La mafia nell'Avviso 20? | Sospeso ente di formazione - Live Sicilia

La mafia nell’Avviso 20? | Sospeso ente di formazione

Un'informativa della prefettura di Agrigento denuncia il rischio di infiltrazioni mafiose in un ente che ha ottenuto finanziamenti per 400 mila euro. Immediato l'intervento dell'assessore regionale Nelli Scilabra: stop all'erogazione dei contributi e revoca dell'accreditamento.

AGRIGENTO
di
31 Commenti Condividi

PALERMO – E adesso ci sono pure le infiltrazioni mafiose nella Formazione professionale. Il rischio che Cosa nostra abbia messo le mani su una fetta dei fondi dell’Avviso 20 viene denunciato da un’informativa della prefettura di Agrigento. L’assessore regionale alla Formazione Nelli Scilabra ha disposto la sospensione dell’atto amministrativo con cui un ente agrigentino aveva ottenuto 400 mila euro di finanziamenti e senza aspettare l’esito del provvedimento di revoca dell’accreditamento contestualmente avviato.

Le inchieste della Procura della Repubblica e di quella regionale della Corte dei conti. La visita degli ispettori europei dell’Antifrode. Ora il rischio infiltrazioni mafiose. Non c’è pace per l’Avviso 20, il mega-bando della Formazione siciliana che per la prima volta è passata a carico dell’Europa, dopo oltre trent’anni di contributi regionali, determinati dalla legge 24. Attenzione, la presunta infiltrazione riguarda un solo episodio che, secondo gli addetti ai lavori, non deve essere enfatizzato, ma neppure sottovalutato. Si parla di parentele tra i rappresentanti dell’ente e personaggi noti agli inquirenti. Ce n’è abbastanza, infatti, per alzare il livello di guardia anche su questo nuovo e delicato fronte. C’è da preoccuparsi se la mafia ha fiutato l’affare della formazione, un settore che garantisce risorse economiche e, soprattutto, controllo sociale attraverso la gestione di posti di lavoro.

“Ho acquisito oggi un’informativa rilasciata dalla Prefettura di Agrigento dalla quale emergono rischi di condizionamento mafioso nei confronti di un ente, con il quale l’assessorato ha in corso un rapporto contrattuale a valere sull’Avviso 20/2011 – spiega l’assessore Scilabra -. Ho disposto subito agli uffici del Dipartimento di attivare il procedimento finalizzato alla revoca del finanziamento e dell’accreditamento dell’ente e ho dato precise direttive per bloccare qualsiasi erogazione di risorse. Chi rappresenta un’Istituzione non può avere dubbi di fronte a casi di questo tipo. La Regione Siciliana non può avere rapporti di alcun tipo con soggetti che non siano impermeabili, in modo assoluto e chiaro, da infiltrazioni mafiose. Ho anche dato al dirigente generale del Dipartimento  – conclude l’assessore – precise indicazioni per garantire il posto di lavoro ai dipendenti”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

31 Commenti Condividi

Commenti

    Eppur si muove. Confermo quanto si è detto su di Lei. L’assessore ha grinta e con

    l’esperienza che acquisirà riuscirà nel suo impegno.

    ma guarda un po’…un’ente sospeso per sospetto di infiltrazione mafiosa. Succedono anche cose normali, in Sicilia!

    E questo e’ il primo

    Ennesima porcata sulla formazione in genere e sull’avv 20 nello specifico. Ma tranquilli, questa è l’isola dell’illegalitá!!!

    @domenico
    eppur si muove…..ma chi cosa è un scravagghiu? Beeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

    Non vorrei che l’informativa sia atipica, come quelle che ha portato la prefettura di Agrigento a perdere decine e decine di contenziosi al TAR. Forse converrebbe spiegare ai dirigenti ed al signor prefetto che la responsabilità penale e’ personale. Che vergogna dinanzi all’Europa. Che Dio ci aiuti

    Di certo si chiama creapolis

    garantire i posti di lavoro! Accertate pure le parentele dei dipendenti con i suddetti personaggi mafiosi ed eventualmente non garantitegli alcun posto di lavoro.

    Caro Assessore, inizi a controllare tutte le sedi accreditate, vedrà, dagli estintori in poi, troverà tutto in regola.

    Povera formazione Siciliana !!!!… per far ordine bisogna denunciare il tutto alla Commissione Europea … ….

    Attanzione prima di gridare allo scandalo e’ bene accertarsi dei fatti, infatti nell’articolo si parla di “sospette infiltrazioni”….e “presunte parentele”….. È inutile senza sentenza finale gridare allo scandalo per poi trovarsi in mano un pugno di mosche…. Cosa che se dovesse essere confermata si ritorcerebbe inevitabilmente contro l’assesore……

    al villaggio mosè e favara provincia di agrigento enti di formaziione hanno fatto corsi senza pagare il sussidio giornaliero agli allievi che fine hanno fatto questi soldi di due e tre anni fa

    se ho ben capito come si sta muovendo il nuovo assessore e il nuovo presidente, aspetterei un momento prima di dare sentenza su queste notizie, non vorrei che l’amministrazione sia costretta a fare marcia indietro perchè ha preso una cantonata…… aspettiamo e vedremo….

    Va bene grinta , ecc……. Ma fallo qualche bando solo per enti nuovi, dai la possibilità ai giovani di entrare nella formazione…. Spero renderai la formazione più accessibile ai nuovi enti formati da giovani e nn ai soliti.

    Non vedo nulla di eccezionale………la legge sugli appalti prevede che non si possono affidare servizi o forniture a ditte che hanno avuto rapporti con la mafia,l’assessore sta semplicemente applicando le norme e non si capisce xkè questo diventa una notizia!!!

    Caro Assessore, vada a vedere il metodo delle selezioni (macelleria sociale per 350 famiglie) operate al Cefop in A/S, che benchè sia in a.s. sempre soldi pubblici gestisce. Vada a controllare come sono stati pagati quei due membri esterni che assistevano alle selezioni in silenzioso raccoglimento.

    La mafia è ovunque, dal giornalismo alla formazione, dalla politica alla chiesa. Ci auriamo che possa essere debellata, in ogni sua forma o manifestazione. Prima di tutto, nelle forme di mentalità mafiosa. La stessa mentalità mafiosa che da diverso tempo costringe molti lavoratori a vivere senza stipendio né sostentamento. Non trovo altre spiegazioni.

    Brava Nelli… La presunta infiltrazione riguarda solo un episodio “… Si parla di parentele tra rappresentanti dell’ente e personaggi noti agli inquirenti” … Vorrei che tale solerzia venisse applicata anche alle candidature per la prossime elezioni nazionali!

    Adesso???

    assessore controlli l’AIPRIG di Partinico…..
    reato di truffa…

    la magistratura faccia il suo corso.colpisca i colpevoli.Il presidente crocetta,l’assessore Scilabra i parlamentari tutti hanno il dovere di salvaguradare il sistema formativo e i gli operatori.Presidente batta un colpo su questo tasto la gente è esasperata.Poi mi chiedo ma dove sono stati fino ad ora gli organi interni all’assessessorato preposti al controllo ?

    braviii

    non puoi aspettare la gdf, i commissari cefop nei loro colloqui e nel sistema di punteggi offendono i lavoratori ed il lavoro: punti a chi rinuncia al 15% dello stipendio, manco fossero onorevoli e quindi potrebbero fare come i magnifici 15 m5s, stoppa quei personaggi nominati da arraffaele e company

    @crapazza. Non riesco a comprendere che cosa vuol dire: ma di che cosa è un scravagghiu (scarafaggio) beeeee. Frase senza un nesso logico. Sei siciliano o ostrogoto ? Io che ho scritto “eppur si muove” mi riferivo all’articolo della redazione che
    affermava che l’assessore Scilabra cominciava a darsi da fare nell’intento di operare bene.

    “Ho anche dato al dirigente generale del Dipartimento – conclude l’assessore – precise indicazioni per garantire il posto di lavoro ai dipendenti”. Quando la finiremo con questo insopportabile ecumenismo? Cambierà qualcosa solo quando i “lavoratori” che hanno trovato questo genere di “posti” (perché di questo si tratta: “posti”, non lavoro…) tramite clientela politica-mafiosa, saranno rimandati a passiare senza se e senza ma. Fin quando continuerà a pagare Cappiddazzu niente cambierà.

    Addio ai corsi di formazione professionale per operatori socio sanitari. Così ha deciso il Governo della Regione siciliana che ha azzerato l’Avviso 18. Altri 41 milioni di euro del Fondo sociale europeo (Fse) destinati alla Sicilia che, invece, verranno utilizzati altrove.
    Dove? Intanto i soldi sono stati spediti al Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca (MIUR). Sarà il Governo nazionale a gestire queste risorse. Un paradosso, se si pensa che, ormai da qualche anno, presenta un deficit di servizi socio sanitari.
    Crocetta mi sembra un megalomane che pur di accontentare il PD romano svilisce il lavoro onesto dei tanti addetti alla formazione. Che bisogno c’era di spedire queste risorse altrove? Siamo disoccupati fino al collo e nessuno, neanche il PD, se ne accorge. Dico solo una parola al Presidente Crocetta (che tra l’altro ho anche votato): VERGOGNA!!!

    CARO ASSESSORE NELLI SCIALABRA
    UNA COSA MOLTO STUPIDA MA SEMPLICE DA CONTROLLARE:
    come vengono nominati i presidenti delle commissioni d’esame dei corsi di formazione?
    Sembrerà una cosa stupida ma ci sono impiegati della Formazione che ogni mese si FOTTONO piu’ dello stipendio!!!!!!!!!!!!!!!
    PULIZIAAAAAAAAAAAAA

    … e quindi ora la ragazzina fuori sede e fuori corso che scambia pesci per cavalli (vedi il”pizzino” di qualche tempo fa) fa qualcosa di assolutamente nuovo e rivoluzionario: e ora come la mettiamo? Possibile che sia una persona seria che si impegna davvero?

    @domenico
    sono siciliano doc…eppur si muove….è una frase molto intelligente…..secondo me è offensiva! saluti beeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

    @alberto
    Già qualche mese fa avevamo detto che quel “maledetto torinese” aveva “distratto” 500 milioni dei fondi europei della nostra regione per darli al MIUR. Primo di scappare con la cassa ha tolto altri fondi dall’avviso 18 (OSS) per farsi la dote al MIUR dove andrà a gestirli a breve. E il PD siciliano sta a guardare in un assordante silenzio…

    Ma non ho capito a quale ente si riferiscono! nome?

    Sembra la Santa inquisizione …. speriamo non istituiscano il Santo Uffizio!!!

    bé ha fatto solo il suo dovere, nulla di eccezionale l’avrebbe fatto qualsiasi altro assessore, dove sta la bravura di questa ragazzina?
    Ma smettiamola…………….vai a casa Nellina a giocare con le bamboline…ahahahahahah!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.