Morì a 13 anni cadendo da un dirupo | Il Comune deve pagare i danni - Live Sicilia

Morì a 13 anni cadendo da un dirupo | Il Comune deve pagare i danni

L'avvocato Marco Cammarata

Pur riconoscendo un concorso di colpa alla vittima, il Tribunale civile di Palermo ha stabilito che l'amministrazione municipale deve risarcire i genitori del ragazzino.

PANTELLERIA
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – Aveva tredici anni quando precipitò da un dirupo alto cinquanta metri. Non avrebbe potuto guidare il motorino, ma il Comune di Pantelleria non mise in sicurezza la strada. E così, pur riconoscendo un concorso di colpa alla vittima, il Tribunale civile di Palermo ha stabilito che l’amministrazione municipale deve risarcire i genitori del ragazzino. Dodici anni dopo la tragica morte.

Il tredicenne non morì sul colpo, l’impatto con il suo suolo fu evitato da un albero. A rimanere compromessa fu la funzionalità dei polmoni. Dopo due settimane di ricovero all’ospedale Civico di Palermo, una polmonite causò il decesso. Era stata ipotizzata anche la responsabilità dei sanitari che lo ebbero in cura, ma il giudice ha riconosciuto la piena correttezza di medici e personale della struttura palermitana. E ha stabilito, come sollecitato dai legali dei familiari, gli avvocati Marco Cammarata e Michele Danca, che il Comune di Pantelleria nulla aveva fatto per prevenire la tragedia. Se la mulattiere dove il giovane perse il controllo dello scooter fosse stata protetta da un guard rail il tredicenne non sarebbe precipitato.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *