“Parole infelici, concetti giusti” | Leghisti di Sicilia con Fontana - Live Sicilia

“Parole infelici, concetti giusti” | Leghisti di Sicilia con Fontana

Il candidato in Lombardia aveva parlato di “razza bianca”. Gli esponenti isolani: “C'è un’invasione”

19 Commenti Condividi

PALERMO – Qualcuno di loro non avrebbe usato la parola “razza”. Qualcun altro parla di “parole infelici”. Ma tutti difendono Attilio Fontana, candidato leghista alla presidenza della Regione Lombardia. I siciliani che stanno con Matteo Salvini, cresciuti negli ultimi anni e in qualche caso provenienti da altri partiti del centrodestra fanno scudo: “I concetti espressi sono condivisibili”.

Ne è convinto ad esempio il segretario nazionale di “Noi con Salvini”, Angelo Attaguile: “Una cosa è la forma, un’altra il merito. Fontana – spiega – forse è stato frainteso, o si è espresso male. Nel merito però condivido quello che dice: non possiamo rischiare che venga cancellata la nostra cultura, la nostra identità. Prima noi, poi gli altri. Ho riletto quelle parole e sinceramente non ho visto un approccio razzista”.

Cosa aveva detto Fontana? Intervenuto a Radio Padana ha spiegato le motivazione per le quali la Sicilia “non può accettare tutti”. “Non possiamo – ha detto – perché tutti non ci stiamo, quindi dobbiamo fare delle scelte. Dobbiamo decidere se la nostra etnia, se la nostra razza bianca, se la nostra società deve continuare a esistere o se deve essere cancellata. Qui non è questione di essere xenofobi o razzisti”.

Un rischio che sarebbe presente anche in Sicilia. “Lo abbiamo denunciato più volte – insiste Attaguile – sia in relazione alla gestione del Cara di Mineo, sia in seguito ad alcuni terribili fatti di cronaca. Nel Calatino, ad esempio, oggi non sono garantite le condizioni minime di sicurezza. L’invasione ha distrutto il nostro habitat”. E del resto, ricorda Attaguile “uno dei primi punti del programma della Lega è proprio il controllo dell’immigrazione. Noi siamo pronti a soccorrere chi ha bisogno, ma in Italia non c’è spazio per tutti. Anche perché l’immigrazione incontrollata, l’integrazione che avviene nel caos, senza alcuna programmazione, crea anche problemi all’economia, oltre che all’ordine pubblico”.

Per l’ex deputato regionale Salvino Caputo, altro esponente di “Noi con Salvini”, “Fontana ha espresso una preoccupazione che noi condividiamo. Le sue parole? Mi sembra – dice Caputo – che abbia poi chiarito il senso delle sue frasi. Certo, si è trattato di parole molto forti, forse infelici, ma ha avuto il coraggio di far emergere il problema: la realtà è quella ed è sotto gli occhi di tutti”. Qual è questa realtà? “Anche in Sicilia l’immigrazione è diventato un problema – dice l’ex parlamentare – e ormai ne hanno preso tutti coscienza, anche gli altri partiti: il centrodestra, lo confermano le parole di Fontana, sta almeno provando ad affrontare questa spinosa questione”.

E un’approvazione ai concetti espressi da Fontana, nonostante qualche dubbio su toni e parole, arriva anche dal militante palermitano della Lega Francesco Vozza, che del resto già su Facebook aveva espresso chiaramente il suo pensiero con un post che conteneva la frase: “Uno di noi, Fontana uno di noi…”. “La questione sollevata da Fontana – spiega a LiveSicilia – è corretta, perché accogliere una quantità abnorme di immigrati nel nostro paese equivale a farci surclassare numericamente nel tempo. Io non avrei utilizzato – ha aggiunto – il termine razza, ma l’allarme di Fontana lo condivido in pieno: rischiamo di sparire come popolo italiano per far posto ad altri gruppi etnici che nulla hanno a che vedere con la civiltà europea e cristiana. E questo non possiamo permetterlo”. I leghisti di Sicilia stanno con Fontana.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

19 Commenti Condividi

Commenti

    Tutti questi signori che criticano o che vogliono che le cose non cambino dovrebbero avere il coraggio di mettere nel loro stato di famiglia due, tre extracomunitari che arrivano in Italia ricorrendo alle loro tasche e non alle casse pubbliche a cui contriibuiscono tante persone che questo sistema attuale non lo condividono perchè non possono campare nemmeno loro..

    Sarebbe meglio per tutti se fermassimo la demagogia antisociale di chi si sente custode del destino della Sicilia e dell’Italia.

    Ma avete chiesto al candidato leghista Fontana di che razza e’ lui?Forse sara’ di razza arianna,pura.

    Giuseppe, ti senti toccato nell’ tomo della tua dubbia arianità?

    “Parole infelici, contesti giusti.”

    E’ un problema di facciata dunque, di forma anzi, in sostanza per loro sarebbe necessario cambiare il senso di rotazione della terra (é un paradosso ma di questo si tratta!) stoppando i flussi migratori e soprattutto impedendo – come poi? – i sincretismi culturali che nel mondo si producono e si sono sempre e da sempre prodotti.

    Velleità ma politicamente corretta. In linea con questo governo regionale che per ora (e sono passati due mesi) si é fatto stranamente conoscere da chi opera in Regione principalmente quando non unicamente per vanagloria, inserimento di crocifissi, spostamento di avvisi al pubblico et similia mentre l’intera macchina regionale sta crollando sotto il peso – quando non il danno – prodotto da anni ed anni di inutili assessori inutilmente susseguitisi.

    Dicessero piuttosto cosa intendono concretamente fare, quando e con chi, invece di continuare a inseguire gabbiani.

    E’ di razza bianca come Lei .

    Così come ribadito sia da autorevoli esponenti del governo che della attuale maggioranza l’immigrazione, oltre che arricchirci al momento sul piano culturale, contribuirà con il suo lavoro a pagarci in futuro anche le pensioni. In virtù di ciò i Migranti, come hanno anche detto i Presidenti di Camera e Senato, devono essere considerati una grande risorsa capitata per fortuna agli italiani.

    Giacomo come detto dagli autorevoli esponenti di centrodestra che il 4 Marzo avranno nel parlamento della repubblica italiana x volere del popolo italiano tramite libere elezioni la maggioranza relativa o assoluta nei due rami del parlamento cioè camera,senato, l’immigrazione non ci arricchisce da un punto di vista culturale oltre al fatto che i migranti non pagheranno le pensioni future degli Italiani quindi detto cio’ non sono considerati una risorsa ma solo un peso x gli Italiani,oltre al fatto che una parte di essi delinque, è stata una sfortuna capitata agli Italiani. Dopo le elezioni della repubblica Italiana del 4 Marzo i presidenti di camera,senato non saranno gli attuali.

    Condivido Giacomo, i migranti sono una ricchezza per l’Italia e non vorrei che di questo passo fra voi salviniani e tanti italiani che non voglio capire questo fenomeno questa ricchezza vada in altri paesi che non se la meritano affatto come noi.

    Hanno parlato i leghisti di Sicilia…..infatti sono tutti qua. Si contano sulle dita in una mano. Vozza, Pagano, Attaguile e Caputo. Eccoli qui, hanno raggiunto il numero massimo! ah ah ah ah

    Chi è palermitano non può essere leghista!

    A proposito di razza, Vozza lo conosci il coretto in rima della curva nord? “Lega lombarda……..” ah ah ah ah

    Ma come mai sono ancora insieme Pagano, Vozza e Caputo? infatti l’anno scorso dopo la decisione di Pagano di nominare Caputo commissario di Noi con Salvini di Palermo, Vozza si era ribellato:”Se è normale nominare commissario un condannato in via definitiva per abuso d’ufficio, decaduto dall’Ars, allora smetto di fare politica”.

    si puo’ essere daccordo con le linee della LEga, si puo’ essere daccordo con il programma politico, MA QUELLO CHE NON SOPPORTO è per avere 4 voti in sicilia ha preso gli SCAMPOLI dei vecchi partiti, cosi’ i siciliani sono beffati 2 volte e i politici siciliani si rivelano i migliori trasformisti del mondo.

    piragna tranquillo tra poco la musica in parlamento cambia in quanto si cambia maggioranza parlamentare,le idee da antiitaliani di poca gente come Giacomo,Carlo andranno nel dimenticatoio.

    Se la Costituzione (art.3) parla di razza, si riferisce ovviamente alla razza bianca, gialla o nera, così come ci hanno insegnato a scuola. Così come ci hanno insegnato che gli umani si distinguono in uomo e donna, e gli animali in maschi e nfemmine. Oggi quante sciocchezze ci avrebbero insegnato. A proposito, col codice fiscale come la mettiamo? Uomo o donna? Andrebbe modificato per non mortificare qualcuno.

    IGNORANZA E GENETICA:
    Come ha dimostrato il genetista Luca Cavalli-Sforza, che ha demolito i fondamenti biologici del concetto di razza, le civiltà non sono strutture chiuse e isolate.
    RAZZISMO VS SCIENZA. Richard Lewontin fu il primo genetista a smentire senza ombra di dubbio il mito dell’esistenza di differenti razze umane. Eppure, quando gli chiesero se lui credesse nella razza, la sua risposta fu: «Certo, le razze esistono». Salvo poi indicarsi la testa e aggiungere: «sono tutte quante qui». Faceva riferimento, ovviamente, alla nostra immaginazione: l’unico “luogo” dove le superficiali differenze tra le diverse popolazioni umane vengono prese ancora sul serio.

    Non capisco cosa voglia dire”Eaglerider.”Si spieghi meglio.

    Anche voi comunisti siete pochi ma non solo in Sicilia,ma in tutta Italia,almeno la Lega ha la molti voti al nord? Voi dove? anche Livorno non vota piu’ comunista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *