"Messaggi intimidatori a un dj" | Condannato l'attore Benigno - Live Sicilia

“Messaggi intimidatori a un dj” | Condannato l’attore Benigno

Tutto nacque da un post ironico.

Palermo
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Il giudice di pace ha condannato per minacce l’attore palermitano Francesco Benigno, diventato famoso per aver recitato in film come “Mary per sempre” e “Ragazzi fuori”. Querelato nel febbraio 2017 dal dj e produttore di “Radio Tivù Azzurra”, Sasà Taibi, Benigno aveva inviato messaggi audio col proprio cellulare, diretti a dj, che il giudice ha ritenuto intimidatori. Benigno è stato condannato a una multa di 300 euro, dovrà risarcire la vittima con 1.500 euro e pagare le spese processuali per mille euro. Il caso era scoppiato in piena campagna elettorale, quando il Taibi aveva commentato sui social la candidatura dell’attore palermitano con un post ironico che aveva fatto infuriare Benigno. Alla querela del dj, Benigno ha risposto con una controquerela per diffamazione il cui procedimento è ancora in corso.

(ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Hanno scritto “ condannato” in tanti giornali come se avesse ucciso qualcuno….. la verità è che per cose di questo tipo allora dovremmo essere in tantissimi ad essere “ condannati” considerato che chiunque anche per cavolate, querela, denuncia… gli incazzamenti fanno parte del carattere, quando ci si arrabbia perché si crede di subire dei torti, c’è chi porge l’altra guancia e chi si esprime con toni accesi, per questo tutto è troppo esagerato, la “condanna” macchia solo di immagine!

    tutto dipende dai toni che si usano, non puoi MINACCIARE poi se vuoi difendere l’indifendibile, fai pure….e si si dice CONDANNATO : Dichiarare colpevole, imponendo la pena o la sanzione corrispondente al genere e alla gravità della colpa. Con riferimento al processo civile, ingiungere a una delle parti di eseguire una prestazione a favore dell’altra: c. a pagare le spese processuali, c. al risarcimento dei danni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *