L'aereo Windjet finito fuori pista | Ridotta la condanna del pilota - Live Sicilia

L’aereo Windjet finito fuori pista | Ridotta la condanna del pilota

Uno dei legali di parte civile, l'avvocato Mauro Torti

E' stata ridotta a un anno la pena inflitta al comandante Raul Simoneschi, alla guida dell'airbus A319 della Windjet, in servizio da Roma a Palermo, che il 24 settembre 2010 finì fuori pista nello scalo del capoluogo siciliano.

Palermo, il processo d'appello
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – E’ stata ridotta a un anno la pena inflitta al comandante Raul Simoneschi, alla guida dell’airbus A319 della Windjet, in servizio da Roma a Palermo, che il 24 settembre 2010 finì fuori pista nello scalo del capoluogo siciliano. In primo grado aveva avuto un anno e otto mesi, mentre era stato assolto il primo ufficiale Fabrizio Sansa. Erano accusati di lesioni colpose. L’inchiesta, che si basa prevalentemente su consulenze tecniche, escluse che a provocare l’incidente fosse stato il “wind shear”, il fenomeno consistente nell’improvviso cambiamento di direzione delle correnti d’aria, e puntò il dito su una manovra errata di Simoneschi.

Il volo Wind Jet Roma-Palermo atterrò prima che iniziasse la pista, mandò in frantumi il carrello e finì la sua corsa sul prato. A bordo c’erano 123 passeggeri e sei membri dell’equipaggio. Alcuni riportarono lievi traumi. Agli atti dell’inchiesta anche la concitata discussione tra Simoneschi e il suo vice avvenuta prima dell’atterraggio. Al processo si sono costituiti parte civile alcuni passeggeri, assistiti dagli avvocati Mauro Torti e Vincenzo Zummo, l’Associazione nazionale per la sicurezza del volo (avvocati Torti e Corrado Nicolaci).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Comunque vada i due non voleranno mai più; anche se dovessero (per assurdo) assolverli con formula piena in cassazione.

    Assenti cronisti e passeggeri del volo, l’udienza si è protratta a lungo. Dopo la discussione del procuratore generale, dopo la discussione dell’Avv. Alessandra Naso – legale di più passeggeri costituitisi parti civili – dopo le conclusioni depositate dai difensori degli altri passeggeri e dopo la discussione del difensore di Simoneschi, la Corte si è ritirare per decidere, confermando poi la responsabilità penale del comandante per quanto verificatosi e riformando la sentenza di primo grado nella misura della pena inflitta. Si attende ora il deposito della motivazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *