Mogavero contro Salvini | "Non può dirsi un cristiano" - Live Sicilia

Mogavero contro Salvini | “Non può dirsi un cristiano”

"Non possiamo più stare zitti di fronte alle sparate di un ministro sempre più arrogante".

LA REPLICA
di
42 Commenti Condividi

PALERMO – “Non possiamo più stare zitti di fronte alle sparate di un ministro sempre più arrogante”. Così il vescovo di Mazara del Vallo, Domenico Mogavero, dopo che Salvini ha esibito il rosario a un comizio. “Non possiamo più permettere che ci si appropri dei segni sacri della nostra fede per smerciare le proprie vedute disumane, antistoriche e diametralmente opposte al messaggio evangelico. Chi è con lui non può dirsi cristiano perché ha rinnegato il comandamento dell’amore” ha concluso Mogavero che stamane partecipa all’assemblea dei vescovi italiani a Roma.

Seccata la replica del ministro dell’Interno: “Non commento e continuo a testimoniare la mia Fede con il lavoro per un’Italia più bella e sicura, le chiacchiere le lascio agli altri. Amen”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

42 Commenti Condividi

Commenti

    Parla proprio lei sig. vescovo. Dopo tutti gli scandali che l’hanno vista protagonista. Lei un giustiziere assolutamente parziale…Parla proprio lei ?? !!! Ridicolo !!! Incredibile !!!

    Da quale pulpito viene la predica. Impegnate per i poveri, magari italiani, i 6 miliardi che vi “offre” ogni anno, in bilancio, il popolo italiano più un miliardo che introitate con l’8 per mille e che destinate con voci di contabilità al clero e poi, forse se ne riparla su chi è arrogante. Farebbe meglio a guardare la trave che ha conficcata negli occhi lei caro cardinale che la pagliuzza di Salvini (per non parlare del resto delle porcherie che contraddistingue i religiosi cattolici).

    Concordo con Sua Eminenza Mogavero, l’unica risposta concreta che possiamo dare a questo ministro è aumentare il numero di Migranti in arrivo con una gestione più efficiente rispetto al passato delle fasi di Accoglienza ed Integrazione di tutti i Richiedenti asilo.

    Siamo al top della comunicazione.
    Oggi chi si alza per primo parla a nome e per conto di altri.
    Che la chiesa faccia politica dicendo che uno è cristiano se espone diversi pensieri da alcuni sacerdoti e/o vescovi e/o religiosi in genere non mi sembra che faccia cosa buona e giusta.
    Meno male che il Papa non fa nomi e cognomi ma essendo l’unico a poter scomunicare un cattolico non lo fa.
    Sappiamo bene che cosa sta passando la chiesa in questo periodo fra beghe economiche e beghe pedofile, ma nonostante ci siano preti a favore e quelli contrari nessuno ha scomunicato nessuno. Salvini fra poco lo metteranno in croce (a torto o ragione). Ricordiamo che l’ultimo in croce, oggi, a distanza di duemila anni, è solo Dio.
    Secondo me la chiesa non dovrebbe interferire nella politica così come succede al contrario.

    Monsignore Mogavero,
    curi gli interessi della Chiesa cattolica e lasci stare la politica.
    Salvini è il politico che ci voleva per salvare i confini nazionali, forse lei non lo capisce perché ormai nella sua Mazara Del Vallo si parla solo in arabo.

    Condivido pienamente le sante parole del Vescovo…finalmente si fa chiarezza che le rivendicazioni di natura politica non possono e non devono “asfaltare” anche i principii fondamentali dell’etica cristiano-cattolica, soprattutto se hanno soltanto lo scopo do far crescere il consenso, in perfetta malafede e puntando tutto sulla stanchezza e sull’avvilimento della già fragile collettività. Sarebbe bene dire, invece, che il politico in questione non crede minimante a quel che dice; sarebbe bene ricordare alla collettività, che questo politico è un moralista dell’ultima ora, se vuol fare dimenticare a tutti che appartiene alla stessa Lega razzista e xenofoba di sempre; si tratta del medesimo politico che ha partecipato alla spartizione di 49 milioni di euro che la Lega ha rubato e che deve restituire; appartiene alla stessa Lega che fino a un paio di anni addietro alimentava e fomentava la distanza e le differenze (presunte) fra nord e sud; infine, si tratta dello stesso politico che, assieme ai suoi compagni di partito, ma anche assieme ai suoi compagni di cordata e, anche assieme, a tutti i politici di ogni ordine e grado, di ogni collocazione (sinistra, destra….), ha contribuito al massacro della collettività, ormai alla fame e allo stremo: un esame di coscienza, serio però, evidenzierebbe che una gestione della res pubblica di tutti i politici, Salvini in primis, evidenzierebbe che non ci sarebbero motivi per un odio così feroce nei confronti di fratelli, nostri fratelli, in difficoltà.

    Pur di difendere Salvini si può dire di tutto. Poi c’è la realtà: con il rosario in mano ha sollecitato i fischi per il Papa. Ha bisogno del nemico, povero lui.

    Signor mogavero in quale partito si presenta alle elezioni?? Forse non sa che il patrimonio della chiesa potrebbe risolvere il problema della fame nel mondo !! O forse non sa che la gente è pure stufa di questi personaggi che si sono arricchiti con un abito talare e che i primi loro invece di aiutare la gente bisognosa fanno dei loro immobili resort e alberghi di lusso .

    Sei obnubilato.

    i preti che la pensano come il min…Salvini, stanno zitti, muti, se no li sospendono, è perdono il posto di lavoro.

    Di quali scandali parla?

    la chiesa si è sempre integrata bene con i politici, mi ricordo che, il voto suggerito dai preti era, ” votate Democrazia Cristiana” è così è aumentata la corruzione, clientelismo ,truffe, mafia politica, etc.

    E’ lei che non capisce, perchè, evidentemente, non è mai stato a Mazara del Vallo. Ad ogni è Chiesa ciò che la Chiesa ritenga sia tale. Non certo quel che ritiene Salvini. Il quale non è affatto obbligato ad essere cattolico. Solo venda la sua di merce.

    PREDICAVANO, finita la S. messa, gridavano!! votate x la democrazia cristiana, così porterete in spalla la croce di cristo. Amen..i pecoroni ci credevano

    Bel comizio. Cosa è la chiusura della campagna elettorale? Mi ricordo altri vescovi. A proposito, quante persone accoglie nei suoi beni la chiesa. Ovviamente la solidarietà è a spese degli altri, la chiesa da consigli non denaro, semmai ne chiede allo stato?

    Come può un vescovo emettere giudizi assolvendo alcuni o colpevolizzando altri? Sono tutti nel giusto i migranti e non sono cristiani Salvini e tutti quelli che lo seguono? Che uomo di Chiesa è chi si permette di giudicare i suoi simili? E’ lui il primo ad essere in torto e a fare politica così come sbaglia l’alto prelato che rimprovera Salvini perchè Dio è di tutti, sì e di tutti ma solo in quanto lo è di ciascuno di noi ed è diritto di ognuno di noi di invocarlo ogni qualvolta ne sentiamo il bisogno senza per questo dover essere criticati. La Chiesa torni ad essere di tutti e non faccia politica schierandosi e tradendo se stessa e lo spirito del mio e nostro Buon Dio.

    Monsignore a parte che non si può permettere di dare dei non cristiani a tutti coloro che la pensano come Lei….secondo, in merito ai migranti ci dica quanti ne ha accolto nella Sua Curia vescovile….e terzo…pensi ai problemi Suoi e della chiesa e non far politica.

    Ricordo al vescovo la frase di papa Francesco, ” chi sono io per giudicare ?” ( forse per Salvini non vale) .
    Detto questo rammento sempre al vescovo le intollerabili ingerenze a gamba tesa del Vaticano nella politica italiana , pertanto prima di parlare a vanvera, faccia serena autocritica.
    Gli sconfinamenti d una parte ( del Vaticano) giustificano gli sconfinamenti dell’altra.
    Concludo ricordando al vescovo il pricipio di Cavour, che sarebbe bene tenere sempre presente, “libera Chiesa in libero Stato”

    La cristianità si, ma non a convenienza; lui e i suoi colleghi vogliono essere cristiani? Allora aprano gli immobili di proprietà della curia e li diano ai senza tetto e agli immigrati (senza conquibus); inoltre, non permettano a nessuno di fare propaganda elettorale nelle chiese comprese le pertinenze; i preti, quando finisce la messa, non diano indicazioni a chi dare il voto. Insomma: facciano i cristiani loro, che sono pagati per questo.

    “Non possiamo stare zitti di fronte alle sparate di un Ministro sempre più arrogante “. Condivido appieno !

    Ho letto sopra dei commenti contro S.E. Mogavero da fare rabbrividire, evidentemente con questi continui attacchi alla Chiesa, a Sua Santità Francesco ed a tutti coloro che vogliono una politica caritatevole e totalmente aperta alle giustissime e primarie esigenze di migranti e richiedenti asilo stiamo sempre più entrando in un nuovo medioevo fatto di odio ed intolleranza. La differenza fra noi uomini di chiesa e questa sempre più estesa massa di persone che inneggiano al Salvini che tiene impropriamente in mano un Santo Rosario accaparrandosi l’esclusiva di un dialogo diretto con Dio personalmente mi mette paura.
    Don Corradino (Napoli)

    Bravissimo padre Mogavero! Chi è cristiano non può essere leghista!

    I più grotteschi sono i destri che dopo decenni di clericalismo al servizio dei ruini, dei maggiolini e dei biffi, ora diventarono anticlericali solo perché finalmente ci sono papi come Francesco e cardinali come Lorefice, Mogavero, Montenegro e altri vescovi illuminati.

    Si, così come chi, nel dopoguerra, votava comunismo, mangiava i bambini e uccideva i preti. Sono ben lontani dall’essere cristiani questi mestieranti della chiesa.

    NON STIAMO AIUTANDO IL PROSSIMO.Sono d’ accordo che occorre aiutare gli ultimi,ma i giovani africani lasciano i vecchi genitori per venire qua e quasi sempre non trovano lavoro e magari scelgono di fare attività illecite. Non stiamo aiutando il prossimo.Gaspare Barraco ( ing) Marsala.

    È esattamente quello che succede, purtroppo, in questa Italia piena di odio verso tutti.

    Tutti dimenticano che la Chiesa è quella fondata da Cristo e non quella decantata dai politici e attuata dal clero di oggi. Un clero che guarda caso non dice nulla per i politici pseudo cristiani (a cominciare da Orlando ) che sono favorevoli al divorzio, all’aborto, ai matrimoni omosessuali attaccando tutti coloro che la pensano diversamente, così come ora sta facendo mons. Mogavero che non ha ascoltato le parole di Papa Francesco che si dice favorevole all’immigrazione, ma con paletti ben precisi a tutela anche degli stessi immigranti che vengono sfruttati, mal pagati e usati per atti delinquenziali. Ma poi perché non iniziano loro a aprire le loro case, a vendere i loro tesori nascosti, loro che chiedono sempre soldi, soldi per i poveri che poi non arrivano agli immigrati, che vivono in appartamenti enormi, ben serviti, altro che chiesa povera per i poveri.

    Bellissima questa tenzone tra Salvini e il vescovo di Mazzara del Vallo: il primo brandisce un rosario per allontanare migranti perlopiù mussulmani dall’Europa, non postulanti ai ricchi sceicchi correligionari?, e potenzialmente pericolosi-come chi doveva aggredire a Torino il primo italiano che incontrava e che fosse felice questa primavera, forse scordandosi che il Rosario è stato mutuato in Europa proprio dagli islamici-le 99 catenelle o nomi di Allah, ancora prima era di una radice indiana shivaita, accettato nel XII secolo dalla Tradizione Cattolica forse per merito dei Crociati?, ma Sua Eminenza ed altri Preti intervenuti non ricordano forse Matteo 6:5 e a seguire in cui il Vangelo condanna tale pratica, e il Nord Europa protestante non accetta tali mezzi di propaganda, quindi di cosa stiamo parlando???

    Mogavero ha tutto il diritto di ritenere lontani dal sentiero di fede tutti coloro che dimostrano di avversare il messaggio evangelico. Ed il programma della Lega è del tutto antitetico alla predicazione di Cristo. Detto questo, uno può anche optare per il sostegno ale politiche della Lega. Ma in questo modo si pone, ‘ipso facto’ fuori dalla Chiesa. C’è poco da fare. La vita è fatta di scelte, essere cattolici non è obbligatorio.

    Cavour aveva ragione: Salvini deponga il rosario e la smetta di citare Santi e Madonne a sostegno della sua politica che è l’esatto contrario del messaggio evangelico.

    E questo con un leader politico che ostenta oggetti sacri e cita Santi e Madonne nei suoi comizi c’entra perchè?

    Molti cristiani vanno in chiesa per pregare, per bagnarsi la fronte con l’acqua benedetta, per confessarsi (chissà quali peccati) e fare la Comunione (simbolo di essere comunità e ricevimento di Gesù nel proprio corpo. Quanti però prenderebbero in considerazione l’idea di:
    Accogliere un immigrato uomo di 40 anni in casa propria condividendone gli spazi e il bagno.
    Il matrimonio del proprio figlio o della propria figlia con un immigrato
    Dare soldi per il sostentamento di tali fratelli
    Pagare le spese mediche se tali fratelli sono feriti o malati
    Accettare di essere contagiati dalle malattie che potrebbero portarsi da lungo viaggio.
    Essere in grado di affrontare le “turbe psisiche” che tali fratelli potrebbero avere dopo i maltrattamenti subiti.
    Essere anche derubati delle proprie ricchezze.
    Essere talmente a servizio da rinunciare al proprio tempo libero.
    Condividere con loro il frutto del proprio sudato lavoro .
    Capire che la loro cultura è diversa dalla nostra e se professano un altra religione (che dice chiaramente che noi siamo infedeli e che dobbiamo essere eliminati dalla terra) accettarla anzi aiutarli a “non integrarsi”.
    Accettare che le donne ritornino “al focolare” e con il velo in testa e disposte a farsi picchiare (tanto così dice il Corano)….
    Scoprire che l’immigrato che ospitano è un terrorista e che quindi c’è la possibilità di farsi processare per sostegno al terrorismo?
    Quanti sono coscienti che gli immigrati fuggono dalle guerre che proprio le nazioni cristiane e mussulmane fomentano per beneficiare delle ricchezze di tali terre?
    Quanto invece accetterebbero di continuare a prendere 40 euro al giorno ad immigrato tanto di tutto quanto sopra non gliene frega niente “basta che mi prendo i soldi”?
    Personalmente penso che la nostra società è vicina al collasso.
    Non possiamo continuare a fare arrivare tutti gli immigrati che vorrebbero venire.
    E non si può fare accoglienza con i soldi di “CAPPIDDAZZU”.
    Blocchiamo l’immigrazione alla fonte. Smettiamo di fare le guerre in Africa.
    Blocchiamo i porti sul serio quanto meno potrebbe finire il Business della tratta degli immigrati. Mostrare un Crocefisso in TV significa dire Qui siamo Cristiani. C’è una storia dal leggere e studiare in merito…..

    Pensi a quanti suoi colleghi tengono in mano il rosario e poi fanno quello che non dovrebbero fare…. secondo, chi è Lei per giudicare chi tiene o non tiene in mano un rosario impropriamente ( si vada a rivedere gli insegnamenti di Cristo )…. è LEI che mette paura. Terzo, ci dica quanti immigrati ha accolto nella sua parrocchia o curia.

    Premesso che sono fermamente cattolico, vorrei ricordare a Lei che evoca un nuovo medioevo che il vero medioevo della Chiesa è stato: le Crociate, l’Inquisizione, i lunghi secoli del potere temporale di decine di Papati durante i quali si sono macchiati di tutto e di più, Ciò premesso e seriamente convinto che oggi la Chiesa sia finalmente la Chiesa di Dio, noto che ci sono però ancora molti prelati che tradiscono il pensiero di Dio: si può e si deve difendere i più deboli senza per questo insultare e criticare le controparti. Dio non ha mai insultato nessuno e non si è mai scontrato con nessuno altrimenti non sarebbe il nostro Dio. Rifletta Lei ed i suoi confratelli. La Chiesa è e deve essere di tutti, dei giusti ed, eventualmente, anche degli ingiusti(ammesso che lo siano).

    Sbaglia Salvini a usare il Rosario come una medaglia al valore, come un vessillo politico e culturale in antitesi all’islam, ma sbaglia ancora di più un porporato che usa toni da avversario politico e non da pastore che dovrebbe riportare le sue pecorelle sulla retta via, con amore e misericordia.

    L’amore, incredibile a dirsi, dovrebbe averlo anche per Salvini, non solo per i profughi.

    Per il resto, come Salvini, non condivido il lassismo nei confronti dell’invasione culturale e politica da parte dell’islam, ma questo non lo autorizza ad usare la Croce come un’arma.

    Il problema non è la fede solida dei musulmani, cosa ammirevole, ma il disinteresse e l’insensibilità nei confronti di Cristo degli Italiani. E’ inutile che ci lamentiamo.

    ma chi e’costui per dare giudizi,in dieci anni trascorsi a scuola dai salesiani ne ho viste di schifezze da scrivere un enciclopedia quindi pensino a quello che succede tra le loro fila

    il problema non è il rosario di Salvini, ma la discesa ( ingerenza) in campo politico della chiesa, che divide ancora una volta gli italiani in guelfi e ghibellini. In questo caso papa Bergoglio è visto come un leader politico che può essere applaudito o criticato a fischi. Le invasioni di campo della chiesa giustificano le invasioni della parte avversa.

    Gia i mangiapreti sono diventati tutti papisti, è proprio da ridere. Come è evidente non è che la sinistra si sia convertita in massa, ma vede in papa Bergoglio un alleato politico che porta una manciata di voti e consenso .. e sono diventati papisti .

    La politica cattolica degli ultimi settanta anni si è prestata a tanti i quei compromessi e acrobazie ideologiche che ha da tempo rivelato la propria autentica natura bizantina e multiforme con l’unico fine relativo alla gestione assoluta e non condivisa del potere con qualsiasi mezzo.
    Altra cosa i protestanti

    e che c’entra col messaggio di Cristo?

    il caro Vescovo dovrebbe guardare in casa propria per la moltitudine di scandali e non nascondersi dietro la religione per fare politica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *