Masso "killer" a Monte Gallo | Il gip archivia l'inchiesta - Live Sicilia

Masso “killer” a Monte Gallo | Il gip archivia l’inchiesta

Nel 2015 una donna fu schiacciata mentre dormiva. Escono dal processo Orlando e Cammarata

4 Commenti Condividi

PALERMO – L’attuale sindaco Leoluca Orlando e il suo predecessore Diego Cammarata escono dall’inchiesta sulla tragica morte di Ornella Paltrinieri, 88 anni, travolta e uccisa nel sonno da un masso che nel 2015 si staccò dal Monte Gallo, a Palermo.

Il giudice per le indagini preliminari Rosario Di Gioia ha archiviato l’inchiesta nei confronti di Orlando e Cammarata, accogliendo le richieste degli avvocati Roberto Mangano per l’attuale sindaco e Giovanni Rizzuti per l’ex primo cittadino.

Stessa decisione per il dirigente Mario Li Castri, difeso dall’avvocato Marcello Montalbano, Fabio Cittati (avvocato Dario Gallo), Vincenzo Cerniglia, Rosario Verga (avvocato Rosario Milazzo) e Aldo Pisano. Nulla avrebbero potuto fare per evitare la tragedia. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione della Procura erano stati i parenti della vittima.

Nei confronti di altri tredici indagati – fra assessori, tecnici e funzionari comunali – pende una richiesta di rinvio a giudizio per omicidio e disastro colposi. È in corso l’udienza preliminare, nella quale i parenti della donna si sono costituiti parte civile con l’assistenza dell’avvocato Alessandro Campo.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    MI CHIEDO COME SIA POSSIBILE ARCHIVIARE UN’INCHIESTA DEL GENERE. MA DOVE SONO I FAMILIARI DELLA VITTIMA?

    E” IN CORSO UNA RACCOLTA DI FIRME DA INDIRIZZARE ALLE MASSIME CARICHE ISTITUZIONALI PER FARE TOGLIERE DAI TRIBUBALI ITALIANI IL PANNELLO “LA LEGGE È UGUALE PER TUTTI”….FORSE!

    impugnare questa archiviazione subito e vergognoso vedere chi e il primo responsabile della tutela dell’incolumità pubblica uscire dal processo. alla fine pagheranno solo i dipendenti come e sempre assessori e politici se ne escono puliti

    se un amministrazione comunale o chiunque sia deposta al controllo del territorio non è che con gli interventi possibili e quelli imprevedibili, ci si possa essere davvero condannati od inquisiti di qualcosa, a tutto ci vuole una misura, che poi i deputati al controllo siano scagionati dall’imprevedibile mi sembra corretto, ma …. indagarli per altre cose .. no vero?!! possono essere colpevoli di tutto tranne che di queste disgrazie, fate i seri e indacateli per i crimini veri con quelli supposti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *