Ingegneri ed equo compenso |"Giovani costretti all'esodo" - Live Sicilia

Ingegneri ed equo compenso |”Giovani costretti all’esodo”

A pochi giorni dalla scadenza del suo mandato – lunedì si terranno le elezioni - il presidente degli ingegneri Santi Cascone lancia l'allarme.

fuga di cervelli
di
4 Commenti Condividi

CATANIA – Equo compenso per i professionisti per contrastare l’inarrestabile fuga di cervelli. A pochi giorni dalla scadenza naturale del suo mandato – lunedì si terranno le elezioni – Santi Cascone, che ha guidato l’Ordine degli ingegneri per l’ultimo quadriennio, dopo la parentesi politica che lo ha visto assessore “tecnico” dell’ex sindaco Stancanelli, lancia l’appello ai legislatori per evitare un problema che, prima di tutto, definisce “sociale.

Equo compenso. È stato abolito per favorire la liberalizzazione del mercato, ma secondo lei avrebbe danneggiato i più giovani.

Innanzitutto va detto che siamo di fronte a una situazione che costituisce un allarme di tipo sociale. Perché in un momento in cui ci troviamo di fronte a una moltitudine di professionisti si trovano ad operare in un mercato ristretto e soprattutto dove non ci sono regole per la determinazione dei compensi e dei tempi dei pagamenti, il problema diventa più ampio.

In che senso?

L’aver eliminato, con il decreto Bersani, i riferimenti minimi tariffari e l’aver eliminato alcuni criteri per il pagamento delle prestazioni intellettuali, ha fatto sì che i giovani professionisti, ma non solo loro, si siano trovati all’interno di un sistema assolutamente sfavorevole alla loro permanenza nel nostro territorio. Tant’è che molti di questi tendono ad andare a lavorare fuori. In più, le nuove regole non hanno allargato affatto il mercato, ma hanno portato a uno svilimento delle prestazioni professionali, provocando la corsa al ribasso. Che, accompagnata all’incertezza dei tempi di pagamento, ha decretato che il lavoro dei professionisti fosse deprezzato anche qualitativamente. Un tema ripreso anche a livello nazionale. Il consiglio dei ministri, il 7 agosto, ha approvato un disegno di legge che riguarda gli avvocati. La nostra volontà, e la nostra battaglia, è che quanto avviato dal ministro della Giustizia per gli avvocati, sia esteso a tutte le professioni.

Catania ha già protestato per ripristinare l’equo compenso.

Abbiamo condotto questa battaglia nel tempo e a varie riprese. E dobbiamo riconoscere che, nell’ultimo semestre, grazie anche al fatto che ci siamo collegati al movimento nazionale, questo tema è ritornato alla ribalta. Pensiamo che i riflettori debbano essere tenuti accesi. Non si tratta di tutelare una categoria, ma i laureati presenti sul nostro territorio che oggi vanno al Nord o all’estero per lavorare.

Può fare qualche numero?

Certo. Pensi che, nell’ultimo quadriennio, abbiamo iscritto circa 400 nuovi ingegneri, la maggior parte dei quali sono già andati via. Questo significa non solo che il nostro territorio non è accogliente, ma che in altre parti le condizioni sono più favorevoli, supportate da regole certe, dai minimi tariffari e dai tempi di pagamento.

Qual è la vostra proposta?

Siamo favorevoli alla concorrenza quando questa significa stare sul mercato migliorando le proprie prestazioni, innovando, e attraverso la qualità. Non stiamo difendendo interessi di categoria: se non si interviene celermente, un’intera generazione di laureati potrebbe non avere più la possibilità di restare sul territorio. Gli strumenti normativi ci sono. Ma a fare la differenza deve essere la qualità della prestazione, non il costo. Che deve essere sostenibile per tutti ma non svilire.

Prima della Bersani?

Prima avevamo fatturati che erano significativi, oggi si sono abbassati di circa il 70 per cento e spesso, per i giovani, sono inferiori ai 5.000 euro l’anno.

Equo compenso ma anche certezza nel pagamento. Come fare con il pubblico che spesso liquida le prestazioni con grande ritardo?

Con le pubbliche amministrazioni, sono del parere che occorra fare tre sollecitazioni: la prima è stabilire regole che prevedano la certezza dei tempi di pagamento, perché quando si lavora per il pubblico, essere incerti sui tempi di pagamento significa trasformare chi fa un attività professionale in un istituto di credito. In secondo luogo, bisogna collegare, e già la regione siciliana qualche passo in questo senso lo sta facendo, le prestazioni nel campo urbanistico, al rilascio di una quietanza di avvenuto pagamento del professionista. La terza è quella di aprire il mercato il più possibile ai giovani, facendo affiancare i professionisti che si occupano di opere pubbliche, da giovani laureati. Una sorta di tirocinio formativo al fianco dei rup e dei tecnici comunali. Questo porta esperienze importanti per i giovani e aiuterebbe le amministrazioni a corto di personale, che possono contare su un valido aiuto.

Questo è quanto lascia in eredità a chi verrà dopo di lei?

Sono tutte battaglie che il consiglio che ho avuto il piacere e l’onore di guidare, ha combattuto con lealtà e rispetto per i propri iscritti. Sono certo che chi verrà dopo saprà operare meglio, con più energia, nel rispetto del territorio.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    ma per favore. Si tira in ballo l’equo compenso solo a ridosso delle elezioni per il rinnovo del consiglio dell’ordine. Pessima iniziativa e puzza troppo di politica vecchio stile. Ma negli anni precedenti ,cosa ha fatto il vecchio consiglio? Solo occupato a fare business con i corsi per ottenere punteggi di formazione. Anni fa, si partecipava a tanti convegni interessanti. Oggi continuano ad esserci ma stranamente non vengono accreditati per avere punti e quindi i tecnici non vanno perchè troppo impegnati a cercare quelli con cui fare punti. Il risultato che si partecipa a convegni allucinanti, pazzeschi ed inutili pur di accumulare punti senza pagare. Ma per favore

    Questa difesa dell’equo compenso è totalmente anacronistica e dimostra il fatto che molti professionisti per decenni hanno vissuto in una bolla di vetro, lontano dal mondo reale e da un sistema economico concorrenziale. Fra l’altro proprio gli ingegneri hanno poco di cui lamentarsi, dato che negli ultimi dieci anni la legge ha imposto tutta una serie di obblighi che si traducono in occasioni di lavoro: l’attestazione di prestazione energetica è obbligatoria per tutti gli immobili, ci sono le opportunità date dagli sgravi per le ristruttrazioni, le riqualificazioni energetiche e antisismiche, il DVR, tutta la normativa sulla sicurezza e antincendio.

    si certo, tante occasioni di lavoro . Peccato che una attestazione energetica la fanno a 20/30 euro. Non ti conviene avventurarti su questo. Pensa invece agli avvocati che hanno minimi che vengono definiti solo a consuntivo e quindi svicolano gli affidamenti diretti inizialmente per poi esporre parcelle allucinanti

    sbagliate entrambi, ormai i professionisti sono TUTTI al collasso lavorativo. Prestazioni malpagate, nessuna garanzia del credito nei confronti dei clienti e responsabilità sempre maggiori.
    la verità è che dovremmo fare pagare ai clienti le “innovazioni” di una burocrazia sempre più ottusa invece di scannarci sui prezzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *