo contro e lo faccio io, una buona notizia ogni tanto va incoraggiata e lodata

    Ecco chi è il “riformatore” Lombardo!! e che nessun ascoro-piduista-mafioso si permetta a dire che le nomine dei dirigenti siano state fatte per l’occupazione bieca del potere e in esclusiva funzione CLIENTELARE!!!

    danno erariale ed abuso di ufficio in vista….che si aggiungerebbe alle indagini per concorso esterno a suo carico.

    Insomma…non c’è che dire?!?!?! un uomo “trasparente” e “limpido” che combatte per la legalità e le riforme per amore di noi siciliani contro questi poteri occulti.

    Credo che il suo soprannome più appropriato sarebbe BATMAN !!!

    per Disgustato. Ti prego: non confondiamo.

    ma siete sicuri che oggi ci sia Giunta? per quello che è dato sapere anche questo è un dato incerto. Poi vorrei capire quali siano le motivazioni che terrebbero dentro tre su nove. sempre per quello che è dato sapere neanche i tre avrebbero requisiti non riscontrabili tra i dirigenti interni. Dobbiamo capirci, se la Brunetta che inonda gli uffici regionali con disposizioni e richieste da parte degli stessi che compongono la commissione dei saggi, vale per alcune cose e alcune frange di personale o vale per tutte cose e per tutti! Mi sa che si vuole fare “trasiri u sceccu pa cura”.

    Per Lucido: non capisco quale sarebbe la buona notizia?
    Ti sei chiesto quanto hanno percepito questi signori e queste signore in questi anni non avendo forse titolo a farlo?
    Ti sei chiesto quanto chiederanno e percepiranno qualora “buttati” fuori per aver lavorato nel ruolo di dirigente generale senza contratto?
    Ti sei chiesto quanti atti hanno sottoscritto che hanno impegnato ed impegneranno spese per la regione?
    Ti sei chiesto chi pagherà questo danno?
    A queste domande rispondiamo con coerenza e forse allora il punto di vista cambierà…poi se il tuo commento era sarcastico (anche se non sembra) ti chiedo scusa e la prossima volta fallo almeno intuire…
    Saluti.

    Certo che abbiamo proprio toccato il fondo! Se dopo 2 anni ancora assistiamo al valzer dei dirigenti generrali che, una volta per incompatibilita’ politica (cuffariano) , un’altro per mancanza di requisiti curriculari e/o professionali (9 esterni + leonardi) la responsabilita’ di questo sistema completamente paralizzato non puo’ che essere addossata al “manico”, cioe’, …. Colpa dell’eccesso di incordigia di qualche personaggio e/o partito/movimento? o cos’altro ?

    è questo il motivo per cui tutti odiano Lombardo al di là delle cose dichiarate all’Infedele, delle sue lotte, innovazioni e denunce. Fin dall’inizio del suo mandato ha tentacolarizzato la pubblica amministrazione nominando amici e parenti, seguaci di partito, privi di titoli e qualità, sbattendosene le p…delle leggi di questo Stato. L’Autonomia che tanto desidera per questa Regione è in realtà il desiderio di poter fare quel che gli pare. Sulle tasse, sulle nomine, su come spendere i soldi. Vorrebbe farsi un sultanato in Sicilia. Arroganza è la parola che meglio rende il governo di Lombardo degli ultimi 2 anni. Ma anche boria e avidità. Le sue denunce sui termovalorizzatori sono tutta scena e convenienza. Ci sento prio per questa sentenza e attendo paziente la fine di questa dittatura.

    premesso che sul 20% ho perplessità di tipo costituzionali a riguardo quanto dettato dalla Brunetta. sugli elenchi: che si possa pensare ad un elenco per gli esterni sul tipo di quello adottato per i manager della Sanità, forse ci può stare. ma che c’entra l’elenco degli interni? quell’elenco esiste già e si chiama ruolo Unico. E’ stato fatto tanto chiasso per la sua pubblicazione on line e ora non serve più? Ma che forse i 2100 dirigenti non si sentiranno idonei alla dirigenza generalel’unico posto che personalmente ritengo possa addirittura pensarsi ad un concorso è quello di Comandante del Corpo Forestale che svolgendo compiti di Polizia, potrebbe richiedere caratteristiche adeguate e opportune ai compiti che ne derivano, per il resto all’interno trovi tutti i dirigenti che vuoi.

    Ma lo sapete quali sono i titoli esibiti dalla Monterosso? Un anno di insegnamento alle ascuole materne e un incarico come ricercatrice di filologia greca. E in virtù di questo “zero tituli” pretende di amministrare un potere che nemmeno un commissario europeo si sogna di governare. Che scandalo!!!!

    Caro rosolino Pilo, lascia giudicare la politica, la valutazione dei titoli è una cosa, la verifica un’altra, l’esibizione un’altra ancora; perchè preoccuparsi tanto, Patrizia è ancora giovane e bella, inoltre adesso è anche formata.

    Vuolete vedere che i defenestrati saranno risarciti entro tre mesi con un incarico forse ancora più prestigioso e redditizio. Mi viene in mente un ex assessore comunale di Catania (Mpa) indagato per il falso in bilancio. Rinunciò – con gesto eroico . a fare l’assessore della giunta Stancanelli e dopo quindici giorni fu nominato commissario della Circumetnea. Milioni di appalti, personale, assunzioni da gestire in grande…autonomia.

    Lucido
    Quanta stupidità e sottomissione verso il padrone emerge sempre nei commenti dei sostenitori lombardiani.
    Mi sta sfuggendo quale sarebbe la buona notizia per cui gioire.
    Intanto si sta parlando di ddl e altro fatti dalla GIUNTA e non da Lombardo.
    Poi io dico che con 2100 dirigenti potremmo scendere ancora molto sotto il 20%.
    E mi sfugge anche il motivo per cui dovrei gioire solo perché stanno avendo qualche esitazione nel regalare ancora fior di quattrini ( mentre in Sicilia i disoccupati non si contano più) ai soliti notissimi nomi.

    Caro innovativo volevo chiederti e so che tu mi ascolterai perchè hai a cuore noi siciliani e combatti minutamente il malaffare, gli arraffatori e i malavitosi e il tuo vivere è trasparente come l’aria di Grammichele di pubblicare tutti i resoconti e i verbali e le delibere della tua Giunta. Altrimenti dai l’idea che in quel convivio non è che proprio vi adoperate per risolvere le annose questioni che avviliscono Sicilia e Siculi.Grazie di cuore a tutti coloro che faranno altrettanto e chiederanno la pubblicazione dei verbali, magari anche nel blog del Presidente o in quello di Miccichè o per abbondanza in entrambi.

    Certo il Presidente per ricompensare Gaspare Rino Lo Nigro, delle sue magagne e mendaci dichiarazioni potrebbe metterlo a capo di qualche ente regionale. Magari potrebbe nominarlo al CIAPI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Non capisco la mancata pubblicazione del mio post,non credo che fosse più offensivo di altri…la verità fa male!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.