Michelle Hunziker rivela:| "Ero soggiogata da una setta" - Live Sicilia

Michelle Hunziker rivela:| “Ero soggiogata da una setta”

La conduttrice svizzera anticipa a "Gente" qualche chicca della sua biografia di prossima uscita. La pagina più buia è quella in cui ripercorre il periodo in cui finì nelle mani di una setta. "Se ci lasci ti ammalerai e morirai”, le ripetevano per trattenerla.

CON LA SCUSA DELL'AMORE
di
2 Commenti Condividi

Entro la prossima estate convolerà a nozze col suo principe azzurro e, da poco, è mamma bis di Sole. Eppure, nel passato della sempre sorridente e positiva Michelle Hunziker c’è una pagina oscura della quale la showgirl torna a parlare nel libro “Con la scusa dell’amore“. La biografia, scritta a quattro mani con l’avvocato Giulia Bongiorno (con la quale ha fondato l’associazione “Doppia difesa” contro la violenza sulle donne), uscirà a breve. La conduttrice di “Striscia la Notizia” anticipa a “Gente” qualche passaggio della sua storia. A cominciare dal rapporto con il padre: “Era il mio eroe: spirituale, sensibile, nel tempo libero amava dipingere, mi portava a camminare nei boschi ma… C’era un ma”. Il “neo” in questo quadretto fatto di apparente perfezione erano i problemi di alcolismo dell’uomo con cui Michelle chiude presto ogni rapporto, continuando tuttavia a “cercare in ogni uomo la figura paterna“.

E’ dopo il divorzio da Eros Ramazzotti, più grande di lei di 14 anni, che la Hunziker scopre le sue fragilità, rischiando di restarne schiacciata. Il baratro ha il volto di una donna misteriosa e carismatica, apparsa all’improvviso e pronta a far leva sulle sue debolezze: “E’ entrata una persona, una donna sorridente, disponibile, generosa”. E’ lo stesso settimanale “Gente” a ricordarne il nome. Si tratta di Giulia Berghella, pranoterapeuta e “maga” dei cosiddetti “Guerrieri della Luce“, artefice del riavvicinamento di Michelle con il padre. “La tua vita siamo noi” ripetevano di continuo alla showgirl che nel frattempo si era fidanzata con il  figlio della sensitiva Marco Sconfienza, per poi cadere tra le braccia dello stesso partner della Berghella.

Per anni, la Hunziker nutrì nei confronti di queste persone una vera e propria dipendenza, sia nel privato che nella vita professionale, come fosse in una setta. Non è la prima volta che la conduttrice parla del capitolo più buio della sua esistenza, affinché la sua esperienza serva da monito a quanti finiscono soggiogati e plagiati da oscuri manipolatori. A dare la forza a Michelle di tornare alla normalità è stata la figlia Aurora che, all’epoca dei fatti, aveva 9 anni. “Non voglio giocare, io rivoglio la mia mamma bionda e sorridente”, si lamentava la sua piccola. E così l’amore di madre ha avuto il sopravvento sul ricatto psicologico esercitato dalla pranoterapeuta: “Ti avevamo dato occasione di purificare la tua anima. Se ci lasci ti ammalerai e morirai”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Nella setta ci è finita prima del divorzio da Ramazzotti, è stata proprio questa la causa della loro separazione. E ne è uscita solo quando il tribunale dei minori stava per toglierle la custodia della figlia. Ma la Hunziker come al solito reinventa il suo passato, così invece di uscirne come un’idiota che ha mandato al diavolo la sua famiglia riesce a spacciarsi per una povera vittima innocente. E pazzesco c’è ancora chi le crede!!!

    io non conosco la storia e non posso dare giudizi, ma molti approfittano della fragilità umana… posso dire però che ci sono movimenti spirituali seri e non si può fare di tutta l’erba un fascio, la cosa importante da dire è che le persone non sono preparate a vivere e invece una educazione spirituale con valori certi e buoni potrebbe aiutare tutti almeno a non cadere nei tranelli che questa società ti offre a buon mercato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.