Referendum, raggiunto il quorum - Live Sicilia

Referendum, raggiunto il quorum

I quattro referendum abrogativi per i quali hanno votato ieri ed oggi gli italiani sono validi. Quando mancano ormai solo i dati di pochi comuni, è stato, infatti, raggiunto, per tutti i quesiti, il quorum richiesto, ossia un numero di votanti pari al 50% più uno degli elettori. L'affluenza alle urne in Italia, intorno al 57%, ha reso ininfluente il numero dei votanti all'estero.
I quesiti
di
10 Commenti Condividi

Dal Viminale i primi dati sull’affluenza alle urne per il referendum. Queste le percentuali alle 22

Quesito 1, (acqua) 41.14 %

Quesito 2 (acqua) 41.14 %

Quesito 3 (nucleare) 41.11 %

Quesito 4 (legittimo impedimento) 41.10   %

Sono state riaperte pochi minuti fa le oltre 61 mila sezioni elettorali per i quattro referendum su servizi pubblici locali, tariffe dell’acqua, energia nucleare e legittimo impedimento. I seggi chiuderanno definitivamente alle ore 15 di oggi. Ieri alle ore 22 aveva votato il 41,1 per cento degli aventi diritto. Per la validità dei referendum dovrà recarsi alle urne il 50 per cento, più uno, degli elettori.

“Io ho solo il dato di ieri sera, non ci saranno altre rilevazioni della partecipazione fino alle 15, quando si chiudono i seggi. Però la proiezione fatta dagli esperti del ministero dell’Interno rispetto al dato di ieri fa pensare che si raggiungerà il quorum per tutti e quattro i referendum, anche senza considerare il voto degli italiani all’estero”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Roberto Maroni.

Le agenzie riportano una dichiarazione flash di Berlusconi: “Dovremo dire addio al nucleare”.

Va attestandosi oltre il 55% l’affluenza alle urne per i quattro referendum, quando sono arrivati al Viminale i dati del 10% dei comuni italiani. Lo si rileva dal sito del Ministero dell’Interno. Se il dato sarà confermato per gli altri comuni, il quorum per la validità dei referendum sarà raggiunto.

E’ quasi al 56% l’affluenza alle urne per i quattro referendum, quando sono arrivati al Viminale i dati del 20% dei comuni italiani. Lo si rileva dal sito del Ministero dell’Interno. Se il dato sarà confermato per gli altri comuni, il quorum per la validità dei referendum sarà raggiunto.

Il quorum per i quattro referendum abrogativi sui quali ieri e oggi hanno votato gli italiani – servizi pubblici locali, acqua, nucleare e legittimo impedimento – è stato raggiunto. Quando sono arrivati al Viminale i dati relativi a oltre la metà dei comuni italiani, il dato dei votanti, ormai quasi consolidato, è attestato intorno al 57%, pari ad un’affluenza alle urne superiore al 50 per cento, più uno, dell’intero corpo elettorale.

I quattro referendum abrogativi per i quali hanno votato ieri ed oggi gli italiani sono validi. Quando mancano ormai solo i dati di pochi comuni, è stato, infatti, raggiunto, per tutti i quesiti, il quorum richiesto, ossia un numero di votanti pari al 50% più uno degli elettori. L’affluenza alle urne in Italia, intorno al 57%, ha reso ininfluente il numero dei votanti all’estero.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

10 Commenti Condividi

Commenti

    In Sicilia e a Palermo dati affluenza inferiori di 5/6 punti rispetto alla media nazionale…come sempre ci facciamo riconoscere….popolo bue!!! Andate a votare!!! Fino alle 15 avete tempo!!!!

    il SUD, sotto alcuni aspetti, è la vergogna dell’Italia!! pensare che in sicilia e in altre regioni come calabri e puglia non si raggiungerà il quorum, e che al centro-nord hanno raggiunto il quorum già ieri sera!!! CHE VERGOGNA!!!!
    ps: chi parla è un SICILIANISTA

    Un frase estrapolata da una canzone di de andrè dedicata al popolo dei servi:
    “voi non potete fermare il vento, ci fate solo perdere tempo”.

    Questa è la Sicilia che NON VOGLIO!! Niente Giustizia, niente coscienza della cosa comune, apatica e indifferente. SIAMO UN POPOLO DI CADAVERI.

    Ma dai, ma come potevano andare contro i servi dei servi del padrone, che avevano imposto di non andare a votare.

    E che ci fà se le centrali nucleari le avrebbero fatte vicino Agrigento, o a Siracusa, terre di ministri. I loro elettori sarebbero stati contenti di compiacerli comunque, perchè noi siciliani siamo fatti così: abbiamo un cuore grande grande.

    Ma poi non gli avevano dato neanche i 10 Euro per andare a votare per il tizio amico del padrino (politico, s’intende).

    Nelle elezioni Locali, Regionali, Nazionali, vado a votare malvolentieri, perchè le persone sono sempre quelle destra o sinistra per me sono ugual, pero’ questa volta anche la mia decisione era lapidaria, se non veniva raggiunto un quorum ed abrogare quelle leggi, sarebbe stato inutile in futuro esprimere qualsiasi altra preferenza elettorale perchè mi sarei sentito schiacciato da questa apatica indifferenza e rassegnazione e avrei trascorso diversamente le giornate non curandomi più di politica e di chi ci sta a gobernare perchè ero orami rassegnato che viviamo in una dittatura.
    Questo quorum raggiunto e superato di certo non mi soddisfa, ci sarebbe voluto una presenza plebiscitaria alle urne per dire SI tutti in coro.
    spero che comunque vada non resti lettera morta come i passati referendum, prechè i nostri politici sono bravi a girare le frittate e mettercelo dove non batte il sole.

    Se non costruiranno le centrali nucleari nella Valle dei Templi, oppure a Bellolampo, oppure al Cibali lo dobbiamo ai Milanesi ai Torinesi ai Bolognesi ecc. ecc.. Siamo solo capaci di allanzare questo triangolo delle Bermuda della civiltà nel mezzo del mediterraneo.

    cammarata il quorum è stato superato anche in sicilia

    a palermo no…ma grazie alle altre città abbiamo salvato la faccia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *