L'Italo-Belga si ritira dalla B |Rubino: avanti solo coi giovani - Live Sicilia

L’Italo-Belga si ritira dalla B |Rubino: avanti solo coi giovani

L'annuncio della società nero-arancio del presidente Fabio Rubino: "L'agibilità del velodromo Borsellino scadrà a fine settembre e ci sono interventi di ristrutturazione importanti da fare che nessuno potrà pagare. Non presenteremo al campionato di serie B la squadra senior. Preferiamo dare la possibilità ai ragazzini di fare sport in maniera sana e gratuita".

Palermo Rugby
di
1 Commenti Condividi

L’Italo Belga Palermo Rugby non disputerà il prossimo campionato nella stagione 2012/2013. La decisione arriva dopo una riunione fiume del consiglio della squadra dei nero-arancio e del presidente Fabio Rubino. “Con grande dispiacere – ha dichiarato Rubino – comunico la decisione mia e del consiglio di ritirare la squadra senior dalla serie B nazionale. Il Palermo Rugby, però, ha deciso, seguendo la sua filosofia di sport, di mantenere l’intero settore giovanile, under 14, under 16 ed under 20 e tutte le attività legate alle scuole (progetto Mens Sana). Vogliamo rispettare gli impegni presi all’inizio e cioé quello di garantire ai ragazzi della città la possibilità di fare sport in maniera sana ed assolutamente gratuita”.

Per quanto riguarda la senior, invece, il problema principale riguarda il campo. “Avevamo ricevuto delle rassicurazioni – spiega Rubino – che non si sono mai concretizzate. Ci troviamo con un velodromo la cui agibilità scadrà a fine settembre con interventi di ristrutturazione importanti da fare che nessuno potrà pagare, con un manto erboso completamente distrutto, un impianto di irrigazione che non funziona da mesi e senza mai aver avuto nessun intervento di manutenzione anche minino. Anche il presidente del Palermo calcio Maurizio Zamparini si era interessato alla vicenda del campo del Palermo Rugby ed anche lui aveva dato precise rassicurazioni, senza però, mai concretizzarle”.

Il presidente sottolinea anche la crisi che ha investito anche gli sponsor dei nero-arancio. “Non possiamo disputare la stagione in serie B e garantire le giovanili. Preferiamo, al momento, far disputare solo i campionati ai ragazzini”.

Le attività delle giovanili al momento si svolgono allo stadio delle Palme. Poi, probabilmente, si sposteranno al Diamante, un campo non regolamentare per la Federazione, che però chiude un occhio per le partite delle under. I giocatori della prima squadra, al momento, sono stati dirottati quasi tutti al San Gregorio, che si appresta a disputare il campionato di serie A. Altri hanno formato una squadra che disputerà il campionato di serie C (Amatori Palermo). «Questo testimonia ancora di più la bontà del progetto che stavamo portando avanti da tempo – dice Rubino –. Cosa faremo adesso? Intanto ci dedicheremo ai bambini. Poi vedremo quello che succederà. Siamo sempre pronti a ricominciare con l’entusiasmo che ci ha sempre contraddistinto. Ma abbiamo bisogno di avere le idee chiare soprattutto per quello che riguarda il campo da gioco. Continuo a non capire, anche se un’idea ce l’ho, del motivo per cui il Velodromo non è stato inserito nella lista degli impianti cittadini da ristrutturare con i fondi europei. E perché il Coni non si sia accorto di questa “svista”. Immagino la città di Palermo senza sport nel giro di due anni. Perché alcuni non hanno ancora ben chiaro in testa che lo sport, quello che intendiamo noi, è fondamentale. Perché fa crescere i nostri giovani, li fa socializzare, stare insieme. Li fa vivere in una squadra. Come una squadra. E loro rappresenteranno la classe dirigente del domani. Chi pensa, però, che se ne possa fare a meno, è un ottuso».


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Ma chi scrive l’articolo??chi e’il giornalista????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.