L'accusa: "Otto anni per Pellegrino" - Live Sicilia

L’accusa: “Otto anni per Pellegrino”

Il processo di appello
di
0 Commenti Condividi

Otto anni di reclusione: è la richiesta avanzata alla Corte d’appello di Palermo per l’ex assessore e vice presidente della Regione Bartolo Pellegrino, dal procuratore generale Andrea Tarondo. Pellegrino, in primo grado, è stato assolto dall’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. I giudici del tribunale di Trapani hanno invece dichiarato prescritto il secondo capo d’imputazione: la corruzione. Secondo l’accusa, l’ex assessore avrebbe fornito garanzie per una speculazione edilizia su cui aveva interesse il capomafia di Trapani, Francesco Pace. Il pg ha chiesto la conferma della condanna per gli altri imputati. Il Tribunale di Trapani aveva inflitto cinque anni ciascuno per corruzione al presunto mafioso, Francesco Pace, e all’ingegner Leonardo Barbara. La richiesta di condanna ad 8 anni di reclusione, avanzata dal pg nei confronti di Pellegrino, riguarda il reato di concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione aggravata (per aver favorito Cosa Nostra). Per Pace e Barbara, l’accusa ha invece sollecitato la conferma della condanna di primo grado: 5 anni ciascuno per corruzione aggravata.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *