La doppia imputazione di Lombardo - Live Sicilia

La doppia imputazione di Lombardo

SCHEDA
di
1 Commenti Condividi

Come disposto dal Gip Luigi Barone, entro 10 giorni la Procura di Catania dovrà chiedere, a un nuovo Giudice per l’udienza preliminare, la richiesta di rinvio a giudizio per concorso esterno all’associazione mafiosa e voto di scambio aggravato per il presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, e per suo fratello, Angelo, deputato per il Mpa. Ma contemporaneamente martedì prossimo proseguirà, con una nuova udienza, davanti alla quarta sezione del giudice monocratico di Catania, presieduta da Michele Fichera, il processo per reato elettorale ai due fratelli Lombardo.

I due procedimenti dovrebbero continuare separati, con due capi di imputazione diversi. Il processo in corso, che riguarda le elezioni alla Camera del 2008 e la compagna elettorale per fare eleggere Angelo Lombardo, nasce da uno stralcio dell’inchiesta Iblis su presunti rapporti tra mafia, politica, pubblica amministrazione e imprenditoria dopo indagine avviate da carabinieri del Ros su Cosa nostra di Catania. La posizione dei due fratelli Lombardo era stata stralciata dal fascicolo principale e l’accusa iniziale di concorso esterno all’associazione mafiosa è stata derubricata in reato elettorale con la citazione a giudizio diretta disposta dalla Procura davanti al Tribunale monocratico.

Adesso però, sullo stralcio dal quale era pendente l’accusa di concorso esterno all’associazione mafiosa, il Gip Barone ha disposto l’imputazione coatta per Raffaele e Angelo Lombardo, la cui posizione dovrà essere vagliata da un altro giudice che dovrà decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio dei due imputati. La scelta dell’allora procuratore facente funzioni, Michelangelo Patané, e dell’aggiunto Carmelo Zuccaro, che l’avevano motivata richiamando la sentenza di assoluzione della Cassazione su Calogero Mannino imputato di concorso esterno all’associazione mafiosa, non era stata condivisa dai quattro sostituti titolari dell’inchiesta, creando valutazioni diverse all’interno dell’ufficio.

La trafila, codice alla mano, è ben definita. Entro 10 giorni, cioè entro il giorno di Pasqua (e quindi, presumibilmente, prima), l’accusa dovrà formulare l’imputazione nei confronti dei fratelli Lombardo. Dal momento in cui la richiesta di rinvio a giudizio sarà depositata, il gip avrà due giorni per fissare l’udienza preliminare, nel corso della quale si dovrà decidere se andare a processo. In quell’occasione, gli imputati possono anche chiedere di essere giudicati con il rito abbreviato, quindi saltando il rinvio a giudizio e passando subito alla fase della decisione.

Il fascicolo dei fratelli Lombardo era stato avocato da Patané e Zuccaro, mentre il resto dell’inchiesta è rimasta affidata a due dei quattro pm: Antonino Fanara e Iole Boscarino.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Ma da chi e’ governata la Sicilia? Una volta si, ma anche con il secondo Governatore!! Provo rossore nei confronti dei siciliani nel mondo!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *