Lombardo: causa ai cronisti|E la pagheranno i siciliani - Live Sicilia

Lombardo: causa ai cronisti|E la pagheranno i siciliani

La citazione contro Repubblica
di
23 Commenti Condividi

Raffaele Lombardo fa causa ai giornalisti, i siciliani pagano. Così ha deciso il governo regionale, che il 22 settembre ha stabilito che la parcella di Alessandro Benedetti, l’avvocato chiamato a presentarsi in aula per difendere Lombardo sia come persona sia come rappresentante della Regione, dovrà essere pagata da Palazzo d’Orléans. La spesa, al momento, non è quantificata: l’unica certezza per i bilanci disastrati della Regione è che i soldi saranno prelevati dalla voce “Presidenza” del bilancio. Per capire il resto servirà tempo.

Di tempo, del resto, ne è già trascorso un po’. La vicenda, infatti, risale al 13 maggio 2010, quando l’edizione palermitana de La Repubblica ha dato notizia di una presunta richiesta di arresto per Lombardo, poi smentita dal procuratore dell’epoca, Vincenzo D’Agata. Subito dopo è arrivato l’annuncio della causa civile, che – si legge nella delibera di fine settembre – chiama in causa La Repubblica, il direttore responsabile Ezio Mauro e gli autori dell’articolo, Franco Viviano e Alessandra Ziniti. Da allora a oggi, però, non si dev’essere parlato di soldi.

Almeno fino al 22 settembre. Quando lo stesso Lombardo ha messo la firma sotto la delibera: non c’è stata, dunque, un’astensione del presidente della Regione su una vicenda che lo riguarda direttamente. Anche perché, si sottolinea nella delibera, le spese legali “correlate all’esercizio del diritto di azione nella qualità di legale rappresentante della Regione siciliana, che andranno indicate, in apposita nota spese, separatamente da quelle correlate all’esercizio del diritto personale”. Insomma: Lombardo pagherà il conto che riguarda la sua difesa personale di tasca propria. Ma il resto sarà a carico dei contribuenti.

Non è chiaro, invece, chi beneficerà dell’eventuale risarcimento. Nella delibera, infatti, non si fa cenno alla quantificazione dei danni: non si capisce, insomma, chi metterebbe in tasca il risarcimento se il quotidiano “la Repubblica” e i giornalisti venissero condannati. Solo una è la certezza: a pagare saranno i siciliani. A essere risarciti chissà.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

23 Commenti Condividi

Commenti

    LOMBARDO PRIMA O POI IL 2013 ARRIVERA’ E VEDREMO COSA RACCOGLIERAI.

    Lombardo chi? Quello dei blackbarry regalati ai giornalisti e dei regali natalizi a dirigente e assessori?

    Dovrebbe risarcire la SICILIA e non cercare risarcimenti dai giornalisti!!!!!!

    Essendo la materia abbastanza complessa ed onerosa, proporrei la nomina di un paio di consulenti….tanto il posto c’è, o no?

    basta per favore, voglio scappare da questa isola!ogni giorno una novità, venga un commissario e finiamola!

    disonorevole! .. che tristezza!

    Ma la Regione Siciliana non ha il patrocinio obbligatorio dell’Avvocatura dello Stato?

    @ dallapartesbagliata

    si che ce l’ha l’obbligo e c’è scritto persino nella delibera che Live pubblica. Lombardo se si riteneva offeso personalmente si doveva pagare lui l’avvocato.
    L’offesa alla Sicilia doveva difenderla l’Avvocato dello Stato…

    Tutta la classe politica è esplicativa del termine “parassita”
    Detta la parola si passa agli esempi: L’onorevole….l’assessore…
    e via

    @giuseppe rossi
    Ho letto la delibera, mi pare scandalosa.

    Ma in tutto questo e’ vero o no che lo dovevano arrestare?

    Trattandosi di una notizia dagli effetti esplosivi, i due giornalisti, se non avessero visto direttamente o saputo da fonte sicurissima la richiesta di arresto, di sicuro non si sarebbero esposti a pubblicarla. Quel che poi è successo, vedi i santi patroni D’Agata,Patanè e chissà chi altri, è ormai noto. Evviva la giustizia!!!!!!

    @Ermete: secondo i tabulati e i rapporti Ros si, doveva essere arrestato, secondo il magistrato no…trai tu le condlusioni…

    @ermete
    Il Facente Funzioni di Catania, Patanè, ha firmato un documento arzigogolatissimo, pubblicato da Sudpress, dove è fatto il riepilogo di tutti i documenti e riunioni che si sono tenute nella Procura di Catania.
    Lo cerchi, lì c’è tutto.

    non riesco a capire: il suo MENTORE dc oggi in cielo non le ha insegnato niente .
    penzo che nella tomba si stia ribaltando

    Sì, ma al di là degli arzigogoli di cui parla giuseppe rossi e dei tabulati del Ros di cui parla salvo, al di là del fatto che magari Lombardo se lo meritava, al di là del fatto che magari è stato protetto, la domanda è secca: la richiesta di arresto c’era o non c’era?
    Parliamo del presidente della Regione, non di un venditore di bustine di droga, e del secondo quotidiano nazionale… Ha ragione marco: se c’era, la richiesta di arresto, i giornalisti sicuramente l’avranno vista con i loro occhi.
    Il problema è se non c’era…

    Vorrà dire che nel processo testimonieranno i magistrati…
    basta aspettare. Poi si dovrà pagare la parcella all’avvocato di Lombardo.
    Pardon.. PAGHEREMO la parcella sia che Lombardo vinca sia che perda. Scommetto che sarà salatissima..
    In effetti se Lombardo dovesse (non credo) vincere la causa a chi andrà il risarcimento?
    Ma l’importante è che l’avvocato incassi…

    la rabbia monta ….. fino a che punto lombardo tirerà la corda. si aprono diverse tornate elettorali e qualcuno dovrà pur presentarsi a chiedermi il voto. parlo del PD naturalmente. rovescere addosso al malcalpitato tutto il mio sdegno e disappunto, schifosi

    @giuseppe rossi
    tranquillo, se lombardo perde se lo paga lui, l’avvocato
    almeno questo…

    Presidente Lombardo vada avanti, alcuni siciliani non meritano di stare su questa nostra Isola a cominciare da certi giornalisti di basso livello, di cultura mediocre e nello stesso tempo arroganti. Quando un giornalista dà una notizia falsa fa due danni d’immagine:una al Presidente della Regione e una alla nostra Sicilia che è la più grave ed è quello che vorrebbe sempre vedere nei giornali sia Berlusconi che la Lega di tremonti e Bossi. In questo è un bene che devono pagare i cittadini, io che sono cittadino siciliano e se mi è permesso calcolando quanto viene a testa, pagherei il triplo per difendere l’immagine della mia Regione. Io che sono siciliano vorrei che i giornali e tutta la stampa in genere specialmente quella locale parlasse di sviluppo economico, di aiuto alle imprese, di aiuto nel settore sociale e non di parlare sempre di mafia, corruzione e cose varie, solo perchè c’è qualche cronista che è con Berlusconi o con Saverio Romano. Smettiamolo e combattiamo tutti per un unico obiettivo quello di sollevare questa terra che è martoriata dai siciliani stessi, siano essi politici che giornalisti. Fa bene Berlusconi a mettere delle sanzioni più severe nei confronti di giornalisti che per farsi pubblicità scrivono menzogne, notizie non vere come nel caso del Presidente Lombardo che già si sapeva il numero della cella, e ora di finirla e diamo un’altra immagine a questa Regione.

    Quando la Sicilia si libererà di Lombardo e Cammarata sarà sempre troppo tardi !

    “diamo un’altra immagine a questa Regione”. Lo dice Mimmo R.
    I giornalisti dunque, secondo Mimmo R, dovrebbero dare un’altra immagine della Sicilia parlando di sviluppo economico, di aiuto alle imprese e di aiuto nel settore sociale.
    Chiedo al sigor Mimmo R., se avesse la possibilità di scrivere, cosa racconterebbe della Sicilia? In particolare, mi piacerebbe sapere cosa avrebbe da dire sullo sviluppo economico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *