Fornito fa impazzire Messina | Vittoria in extremis sul Foggia - Live Sicilia

Fornito fa impazzire Messina | Vittoria in extremis sul Foggia

Peloritani avanti con Ionut e poi con Martinelli, ma sempre raggiunti: pari-beffa al 94', due minuti dopo ecco il gol-vittoria.

calcio - lega pro
di
0 Commenti Condividi

MESSINA – Il miglior Messina della stagione batte il Foggia all’ultimo respiro, al termine di 95 minuti emozionanti e vibranti. Un 3-2 meritato siglato da Fornito al 94′ che ha fatto esplodere il “Franco Scoglio”, dopo che appena due minuti prima Arcidiacono aveva ristabilito la parità. In precedenza i padroni di casa erano andati in vantaggio per due volte con Ionut al 15′ e Martinelli al 53′, prima che Iemmello regalasse il pari ai satanelli al minuto numero 23. Di Napoli non stravolge l’assetto tattico della squadra confermando il classico 4-3-3, con Ionut a destra e Zanini a sinistra con De Vito spostato al centro. con Burzigotti di nuovo in panchina, Baccolo vince il ballottaggio con Giuseppe Russo si mette davanti alla difesa mentre il reparto è completato dai soliti Fornito e Giorgione. In avanti si vede Tavares nell’inedito ruolo d’esterno attacco insieme a Gustavo, mentre a guidare l’attacco è Scardina.

Prima della partita il pubblico del “Franco Scoglio” ha reso omaggio alla povera Rebecca Lazzarini, la 14enne travolta da un’auto-killer martedì sera. La gara è subito frizzante, il Foggia fa possesso palla ma il Messina c’è è si rende pericoloso nelle ripartenze, come quella che al 9′ porta alla conclusione Gustavo che dal limite manda di sinistro di poco alto. Al 15′ sale in cattedra Filip Ionut che va avanti palla al piede fino ai 23 metri sulla destra, scaricando un bolide che manda la palla sulla parte bassa della traversa per poi finire di circa 30 centimetri oltre la linea bianca per il vantaggio dei giallorossi. Una vera e propria favola quello del difensore romeno, che dopo aver regalato timbrato il successo di Rieti, conferjma le proprie capacità balistiche anche nella sua seconda partita in giallorosso. il Il Messina vive un momento di grazia ma viene colpito a freddo al 23′, quando Martinelli sbaglia un intervento lanciando Iemmello a tu per tu con Berardi che viene freddato con un preciso diagonale. Il Messina però reagisce, bell’azione di Zanini sulla sinistra che serve in diagonale Tavares che fa il velo per Giorgione, la botta del centrocampista peloritano viene murata in corner (probabilmente con un braccio) da Agnelli. Sugli sviluppi del corner Zanini raccoglie la ribattuta ma Micale blocca. Il Foggia però fa possesso palla ma i pugliesi si rendono pericolosi al 38′ su punizione con Sarno che prova a sorprendere Berardi calciando dal limite destro, ma l’estremo peloritano alza in corner. Al 43′ Ionut ci riprova dai 25 metri, ma la sua botta termina alta.

Si torna negli spogliatoi con il Messina che può recriminare per aver subito il gol del pari proprio quando l’inerzia della gara sembrava dalla parte dei padroni di casa, Il Messina ci prova subito al 49′ con Fornito dal limite, ma Micale blocca in due tempi. Al 53′ però ritorna avanti, merito di Martinelli che si fa perdonare l’errore che ha provocato il gol del Foggia, staccando perfettamente di testa dopo un corner di Giorgione dalla destra e battendo un impietrito Micale. Al 61′ Berardi è strepitoso nel dire no a Iemmello, che colpisce di testa da posizione ravvicinata dopo un bel traversone di Angelo. Al 67′ il Messina può davvero chiudere i conti, bella manovra tra Gustavo che serve Tavares defilato sulla sinistra, il portoghese mette in mezzo ma Scardina manda clamorosamente sul fondo da due passi. Al 71′ Foggia pericoloso per Iemmello che di testa serve Arcidiacono davanti la porta, ma Berardi in uscita compie un vero e proprio miracolo. All’86’ il Messina sbaglia un disimpegno nei pressi della propria area, ma il diagonale di Iemmello si spegne sul fondo. Al 92′ però si consuma la beffa con una palla scodellata in mezzo all’area giallorossa, Iemmello è bravo a trovare la sponda vincente per Arcidiacono sul secondo palo che insacca da due passi. Il pubblico messinese si sente defraudato di un successo meritato ma il Messina si butta in avanti, con Tavares che trova sulla sinistra Fornito che defilato dal limite carica il sinistro che termina alle spalle di Micale in mezzo al delirio generale. L’intera panchina peloritana scatta in campo a festeggiare quello che è sarà il gol salvezza.

Ma questo Messina-Foggia ha ancora un capitolo da raccontare, quello di Alessandro Berardi che compie un terzo miracolo sul solito Immello che spalle alla porta riesce a calciare poco fuori l’area piccola. Aggressivo, tatticamente impeccabile e mai domo. Il Messina regala il primo succeso interno a Lello Di Napoli, dando continuità al successo di Rieti. Ma questa vittoria ha ben altro peso, perchè ottenuto contro un avversario di spessore al termine di 95 minuti che devono avere la potere di riconciliare il pubblico messinese con una squadra che nonostante una serie di alti e bassi ha dimostrato di poter regalare emozioni come quelle vissute una fredda domenica di marzo contro un Foggia forte ma presuntuoso.

TABELLINO

Messina-Foggia 3-2 (15′ Ionut, 23′ Iemmello, 53′ Martinelli, 92′ Arcidiacono, 94′ Fornito)

MESSINA: Berardi, Ionut (85′ Mileto), Zanini, Baccolo, Martinelli, De Vito, Fornito, Giorgione, Tavares, Gustavo (78′ Barilaro), Scardina (88′ Giuseppe Russo). A disposizione: Addario, Burzigotti, Genny Russo, Biondo, Masocco, Lia. All. R. Di Napoli.

FOGGIA: Micale, De Almeida, Di Chiara, Agnelli. Loiacono, Gigliotti, Gerbo, Quinto (54′ Arcidiacono), Iemmello, Sarno, Chricò'(72′ Floriano). A disposizione: De Gennaro, Agostinone, Riverola, Coletti, Sainz-Maza, Laurione. All. R. De Zerbi

Arbitro: Sig. Andrea Morreale di Roma 1

AMMONITI: Fornito, Gerbo


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *