La mafia dei perdenti: Badalamenti| Impastato e i tanti misteri aperti - Live Sicilia

La mafia dei perdenti: Badalamenti| Impastato e i tanti misteri aperti

Gaetano Badalamenti

Il boss di Cinisi fu condannato all'ergastolo. A 12 anni dalla sua morte sono due le inchieste ancora aperte.

7 Commenti Condividi

PALERMO – Trentotto anni non sono bastati per lasciarsi i misteri alle spalle. Trentotto anni da quando Peppino Impastato fu “suicidato” sulla linea ferrata di Cinisi. Era il 9 maggio del 1978, cinque giorni prima che venisse eletto consigliere comunale nelle liste di Democrazia proletaria.

Ci sono voluti 24 anni prima che una sentenza stabilisse che Peppino non era un visionario, un poco di buono che giocava con le bombe fatte in casa. L’11 aprile 2002 per quel delitto il boss di Cinisi Gaetano Badalamenti fu condannato all’ergastolo. Il padrino non tollerava lo sberleffo radiofonico di Peppino dalle frequenze di Radio Aut e le denunce che intaccavano i suoi interessi economici.

Una parte dei misteri don Tano, nel 2004, se li è portati nella tomba. È morto a 81 anni nel centro medico penitenziario Devens Fmc, ad Ayer, nel Massachusetts, dove stava scontando 45 anni per i traffici internazionali di droga della Pizza Connection. Una grave malattia riuscì laddove aveva fallito Totò Riina. Perché don Tano era scampato alla guerra di mafia degli anni Ottanta, alla furia omicida dei corleonesi. Nel 1970, al fianco di Luciano Liggio e Stefano Bontade, Badalamenti faceva parte del triumvirato che guidò la rinascita di Cosa nostra. Un anno dopo fu eletto al vertice della cupola mafiosa. Le cose sarebbero cambiate radicalmente alla fine di quel decennio. Con il boss di Cinisi prima esautorato e poi costretto a scappare.

Evitò il piombo. Lo stesso piombo che uccise, innanzitutto, Stefano Bontade e Totuccio Inzerillo. L’offensiva di Riina era iniziata tre anni prima, quando fu deliberata la sua espulsione dalla Commissione ormai presieduta da Michele Greco. Lo accusarono di avere tramato assieme al boss di Riesi, Giuseppe Di Cristina, per ammazzare Ciccino Madonia, capomafia di Vallelunga. Fu il colpo di grazia per la credibilità di Badalamenti, già picconata quando Riina gli contestò il diniego all’omicidio del colonnello Russo. Su Badalamenti si addensò il sospetto che facesse il doppio gioco, addirittura che fosse un confidente dei carabinieri. I corleonesi fecero di tutto per stanarlo. Si rivolsero pure al cugino, Antonino Badalamenti, che però non tradì pagando con la vita la sua mancata collaborazione. Don Tano era ormai in Brasile e poi in Spagna, a Madrid, dove lo arrestarono nel 1984.

Erano gli anni dei grandi traffici di eroina. Fu estradato in America. Al giudice che gli chiese se appartenesse a Cosa Nostra, Badalamenti rispose lapidario: “Se lo fossi, non ve lo direi, per rispettare il giuramento fatto”. Negli Stati Uniti apprese la notizia della condanna per l’omicidio Impastato e dell’assoluzione, assieme a Giulio Andreotti, per quello del giornalista Mino Pecorelli.

La sua morte, però, non ha chiuso la partita investigativa. Si lavora parecchio sotto traccia. L’anno scorso la Procura di Palermo ha riaperto l’inchiesta sul suicidio del maresciallo dei carabinieri Antonino Lombardo. Lombardo si sparò il 4 marzo del 1995, alle 22.30, all’interno di una macchina di servizio parcheggiata nell’atrio della caserma Bonsignore di Palermo. Lombardo voleva riportare Badalamenti in Italia dopo che con lui aveva avuto due colloqui investigativi nel carcere americano. Dietro la scalata al potere dei corleonesi, così raccontò Badalamenti, ci sarebbe stata la Cia e Totò Riina sarebbe stato una pedina dei servizi segreti americani. Lombardo voleva che il boss ripetesse quelle frasi nei processi italiani. “Tano Seduto” fissò una condizione per testimoniare al processo Andreotti: che fosse il maresciallo ad accompagnarlo dall’aeroporto. Il 23 febbraio 1995, tre giorni prima dell’arrivo del boss, nella trasmissione “Tempo reale”, condotta da Michele Santoro, Leoluca Orlando e Manlio Mele, all’epoca sindaci di Palermo e Terrasini, mossero accuse pesanti verso di lui, pur senza nominarlo. Due giorni dopo, uno dei confidenti di Lombardo, Francesco Brugnano, fu ucciso e abbandonato nel bagagliaio della sua auto. Il 4 marzo, Lombardo si suicidò, lasciando una lettera: “Mi sono ucciso – scrisse – per non dare la soddisfazione a chi di competenza di farmi ammazzare e farmi passare per venduto e principalmente per non mettere in pericolo la vita di mia moglie e i miei figli che sono tutta la mia vita”. Ed è stata l’ostinazione di uno dei figli, Fabio, a portare alla riapertura dell’inchiesta da parte dello stesso pool di magistrati che rappresenta l’accusa nel processo sulla trattativa Stato-mafia.

E non è l’unico caso riaperto. Nonostante l’eventuale reato sarebbe abbondantemente prescritto, l’anno scorso il giudice Maria Pino ha imposto ai pm di Palermo di continuare a indagare sui depistaggi nell’inchiesta sulla morte di Impastato, archiviata troppo in fretta alla voce suicidio.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    Ottimo Lo Verso.

    Inoltre:
    1) Se Buscetta fosse arrivato in Italia avrebbe, come emerge dalle sue conversazioni con gli inquirenti italiani, smentito Buscetta e indebolito le accuse delle procure di Palermo e di Perugia nei confronti di Giulio Andreotti. Con la morte del maresciallo Lombardo e con la conseguente permanenza negli USA di Badalamenti questo rischio cessò.
    2) Sul caso Lombardo sarebbero prescritti tutti i reati tranne l’omicidio.

    E inoltre, sul caso Impastato:
    Con la morte di Peppino Impastato non fu il solo Badalamenti a togliersi di dosso un accusatore, ma anche la locale sezione del Pci. Anch’essa era pesantemente nel mirino del giovane di Cinisi.

    E infine:
    quando Badalamenti decise l’uccisione di Impastato commise un errore da dilettante.
    L’uccisione del giovane, travestita da mancato attentato, avvenne con modi ingenui, sprovveduti e per giunta a “casa” di Badalamenti. Sarebbe stato di maggiore “utilità” e con il medesimo effetto simbolico il ricorso alla lupara bianca, ma meno “compromettente” per l’assenza del cadavere. Invece è andata diversamente. Chissà perché.

    Si ma noi IO vogliamo sapere dove è che fa cosa ha fatto in tutti questi anni che ruoli svolge oggi il graduato dei carabinieri che dichiarò che era stato suicidio!!!

    Certo se qualcuno avesse suggerito a Tano seduto di essere meno ingenuo ,probabilmente la Storia di Italia degli ultimi 40 anni sarebbe stata diversa e Giulio Andreotti sarebbe stato gia’ beato e futuro santo.
    Peccato veramente.
    La subculturaMafiosa mi fa veramente schifo!

    @ Iosono

    Che Lei supponga l’esistenza di un Badalamenti ingenuo dà la misura della Sua capacità di analisi.
    P.s.: mi congratulo per la raffinatezza della Sua chiusura del commento. Però non si illuda, questo è l’unico contatto stabilito con Lei. Adieu.

    Ho visto la fiction su Felicia Impastato certo che l’arma la beneamata ne esce veramente bene!vabbè ma quella è solo una fiction lo sappiamo che la realtà è molto peggio!da più di 150anni a “sevizio”non si capisce bene di chi…..o forse si…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *