A Milano il Palermo non c'è |A San Siro poker rossonero - Live Sicilia

A Milano il Palermo non c’è |A San Siro poker rossonero

Suso apre su punizione poi confeziona l'assist per Pasalic. Bacca e Deulofeu chiudono i conti. Altro passo verso la serie B. 

calcio - serie a
di
34 Commenti Condividi

PALERMO – Quinta sconfitta consecutiva, quattro gol subiti (tre in meno di 45’), e diciassette gol incassati con una distanza dal quartultimo posto adesso di otto lunghezze. Se questi dati non bastano a descrivere una situazione disastrosa poco ci manca per il Palermo di Diego Lopez che prima della trasferta di oggi con il Milan ancora credevano nel poter tenere aperto il discorso salvezza. Dopo i 90’ a ‘San Siro’ invece il tecnico sudamericano torna a casa con l’ennesima batosta figlia di una prestazione scadente con i rossoneri che passeggiano sopra quello che resta della formazione siciliana che adesso vede il Crotone staccarsi definitivamente dai rosanero in virtù della vittoria dei calabresi sull’Inter. I rossoblu infatti si trovano a -3 dall’Empoli mentre il Palermo, sconsolatamente al penultimo posto, rischia anche il sorpasso dal Pescara appena dietro di un punto.

LA CRONACA

SUBITO SUSO Montella schiera un 4-3-3 con Sosa in cabina di regia con Kucka e Pasalic ai lati. In attacco Bacca con i due spagnoli Suso e Deulofeu. Nei rosanero confermato Fulignati mentre Andelkovic torna dal 1′ al posto di Vitiello. Pezzella vince il ballottaggio con Aleesami mentre Diamanti gioca alle spalle di Nestorovski. La partita dei rosanero inizia subito nel peggiore dei modi quando Goldaniga dopo appena quattro minuti stende poco fuori dall’area dei siciliani Deulofeu lanciatissimo verso la porta di Fulignati, dalla conseguente punizione di Suso il Milan trova il vantaggio con una traiettoria su cui lo stesso portiere rosanero non può arrivare. Il gol mette subito nei binari giusti per i rossoneri la gara che vede gli ospiti soffrire la fisicità dei padroni di casa che con un Suso ispiratissimo trovano il raddoppio con Pasalic, bravo il croato ad incunearsi fra le maglie dei difensori rosanero e con una doppia deviazione la mette ancora alle spalle di Fulignati. 

TRIS BACCA Gli uomini di Montella chiudono i conti prima ancora dello scadere dei 45’. Il punto del 3-0 lo mette il colombiano Carlos Bacca che sul cross del giovane Calabria batte con un perentorio colpo di testa Fulignati. Gara chiusa praticamente già nel primo tempo dunque per i rossoneri che contro i rosanero hanno davvero vita facile al cospetto di un avversario inconsistente e sfiduciato. In apertura di match infatti il passivo può immediatamente andare sul 4-0 sempre con Bacca se non fosse che il colombiano sbagli stavolta la conclusione.

POKER DEULOFEU Alla festa del gol rossonera non può mancare uno dei migliori in campo. Lo spagnolo ex Everton al 70’ trova la sua seconda rete in campionato al termine di una travolgente azione in solitaria conclusa con un destro a giro batte un tutto sommato incolpevole Fulignati. I cambi di Lopez, dentro Sallai, Trajkovski e Cionek non sortiscono alcun effetto con la squadra che passa dal 3-5-2 al 4-4-2. L’espulsione di Gonzalez a pochi minuti dal termine rende ancora più amara la disfatta in trasferta dei siciliani che la settimana prossima contro il Bologna non potranno schierare il proprio difensore centrale. Al 90’ il 4-0 porta la quinta sconfitta di fila per i rosanero che portano a 17 le reti subite nelle ultime cinque occasioni. La vittoria inaspettata del Crotone contro l’Inter complica poi ancora di più la già impossibile impresa degli uomini di Lopez che dovrà tornare a casa con l’ennesima batosta da digerire.

IL TABELLINO

MILAN-PALERMO 1-0 (Suso 6′, Pasalic 19′, Bacca 36′, Deulofeu 70′)

MILAN: 99 Donnarumma; 96 Calabria, 17 Zapata, 13 Romagnoli, 2 De Sciglio (cap.); 33 Kucka, 23 Sosa (Locatelli 59′), 80 Pasalic; 8 Suso (Antonelli 72′), 70 Bacca, 7 Deulofeu (Lapadula 75′).  A disp: 30 Storari, 35 Plizzari, 10 Honda, 11 Ocampos, 14 M. Fernandez, 15 G. Gomez, 16 Poli, 21 Vangioni, 29 Paletta.  All: Vincenzo Montella. 

PALERMO: 68 Fulignati; 6 Goldaniga (Trajkovski 67′), 12 Gonzalez, 4 Andelkovic (Cionek 75′); 3 Rispoli (cap.), 28 Jajalo, 25 B. Henrique (Sallai 52′), 18 Chochev, 97 Pezzella; 23 Diamanti; 30 Nestorovski.  A disp: 1 Posavec, 55 Marson, 2 Vitiello, 15 Cionek, 19 Aleesami, 22 Balogh, 44 Sunjic, 61 Ruggiero, 89 Morganella, 98 Lo Faso.  All: Diego Lopez. 

ARBITRO: Marco Di Bello (Brindisi).
Elenito Giovanni Di Liberatore (Teramo) – Alessandro Lo Cicero (Brescia). 

NOTE – Ammoniti: Goldaniga 4′, Pasalic 20′, Gonzalez 22′, Cionek 75′. Espulso: Gonzalez 84′.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

34 Commenti Condividi

Commenti

    Bacca Bacca Baccaglini – Bacca Bacca Baccaglini – Bacca Bacca Baccaglini…………

    Come dignità dovreste imparare dal Crotone che ha lottato fino alla fine contro l’Inter. I vostri giocatori invece hanno la sindrome delle squadre strisciate, non appena ne vedono una si calano subito le BBBBBBBrache.

    Almeno vi consolerete con tutti i miliardi di Baccaglini, in B ma straricchi. Vi invidio.

    Ho la vaga impressione che la serie B è vicina . Zamparini a mio avviso ( di calcio ne ma-
    stico poco ) ha i suoi torti , non doveva vendere alcuni giocatori importanti come Gilardino
    e qualche altro . Forse non ci saremo trovati in questa situazione . La speranza è l’ultima
    a morire . Forza Palermo .

    Comunque sempre prima di voooooiiiiiiiiiiii…..anche in serie Z

    Il prossimo anno derby tra Palermo e trapani mentre u Gadania resterà in lega prrrrrrrro

    Noi con i miliardi di Baccaglini…….voi con quelli del duo Lo Monaco-Pulvirenti……ahahahahahaha…….ma di che cosa stai parlando…..comunque anche in B sempre prima di voi, in confronto siete il nulla.

    Siete una vergogna senza fine, riuscirete almeno a fare un solo punto da qui al termine del campionato?

    Tranquilli il posto qui da noi ve lo siete già assicurato, ormai siete dei nostri. A presto!

    Il derby storico siciliano è Palermo-Catania

    MILAN SHOW?
    Ma che scrivete? Il Milan ha passeggiato sulle macerie di un Palermo mai sceso in campo.
    Gli show sono altri (tipo le interviste di Zamparini, Baccaglini e/o Lopez).

    Ma che derby con il Trapani,da tifoso del Palermo riconosco l’unico derby cioè con il Catania.

    A schifezza, ra schifezza, ra schifezza dei giocatori, semplicemente indegni, non dovete indossare più i colori rosanero, ci vergogniamo a sol pensiero che questi individui possano calcare i campi di calcio col nome del Palermo. Tagliategli lo stipendio per scarso rendimento e mandateli a casa e fate giocare la primavera che è meglio. Vergogna!!!!
    Baccaglini preparati a cambiare l’intera squadra + le riserve per giocare in serie B, perchè questi sono talmente scarsi da retrocedere in serie Z.

    Tutto scritto a Luglio.. Non si impegnano? ma la squadra è questa.

    Adesso basta, mandate via Diego Lopez e riprendete subito Roberto De Zerbi.

    La normale conseguenza di un calciomercato estivo inesistente.

    – Per quanto riguarda il Palermo, basta fare riferimento al giornalista Stefano Bizzotto che, al termine del suo commento, ha definito poco fa la squadra, cito testualmente: “squadra da Serie B”.
    L’unica speranza è che Baccaglini, dopo i video sui Social, dopo le visite al Sindaco, dopo i giri nei quartieri della città, dopo Fazio, dopo la visita a Verona per Vinitaly, si decida a rivelare finanziatori e a programmare la prossima stagione in Serie B cambiando tutta la squadra di Titolari e delle Riserve.
    In alternativa, l’unico scenario è quello del Parma: Serie D, Girone I.

    – Per quanto riguarda i commenti dei Tifosi del Catania, temo per loro che vivacchieranno in Lega Pro per un pò di anni per un semplicissimo ed incontestabile motivo extra-sportivo.
    Al di là degli sfottò, bisogna osservare che la loro Società è sommersa dai debiti con l’Istituto del Credito Sportivo per il mutuo contratto da Pulvirenti per la realizzazione del bellissimo Centro sportivo (oggettivamente) di Torre del Grifo.
    Una zavorra economica che inevitabilmente sottrarrà, per anni, risorse al rafforzamento della loro squadra, checchè ne dica Dirigenza e Tifosi rossoazzurri.
    Il classico “passo più lungo della gamba”, nonchè regalino, fatto da Pulvirenti ai suoi Tifosi.

    – Come è noto a tutti, anche i Tifosi del Catania sanno che Lo Monaco non ha una lira, tant’è che è stato costretto a vendere pure il Messina, e quindi, in assenza di acquirenti, il loro destino e unica speranza, sarà quello di un onesta Lega Pro con vibranti matches con la neopromossa Sicula Leonzio, la Virtus Francavilla, l’Union Fondi, la Paganese ecc.

    – Bisognerebbe che i Tifosi del Catania si domandassero come mai nessun acquirente straniero si è concretamente interessato all’acquisto della Società che è dotata, peraltro, di uno splendido, oggettivamente, Centro sportivo.

    Che dire, da tifoso “soft” del Palermo? Cà sù scaisi comu a calia….
    Squadra da metà classifica di serie B

    Quattro Bistecche anche oggi. Baccaglini, sei arrivato da poco, ma hai già trovato un posto nel nostro cuore. Uno di Noi!

    Noi chi?

    Il Catania non esiste. Non c’è nessun derby. Esiste solo il Palermo

    Zamparini non investí, nessuno andò allo stadio. Prese il paracadute. Aha aha.
    Era tutto scritto. A luglio ah ha ah aahh ha ah

    Pensa quanto è idolo da noi Pulvirenti. Gli intitoleremo l’Ucciardone. E non è finita lì…..aspetta e vedrai!!! Noi B. Voi??

    @ Fabio, vero, ma hai visto il Crotone giocare? Non c’e’ paragone, alcuni passeggiano. Quindi ha ragione Pippo, tutti a casa tanto, per assistere a spettacoli del genere puo’ giocare la Primavera. Purtroppo devo ammetterlo questo e’ il Palermo piu’ scarso che abbia mai visto negli ultimi 30 anni. Penoso.

    in effetti, sarebbe la ciliegina sulla torta.

    Scritta a Luglio la retrocessione x mancanza di vero calciomercato estivo,che Zamparini non investi x fare una squadra adatta alla categoria è un fatto. Zampafan non scrivi piu’ con il tuo nome? ci credo dopo la brutta figura fatta a difesa di Zampa.

    Fabio, il mio nome è zampafan. Il friulano, non investí, il pubblico non andò, lui prese il paracadute e lo distribuì ai suoi discepoli, milioni e milioni di zampafan come me, tranne gli illuminati come te, depositari della verità come il sommo sacerdote Gianluca. La brutta figura.. ahhahahha aha hhaaa ah ah ah figura brutta, brutta brutta, ha. Ah ha aaahhhh ppprrrrrrrr!!!!

    Guarda che “tifosi del catania” almeno limitatamente a questo blog, è un concetto un po’ esagerato. Ti rivolgi a “one man show” un disturbato con 5/6 nickname che non scrive mai una riga sul Catania ma scrive sempre contro il Palermo anche all’interno degli articoli del Catania. Devi sapere che non sei un liotro vero se non odi i colori rosanero. L’anno del loro miglior piazzamento in A hanno festeggiato solo la nostra retrocessione. Forse neanche lo sanno che sono arrivati ottavi. Se contesti questo, Si difendono dicendo che loro sono il Calcio Catania mentre noi siamo gattopardi spocchiosi e che aspettano il prossimo derby per batterci. Insomma, la suonano, la cantano, vale solo quello che pensano loro e non ammettono repliche. Poi ci sono altri elementi molto ipocriti che ti infiocchettano tante belle e pseudocolte parole ma stanno solo aspettando che schiattiamo. Il tutto denota una pochezza leggendaria che in effetti identifica una condizione irreversibile. Quella di un popolo di ossessionati senza rimedio. Non credo che tu debba spiegare a certa gente quello che li aspetta argomentando più o meno verosimilmente cose che non possiamo dimostrare. Gli eventi faranno il loro corso, ma attenzione: dovessero rimanere con un palmo di naso e, o scomparire o marcire nei seminterrati del calcio italiano, diranno che esiste una congiura contro di loro e che loro sono il Calcio Catania. Cioè riparte la musica. Sono fatti così, non c’è niente da fare. Concentrati pure su altri argomenti.

    Mi ricorda proprio una strisciata rossazzurra di nome gadania nei vostri tre ultimi campionati, in effetti……

    Lo scudetto della vergogna in Sicilia ce l’ha cacciogadania 1946/2017, coi treni del gol. Noi retrocediamo con vergogna sportiva. Voi avete fatto la caduta a piombo con vergogna penale, forse è megghiu ca ti stai mutu.

    palermitano Doc, questo liotro multinick intende noi gadanisi ossessionati dal rosanero

    il Trapani merita piu’ rispetto sia di Palermo che Catania, sta mantenendo un minimo di dignita’ sportiva con l’impresa di aver risalito la classifica e la serie B e’ un campionato molto piu’ logorante della A e della Lega Pro….si vergognino palermitani e catanesi che pretendono di avere il monopolio calcistico della Sicilia ed hanno invece due squadre che fanno vergognare un’intera isola!

    Vecchia guardia vergognati tu solo. Che c’entrano palermitani e catanesi? Io mi posso vergognare della società non dei tifosi anche troppi tolleranti. Forse hai perso in occasione d’oro per rimanere zitto!

    alessio prima di lasciarti andare a queste reazioni scomposte, rileggiti il mio commento e capisci che era riferito a questi pseudotifosi palermitani e catanesi che credono di rappresentare loro soli la Sicilia quando invece abbiamo altre realtà che non devono sentirsi “minori” visto l’andamento delle due squadre presunte “maggiori”…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.