La neonata morta tra i rifiuti | La madre: vorrei essere al suo posto - Live Sicilia

La neonata morta tra i rifiuti | La madre: vorrei essere al suo posto

Secondo i medici dell'ospedale Cervello, Valentina Pilato è consapevole del suo gesto. E' necessario che rimanga un altro giorno ricoverata. Il marito giunto in città ha confermato di essere stato tenuto all'oscuro della gravidanza, di averlo saputo soltanto dopo la tragedia. La stessa che ha lasciato tristemente vuota la "culla per la vita" del Civico (nella foto).

PALERMO
di
11 Commenti Condividi

PALERMO – Ha trascorso la sua seconda notte in ospedale Valentina Pilato, la donna di 30 anni che martedì mattina ha abbandonato la sua bambina appena nata, in un cassonetto per i rifiuti. Quelle di stanotte sono state le ore della consapevolezza, piene di ricordi che vanno man mano schiarendosi. Ogni tassello sembra delineare lo stato di disperazione e tormento che ha preceduto il terribile gesto, raccontato in ogni sua fase, ieri, durante l’interrogatorio a cui la donna è stata sottoposta.

Di fronte alle domande del pm Antonino Di Matteo si è interrotta più volte, dicendo di soffrire di depressione e ripercorrendo i momenti drammatici durante i quali avrebbe creduto che la sua bimba fosse nata morta. Una confessione scandita da lacrime e singhiozzi, nel corso della quale ha alternato momenti di lucidità e stato confusionale.

Assistita da uno psicologo e da uno psichiatra, Valentina Pilato avrebbe così man mano preso consapevolezza del gesto che è costato la vita alla bambina che ha partorito in segreto. La sua sarebbe stata una gravidanza nell’ombra, nascosta ad amici e parenti, compreso il marito che ieri sera ha confermato ai carabinieri di essere stato all’oscuro di tutto. Giunto nel tardo pomeriggio di ieri in città dal Friuli, non ha ancora incontrato la moglie: agli investigatori ha detto di sentirsi catapultato in un incubo.

Un incubo che non risparmia la trentenne stessa. In queste ore si è spesso chiusa nel silenzio per poi scoppiare nuovamente in lacrime: “Quando ci ho ripensato sono tornata indietro, ma c’erano già i carabinieri”, ha detto ieri ai sanitari del ‘Cervello’, ma altre frasi da lei pronunciate farebbero intanto emergere il senso di colpa: “Credevo fosse morta – ha ripetuto ieri – ma adesso vorrei esserci io al posto suo”.

Secondo i medici è necessaria la sorveglianza 24 ore su 24 davanti alla sua stanza, in cui è isolata. Almeno per il momento. “Temiamo possa farsi del male – ha spiegato il dottor Uberto Falsina – ed ha ancora bisogno di un importante sostegno psicologico. Dal punto di vista clinico sta bene, le sue condizioni fisiche sono ottime”. Per questo le dimissioni della trentenne sono previste per domani.

Nel frattempo le indagini dei carabinieri proseguono. I militari coordinati dalla procura vogliono vederci chiaro sul perché la donna abbia deciso di disfarsi della bambina, lasciata morire tra i rifiuti. Quel borsone da palestra che conteneva anche un paio di forbici e uno scarpone da uomo si è trasformato nella sua culla della morte, nonostante i disperati tentativi dei sanitari del 118, che hanno provato in tutti i modi a salvarla. La piccola, trasportata all’ospedale Civico, è infatti deceduta in ambulanza. E la “Culla per la vita” – la postazione riservata dove è possibile lasciare i neonati non riconosciuti – è rimasta tragicamente vuota.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

11 Commenti Condividi

Commenti

    Una preghiera per quell’angelo. Non esiste legge o diritto che possa farla tornare tra noi. Per quanto mi riguarda non avrei.pieta’.

    Nessuna pietà x chi uccide un essere umano, specie un neonato.
    È facile con il senno del poi piangere e pentirsi del gesto, ma intanto la bimba è morta.
    Vergogna, tenere occupato un letto di ospedale x un’assassina.

    C’erano mille possibilità, ha scelto la peggiore. Anche il pentimento non porterà quell’angioletto indietro.

    IL GESTO SI COMMENTA DA SOLO,CI SONO DONNE CHE PAGHEREBBERO LA QUALSIASI COSA PER AVERE UN BIMBO, E CHI COME IN QUESTO CASO UCCIDE UNA CREATURA DI DIO! NESSUNA PIETA’, NON SI PUO’ AVERE PERDONO PER UN GESTO COSI’ CRUDELE.

    Sono perfettamente d’accordo con la madre :Anche noi cittadini avremmo preferito di gran lunga che al posto di quel povero angelo ci fosse lei. Purtroppo non è stato così, troppo facile cara mia.

    a me sembra chiaro che se una donna arrivi a tanto è perchè non ragiona bene , quindi in quel momento ha qualche grosso problema, quindi va’ aiutata, per quanto riguarda chi sa soltanto giudicare e non perdona vorrei solo ricordare che un giorno tutti saremo giudicati !!!

    Sicuramente saremo giudicati ma intanto però se proprio dobbiamo fare del male facciamolo a noi stessi….non a chi ha la colpa solo di essere frutto “di qualcosa che si vuole tenere nascosto”…..

    Mi stupisce sempre la leggerezza e la stupidità con cui la gente esprime giudizi definitivi.
    Davanti certe tragedie, chi si professa vero cristiano dovrebbe solo tacere e pregare. Per la figlia e per la madre.
    Ma più che veri cristiani, siamo circondati da sepolti imbiancati.
    Per chi non crede, basterebbe solo pensare al tormento della madre.
    Ma capisco che è più facile fare i giudici e vivere delle proprie sicurezze…

    Esprimo un modesto parere e parlo con tutti i commentatori e lettori.
    Credo che, adesso, la cosa più GIUSTA da fare sia stare in SILENZIO.
    E ricordiamo che c’è anche in “gioco” il futuro di altri TRE bambini figli, appunto, della “Signora” in questione.
    Ogni giudizio, illazione, pensiero, frase, congettura è soltanto ALTRO atroce, insopportabile, lacerante DOLORE.

    sepolcri… scusate…

    E’ una storia tristissima che evidenzia una grande solitudine e ignoranza
    di una donna che non è stata aiutata come era necessario. Nessuna mamma vuole uccidere la sua creatura quando succede ci dobbiamo interrogare perchè è successo..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *