Formazione, inchiesta Corsi d'Oro | Daniela D'Urso non andava arrestata - Live Sicilia

Formazione, inchiesta Corsi d’Oro | Daniela D’Urso non andava arrestata

Respinto l'appello dell'accusa contro la decisione del tribunale, che ha disposto la revoca della misura cautelare nei confronti della moglie dell'ex sindaco Giuseppe Buzzanca.

messina, la decisione del riesame
di
5 Commenti Condividi

MESSINA – Daniela D’Urso, moglie dell’ex parlamentare regionale e sindaco di Messina, Giuseppe Buzzanca, finita ai domiciliari nell’ambito dell’inchiesta ‘Corsi d’Oro’, sulla formazione professionale, non andava arrestata. Lo ha stabilito il Riesame, che ha respinto l’appello del pubblico ministero contro la decisione del tribunale di Messina che disponeva la revoca della misura cautelare. Il tribunale della libertà ha anche accolto il ricorso del collegio di difesa di Daniela D’Urso contro l’arresto preventivo richiesto dalla Procura di Messina. La clamorosa decisione è arrivata nel pomeriggio di oggi. Daniela D’Urso era stata arrestata lo scorso 17 luglio, nell’ambito della clamorosa inchiesta sul Pianeta della “Formazione” in Sicilia.
 Il tribunale di Messina lo scorso 22 gennaio aveva disposto la scarcerazione di 7 indagati dell’inchiesta.

Invece, Melino Capone ed Elio Sauta dovranno tornare ai domiciliari. Il Tribunale del Riesame ha accolto l’appello del pubblico ministero contro il provvedimento di revoca della misura cautelare.


 I provvedimenti comunque non saranno immediatamente esecutivi, dal momento che i legali di entrambi avranno la possibilità di presentare ricorso in Cassazione contro la misura degli arresti domiciliari. Il Tribunale del Riesame ha anche parzialmente accolto le richieste del pubblico ministero nei confronti di altri indagati nell’ambito dell’inchiesta sui “Corsi d’Oro”: disposto infatti il divieto di dimora.
Capone e Sauta sono ritenuti personaggi chiave nell’ambito della prima inchiesta sul Pianeta della Formazione, per essere stati a capo rispettivamente degli enti Ancol e Aram.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    non conosco la situazione pero’
    adesso chi paga per l’ errore ?

    Chi restituirà sei mesi di libertà a questa donna? Vuoi vedere che l’inchiesta Formazione si sgonfia?

    C’è poco da conoscere. Berlusconi ha ragione. I magistrati che sbagliano devono pagare!

    Certo … si sono mossi i poteri forti e si sono accordati sottobanco con la magistratura
    altrimenti non si può spiegare … una come questa qua che tutta Messina conosceva
    e che faceva il bello e cattivo tempo nei corsi di formazione … ci manca solo che invece
    del carcere le diano un bel premio … possibilmente in denaro … per lo shopping

    A poco a poco queste inchieste si sgonfieranno con lauti risarcimenti per i soggetti che vantano amicizie altolocate e si possono permettere di pagare le parcelle di principi del foro- Chi resteranno inevitabilmente fregati saranno le famiglie di quei poveri operatori della formazione che vivevano di quel miserabile stipendio che gli passavano.
    Viva Crocetta, viva la Scilabra e viva la rivoluzione: quella vera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.