"Marco Castro non ce l'ha fatta" |E' morto il ragazzo bruciato vivo dal cugino - Live Sicilia

“Marco Castro non ce l’ha fatta” |E’ morto il ragazzo bruciato vivo dal cugino

E' deceduto questa mattina all'ospedale Civico di Palermo. Il cugino Antonino Marino, arrestato dai carabinieri, martedì pomeriggio gli ha gettato addosso della benzina e ha appiccato il fuoco. I testimoni oculari. Il Video. L'arresto. La cronaca. Guarda il video dell'ultima partita di Marco Castro

AL CERVELLO DI PALERMO
di
15 Commenti Condividi

CATANIA – Marco Castro, 25 anni, non ce l’ha fatta: il suo cuore ha smesso di battere intorno alle 8.30, alle 5 di questa mattina ha avuto un peggioramento.  E’ morto nella sala rianimazione del Civico di Palermo. Le sue condizioni erano apparse disperate già  martedì pomeriggio quando è stato trasportato in elisoccorso al Cannizzaro di Catania dopo che il cugino, Antonino Marino, a causa di una lite, gli ha buttato addosso un secchio pieno di benzina e gli ha dato fuoco. Al suo capezzale i familiari e la fidanzata, sconvolti dall’accaduto. La città di Paternò e tutti gli amici si stringono nel dolore e nel cordoglio per la perdita di un giovane “pieno di vita”.

Antonino Marino, 36 anni, è piantonato in ospedale dai carabinieri. Mercoledì mattina il procuratore capo Giovanni Salvi e l’aggiunto Marisa Scavo, che coordina le indagini dei militari,  aveva disposto l’arresto per tentato omicidio, ora la sua posizione, visto che Castro è morto, si è aggravata. I magistrati, appresa la notizia del decesso, hanno disposto il cambio di imputazione contestando l’omicidio volontario aggravato. La modifica dell’accusa avverrà oggi davanti al Gip di Catania, durante l’udienza di convalida dell’arresto.

Il procuratore aggiunto Marisa Scavo ha chiesto ai magistrati di Palermo di disporre solo un’ispezione cadaverica e di acquisire dal Civico la cartella clinica. Una procedura che precede il nulla osta della procura palermitana per il seppellimento del cadavere.  Il corpo potrebbe essere restituito ai familiari già domani. Se così fosse I funerali potrebbero tenersi già all’inizio della prossima settimana, probabilmente nella parrocchia Spirito Santo di Paternò. Si attende una chiesa gremita da centinaia di persone: amici e parenti che vorranno dare l’estremo abbraccio e saluto a Marco.

Guarda il video dell’ultima partita di Marco Castro


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

15 Commenti Condividi

Commenti

    Io non conoscevo Marco ma quel criminale di suo cugino deve stare x tutta la vita in carcere . Non ci sono sconti di pena.

    Riposa inpace Marco … adesso sei tra gli angeli in paradiso…e nn più qui sulla terra dv esiste solo cattiveria! sarai sempre nei nostri cuori.

    Questa è la fine del mondo ma la colpa la do a chi fa le leggi

    Ma che piantonare datelo ai familiari del ragazzo ucciso così barbaramente questo animale rischia di passare un paio d’anni ed e pronto a fare altri danni persone del genere non possono essere giudicati alla stessa stregua di normali esseri umani

    Questo maledetto deve fare la stessa fine ma piu dolorosa

    marco riposa in pace ti porteremo sempre nei nisti cuori

    CHI SI PERMETTE DI TOGLIERE LA VITA AD UNA PERSONA , MERITA SOLO DI ESSERE ESCLUSO DALLA SOCIETA’, BISOGNEREBBE TRASFERIRLI IN UN ISOLA SPERDUTA NEL MONDO E LASCIARLI AL LORO DESTINO CONTROLLATI H24.

    Ho avuto la fortuna di conoscerti nella tua esperienza calcistica avuta a Santa croce …. Un GRAN BRAVO RAGAZZO!! Come un po’ tutti i ragazzi che ti conoscevano alla notizia siamo rimasti scioccati….che Dio riesca a fare conforto a chi ti ama!! Riposa in pace

    Non ci sono veramente parole…Riposa in pace Marco !

    condoglianze per i famigliari, conoscevo marco da quando era piccolo.un bravo ragazzo,mi mancano le parole,riposa in pace.

    ..mi dispiace per tutti e due ..l’uno perche’ la vita l’ha persa e l’altro perche’ che se l’e’ rovinata

    ..a prescendere dalla punizione umana ..e’ un rimorso che si portera’ dietro per tutta la vita ..appena avra’ realizzato la bestialita’ che ha fatto …

    spero soltanto che le due famiglie imparentate fra’ loro riescono a trovare pace e conforto.

    Io non ti conoscevo… ma non si può uccidere così una persona, lo trovo ingiusto… questa persona deve marcire in carcere….

    DIO ti accoglierà come suo figlio, speriamo che il tuo sacrificio serva a far riflettere tante di quelle persone che si comportano come degli animali. Il suo carnefice bisogna rinchiuderlo in manicomio criminale senza possibilità di appello.

    Non ci sono parole. Dispiace tantissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *