“Lagalla un fantasma, Palermo a un passo dal dissesto” - Live Sicilia

“Lagalla un fantasma, Palermo a un passo dal dissesto”

Ugo Forello: “Consiglio ostaggio di una maggioranza litigiosa”
L'INTERVISTA
di
13 Commenti Condividi

PALERMO – “Palermo vive un blocco economico e finanziario senza precedenti, non c’è traccia della firma dell’accordo con lo Stato, non abbiamo approvato alcuna delibera e il risultato è che il dissesto, così proseguendo, rischia di essere inevitabile. E la colpa è del sindaco Lagalla, impalpabile come un fantasma, e della sua maggioranza che litiga su tutto: mentre la città affonda, il centrodestra pensa solo alla campagna elettorale”. Non usa mezzi termini Ugo Forello, grande oppositore di Leoluca Orlando nella scorsa sindacatura, che oggi non esita a puntare il dito contro il nuovo primo cittadino: “Siamo passati dalla padella alla brace, con gli assessori che invece di venire in consiglio si trastullano sui social”.

Perché è così duro col sindaco Lagalla?

“Nulla di personale contro il sindaco, ma è in carica da oltre due mesi e siamo ancora a zero. Nessun rapporto col nuovo consiglio comunale, nessuna decisione per uscire dal blocco della spesa e dalla crisi finanziaria-organizzativa: il 31 agosto scade il termine per l’approvazione del bilancio e non abbiamo né l’accordo con lo Stato né le delibere necessarie, come l’addizionale Irpef, le tariffe Tari o i servizi a domanda individuale. Di questo passo, l’unica cosa che potranno fare gli uffici sarà chiedere di nuovo il dissesto”.

E’ anche vero che è caduto il governo Draghi…

“Sì e a farlo cadere sono gli stessi partiti che hanno eletto Lagalla che, per inciso, è stato uno dei pochi sindaci di grandi città a non unirsi all’appello perché l’esperienza Draghi andasse avanti, proprio lui che ne avrebbe avuto più bisogno vista la situazione dei conti del Comune. Noi viviamo il peggior momento della storia recente della città, con un’economia totalmente bloccata e un’amministrazione che non può programmare praticamente nulla, né un piano di manutenzione per strade e marciapiedi, né attuare l’aumento delle ore ai dipendente part-time. Lagalla ha preferito essere titubante, anziché firmare subito l’accordo con lo Stato riservandosi la possibilità di modificarlo dopo avere ricalibrato il piano di riequilibrio. Così si sarebbero potuti sboccare i 180 milioni di euro fondamentali per chiudere i bilanci 2021/23 e 2022/24. E invece continuiamo a rimaniamo nel guado, mentre il sindaco pensa alle elezioni”.

Anche lei è candidato al Senato come capolista in +Europa, nel primo collegio…

“Sì ma io sono all’opposizione, non ho l’onere e l’onore di governare la città. Qui abbiamo assessori a tempo che sanno già che si dimetteranno una volta eletti, partiti che litigano per le commissioni e le partecipate e un sindaco incapace di fare sintesi. Ecco perché come opposizioni, tutte unite per la prima volta, dal M5s ad Azione, abbiamo firmato una nota congiunta per chiedere al sindaco, alla giunta e alla maggioranza di dire subito ai palermitani che strada vogliono intraprendere per salvare il Comune. Palermo affonda e il tempo è finito”.

Rimpiange Orlando?

“No, assolutamente no ma siamo passati dalla padella alla brace. Con Lagalla stiamo vedendo attuata la moralità gattopardesca per la quale tutto deve cambiare perché nulla cambi: il sindaco e i suoi sono ottimi venditori di fumo, nulla di più, annunciano rivoluzioni che sono solo nella loro testa. E agli assessori chiedo di venire in Aula a portare delibere e provvedimenti, anziché passare il tempo a fare post su Facebook o selfie mentre la città brucia”.

Perché ha scelto di candidarsi al Senato con +Europa?

“E’ stata una scelta naturale rispetto al momento che viviamo. Ci troviamo a scegliere fra due visioni diverse dell’Italia, dell’Europa e del mondo: da un lato la destra sovranista e nazionalista che fa delle frontiere una sorta di vessillo da difendere, dall’altro i liberal-progressisti che credono nella difesa e nell’ampliamento dei diritti fondamentali delle persone, nel superamento del concetto di frontiera e nella prospettiva della costruzione degli Stati uniti d’Europa, ossia di una comunità europea veramente coesa con una sola politica estera e valori comuni. Io non ho dubbi su cosa scegliere e ho scelto di stare dalla parte che ritengo giusta della storia che, oggi, è rappresentata da Emma Bonino, persona che ha dedicato tutta la vita politica alla difesa e alla promozione della società aperta. Ma non è solo una questione nazionale”.

In che senso?

“Che la differenza fra destra e sinistra si vede anche nel modo in cui si vuole salvare il comune di Palermo. Posto che è necessario l’aiuto dello Stato, la destra chiede solo un contributo a fondo perduto, una mancetta che ricorda molto quelle dei tempi d’oro di Berlusconi. Noi invece non chiediamo elemosine ma un contributo a destinazione vincolata, per esempio per l’aumento della capacità di riscossione, e vogliamo condizionare il contributo a una seria razionalizzazione della macchina comunale che eviti di sperperare altri 400 milioni in debiti fuori bilancio e disallineamenti con le aziende. In un momento di crisi come questo, serve responsabilità nella spesa delle risorse pubbliche e quindi un reale controllo analogo delle partecipate, altrimenti è solo una presa in giro. Partendo da questa convinzione, voglio portare a Roma l’esperienza maturata a Palermo. Cinquant’anni fa Libero Grassi, di cui lunedì celebreremo il ricordo, ebbe l’intuizione che il rapporto fra i Radicali, di cui era esponente, e la sinistra sarebbe stata la vera novità della politica italiana. Penso che il suo pensiero oggi sia più attuale che mai”.

Lei è stato candidato sindaco del M5s nel 2017, poi ne è uscito. Che effetto le fa il Movimento oggi?

“Grande tristezza. La più grande colpa del M5s è la sua inaffidabilità, a tutti i livelli: hanno imbarcato tutto e il contrario di tutto rinunciando agli insegnamenti di Dario Fo, Stefano Rodotà, alla cultura dei diritti. Il risultato è un soggetto politico inaffidabile e incapace di governare”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

13 Commenti Condividi

Commenti

    se ha detto senza precedenti dovrebbe vergognarsi questo signore dell’intervista

    Si è insiedato da 2 giorni e sta già lavorando …parla chi è stato parte integrante della rovina della città….bella faccia

    Bravo Forello! giusto far notare che Lagalla non ha firmato, come tanti altri sindaci, l’appello perché Draghi restasse. Sarebbe stato un gesto tangibile di attenzione per i problemi della città, e non per le bizze della coalizione che lo ha eletto.

    Non fai altro che parlare. Tu dove sei stato in questi anni. Al Consiglio o sbaglio? Adesso punti più in alto, così come fanno gli altri come te. Ma che fate alla fine, solo parole e basta. Ma non eri in disaccordo con il piano di riequilibrio o erro, adesso hai cambiato idea. Sempre parole e solo quelle mentre il popolo non ne può più

    Palermo è stata distrutta dalla precedente amministrazione, lagalla è appena subentrato e i conti già in rosso profondo cn Orlando

    Questa città è già da anni in dissesto, da almeno 5 di sicuro !!!

    Adesso il problema è Lagalla che è sindaco da due mesi? Il dissesto l’ha procurato Orlando che è stato sindaco per oltre 20 anni, ma a lui non lo attaccavate mai perché era della vostra stessa pasta. Forello rientra in quella cerchia di personaggi che Sciascia chiamava “I protagonisti dell’ antimafia”

    Forello ” Zittuti “

    Non sono palermitano, non vivo la citta’ forello, intervista inopportuna… su Lagalla, insediato 2 mesi orsino

    Abbia il coraggio di non parlare

    E’ questa sterile retorica e priva di contenuti che farà vincere MELONI e Company senza alcun problema.

    Faresti bene a tacere perché sei parte attiva di quel dissesto

    condivido ogni passo del ragionamento, bravo forello e fora + europa!

    Leggo commenti assurdi a questa bella intervista di Forello.
    É indubbio che lui sia il Consigliere Comunale più preparato sul bilancio della città e che sia, soprattutto, libero di esprimere le sue idee.
    Ha duramente criticato Orlando, così com’è ora e a ragion veduta ha mosso dei rilievi al nuovo sindaco.
    Grazie Forello!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.