L'angoscia dell'ergastolano dopo il pentimento del killer - Live Sicilia

L’angoscia dell’ergastolano dopo il pentimento del killer

Pietro Puglisi discute con la moglie Lucia Pulvirenti.
0 Commenti Condividi

CATANIA – Pietro Puglisi, ergastolano e genero di Giuseppe Pulvirenti ‘u Malpassotu (deceduto, ndr), nel 2017 ha molti pensieri per la testa. A turbarlo è una notizia che viene da Belpasso. Una volta una delle sue roccaforti, ma dopo la morte del capomafia pentito, ha deciso di mettere radici a Mascalucia, facendola diventare un fortino del clan Santapaola-Ercolano. 

A rompere le uova nel paniere però è Carmelo Aldo Navarria, vecchio suo compagno di squadra mafiosa con l’appellativo “spazzino” del Malpassotu. Aveva il compito di far scomparire i cadaveri il killer Navarria che diversi anni fa ha deciso di collaborare con la giustizia. 

Puglisi però non ha paura di quello che potrebbe dire sul passato. Ma è il “presente” che lo impensierisce. Perché potrebbe mettere nei guai i suoi figli.

In una discussione durante un colloquio in carcere con la moglie Lucia Pulvirenti e la figlia Francesca – sposata con Salvatore Tiralongo, già rinviato a giudizio nel processo Malupassu – parla proprio della collaborazione di Navarria. È il 29 giugno 2017. 

Puglisi è preoccupato che il nuovo pentito possa indicare il figlio Salvatore come “reggente del gruppo di Mascalucia”: “Sì, sì… magari è il capo, suo figlio.. Salvuccio è il sottocapo… queste cose… “me lo ha confermato nel carcere”, queste cose”. 

Una preoccupazione che si è – in verità – rivelata profetica. 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *