Lite per gestire il parcheggio abusivo |61enne punta la pistola a un tunisino - Live Sicilia

Lite per gestire il parcheggio abusivo |61enne punta la pistola a un tunisino

I due si sono accorti dell'arrivo dei carabinieri sono fuggiti.

 

VIALE AFRICA
di
2 Commenti Condividi

CATANIA – Gli ha puntato la pistola in faccia perchè il parcheggio abusivo di fronte all’ufficio postale di Viale Africa “spettava” a lui. Un 61enne (P.P.G. le iniziali) ha minacciato un  tunisino di 25 anni per la titolarità dell’area di sosta, ma è stato sorpreso dai carabinieri mentre aveva in mano una Walter calibro 7,65. Non appena hanno visto i militari i due hanno tentato la fuga ma l’italiano è stato acciuffato e arrestato con l’accusa di  minaccia aggravata, porto illegale di arma comune da sparo e omessa custodia di armi e munizioni. Oltre all’arma, il 61enne aveva 5 munizioni già in canna, ma i militari hanno trovato altri proiettili nella sua abitazione dove è stato, anche, constatato l’ammanco di 10 cartucce rispetto a quelle denunciate per la detenzione.

Il tunisino è stato rintracciato poco dopo e dalle dichiarazioni di quest’ultimo e dei testimoni della scena è emersa la motivazione della lite e della minaccia, e cioè la gestione del parcheggio abusivo. L’arrestato è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa di essere giudicato con rito direttissimo su disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    domani tutto tornerà come prima e più di prima.
    Arresti un posteggiatore (che entro domani sarà scarcerato) e ne arrivano altri 10

    La prossima volta la pistola potrebbe essere puntata ad un ignaro automobilista che si rifiuta di pagare questo pizzo.
    Parcheggiatori abusivi una piaga per la città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.