Micciché e i calcoli degli Ugolini alla rovescia - Live Sicilia

Micciché e i calcoli degli Ugolini alla rovescia

Maledette scadenze elettorali. Non sarà che vogliano cibarsi del padre per sedersi al suo posto?
DALI' A QUI
di
7 Commenti Condividi
Eusebio D’Alì

Caro direttore, mi consenta di tentare qui un’analisi di ciò che sta accadendo in Forza Italia. Credo possa essere utile a chi in questi giorni legge dichiarazioni, agenzie e comunicati (che poi sono la stessa cosa), ma magari se ne intende poco, perché poco avvezzo alle dinamiche interne ai partiti. Io, quelle dinamiche, le conosco bene, benissimo le dinamiche di Forza Italia. E qui scatta l’avvertenza: non c’è, in queste umili mie righe, alcun intento apologetico, tantomeno il tentativo di approntare una qualche filippica contro qualcuno. C’è solo una domanda, che probabilmente in tanti si pongono: cosa succede in Forza Italia? La risposta è: niente di nuovo. In Italia, all’ombra di Berlusconi, si governa. In Sicilia lo stesso, lì sotto il sole di Micciché. Sotto il sole, sì, perché prima c’erano le nubi di un partito che faceva acqua da tutte le parti. Adesso splende il sole. Anzi, brucia. Perché è il sole del potere e brucia. Logora chi non ce l’ha. Logora gli Ugolini alla rovescia, che da sempre popolano il partito azzurro e bramano di mangiarsi il loro stesso padre.

E qui scatta l’altra avvertenza: è vero, sono di parte, per l’amicizia che mi lega da decenni al coordinatore regionale azzurro; ma la memoria non lo è, essa è imparziale e quando viene chiamata in causa ristabilisce la verità e soppianta l’oblio. La memoria, l’oblio. Sta tutta lì la forza Italia siciliana, nella memoria di un partito che ha vissuto giorni di gloria e nell’oblio incomprensibile (anzi, comprensibilissimo) che già una volta l’ha condannata alla polvere. Polvere di stelle, cadute da un firmamento che sembrava non dovesse mai aver fine. Polvere di voti polverizzati, certo dall’oscurantismo della protesta dilagante, ma in Sicilia anche, e direi soprattutto, dalla certificata difficoltà di creare una leadership alternativa a Micciché. È vero, sono di parte, ma la memoria non lo è ed è al suo giudizio che un’analisi onesta, ancorché modesta, deve rifarsi. Riavvolgiamo perciò rapidissimamente il nastro, riportiamolo alla diaspora degli alfaniani oppure alla impalpabilità di Gibiino o alle ceneri (anche quella è povere) da cui nel 2016 fu affidato a Micciché il compito di far risorgere l’azzurra libertà. Ecco, basta questo rapido esercizio mnemonico per ristabilire la verità delle cose e marchiare (quantomeno) di irriconoscenza il tentativo di ammutinamento contro Miccichè.

Ma torniamo alla domanda: cosa succede in Forza Italia? La risposta sta tutta lì, negli Ugolini alla rovescia e forse nelle scadenze elettorali. Pruriginose, incalzanti, ossessionanti. Maledette scadenze elettorali. Non sarà che vogliano cibarsi del padre per sedersi al suo posto, quando ci sarà da compilare liste e riempir caselle? Il dubbio c’è, per quanto banale possa sembrare, altrimenti perché incalzare una guida che, piaccia o non piaccia, ha sempre portato il pane a casa (tanto per restare in tema)? O c’è dietro una specie di rivisitazione in salsa destrorsa del Milazzismo dei tempi che furono? Del resto, il governo Draghi ha sparigliato carte e ribaltato teoremi di geometria politica, fino a qualche settimana fa assiomatici. Chi lo sa? Quello che so è che mi sembra di rivivere una storia già vissuta e se la storia è davvero magistra vitae, gli Ugolini alla rovescio dovrebbero sapere che erba tinta non secca mai (lo sanno, lo sanno) e che in fin dei conti tutti ci ricordiamo del Conte Ugolino della Gherardesca; mentre dei suoi figli non si ricorda nessuno. E che l’inferno di una Forza Italia senza Miccichè è già stato scritto.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    non ho capito niente

    Carissimo D’Alì, ma chi sono questi politici siciliani che potrebbero fare le scarpe a Miccichè? Nessuno possiamo dire, in quanto non all’altezza, non hanno forza per fare sta mossa di scacco-matto..certo forse la regia di tale progetto di spodestamento potrebbe essere stata concepita fuori dalla Sicilia..questo si

    Ovviamente piano casomai orchestrato al di fuori di Berlusconi, e anche da altri leader di destra

    Miccichè logicamente rimane alla guida di Forza Italia Sicilia fin quando lo permette Berlusconi.

    L’ epopea Berlusconiana prima o poi doveva finire come è avvenuto, ovvero da parte di colui che porto in auge x molti anni Forza Italia.
    Forza Italia in Sicilia riusci ad avere un accettabile risultato elettorale qualche anno fa, proprio perchè era stata una regione roccaforte Berlusconiana, adesso con l’avanzamento della Lega, Fratelli D’Italia, non si sa.

    A me sembra che Micciche’ ha dichiarato di aver vinto una battaglia che invece ha evidentemente perso, perché è stato costretto a convergere su Musumeci. Che era quello che volevano gli oppositori interni. E una firma di solidarietà non si nega al perdente.

    Certo, non si può parlare con tutti di politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.