Il regolamento divide la città | Orlando firma la nuova ordinanza - Live Sicilia

Il regolamento divide la città | Orlando firma la nuova ordinanza

A Sala delle Lapidi continua lo scontro sulle nuove regole da dare alla vita notturna palermitana. Il sindaco ha firmato l'ennesimo provvedimento d'urgenza visto che l'ordinanza in vigore scade il 31 ottobre.

9 Commenti Condividi

PALERMO – E’ arrivata la firma sulla nuova ordinanza della movida, che resterà in vigore fino al 30 novembre. Il sindaco ha emanato oggi il nuovo provvedimento che regolamenterà un tema che continua a dividere la città. Il regolamento che dovrebbe mettere d’accordo i residenti che vogliono dormiree i pub che vogliono fare musica fino a tardi è infatti ancora una volta al centro dello scontro: da un lato l’amministrazione Orlando che, forte dell’appoggio del comitato di ordine e sicurezza, vuole il pugno di ferro; dall’altro i gestori dei locali e parte del consiglio comunale, che vorrebbero misure di regolamentazione della vita notturna più soft. In mezzo i residenti che si sono rivolti alla magistratura denunciando il sindaco, l’ex questore e il prefetto per non essere sinora intervenuti.

Una questione assai spinosa, fatta di ordinanze e minacciati ricorsi al Tar, che Sala delle Lapidi non è stata ancora in grado di affrontare in modo definitivo. Il consiglio comunale, infatti, è l’unico organo che può adottare il regolamento, ma in Aula non c’è ancora un accordo definitivo: l’ultima proposta è di Forza Italia e prevede un regolamento a tempo, con qualche aggiustamento, in attesa della zonizzazione che a Palermo manca nonostante gli obblighi di legge.

Il sindaco, quindi, ha firmato la nuova ordinanza, dal momento che quella precedente scade a fine ottobre, praticamente fra poche ore: un provvedimento ampiamente annunciato e considerato uno schiaffo all’indirizzo del consiglio. Il primo cittadino, del resto, era stato molto chiaro: se Sala delle Lapidi non approverà un regolamento severo, si ricorrerà alle misure eccezionali, ossia le ordinanze, che pure il Tar ha chiesto di non reiterare. Il punto è che tra un annullamento al Tar e una denuncia penale (sono ormai centinaia), il Professore non sembra aver dubbi.

La settimana prossima il tema approderà nuovamente in consiglio nonostante le opposizioni di alcuni gestori e di alcune associazioni, spaccate anche al loro interno, con annunciati ricorsi al Tar. Ma prima di una decisione finale potrebbe arrivare la sentenza del tribunale. I residenti, difesi dall’avvocato Carlo Pezzino Rao, hanno infatti denunciato sindaco, questore e prefetto per non essere intervenuti nel caos movida e aver provocato così un vantaggio per i locali. Il problema non starebbe nella mancanza di un regolamento, ma dei controlli. “L’omissione di una efficace vigilanza del territorio a seconda dei casi nelle ore diurne o serali e notturne, palesa, con assoluta certezza, i caratteri dell’acquiescenza a tali illeciti da parte dei responsabili della tutela della salute e della sicurezza dei cittadini, diffondendo nei danneggiati la convinzione del loro sostanziale disinteresse e della loro chiara volontà di lasciar fare ai trasgressori della legge ciò che vogliono”, scrive Pezzino Rao.

Ieri si è tenuta l’udienza: la Procura ha chiesto, ancora una volta, l’archiviazione, mentre i residenti hanno ribadito la propria posizione. Sia il Comune che lo Stato si sono difesi presentando memorie ad hoc, ma la decisione potrebbe arrivare fra qualche giorno, proprio nel bel mezzo del dibattito a piazza Pretoria. Il Gip potrebbe decidere di ordinare nuove indagini, procedere al rinvio a giudizio o archiviare. Nella propria memoria, il Comune si difende sostenendo di aver emesso le ordinanze e di aver eseguito i controlli e imputando al consiglio la mancata adozione di un provvedimento definitivo. Basterà a convincere il giudice?

LE REAZIONI
“E’ necessario che l’Amministrazione si doti della “zonizzazione acustica” a tutela della salute e della qualità della vita dei cittadini. Il Dpcm 1991 e la successiva legge 447/1995 impongono ai Comuni l’adozione di un regolamento che disciplini le modalità e i limiti delle emissioni acustiche attraverso la classificazione del territorio in zone in relazione alla diversa destinazione delle aree. In particolare la legge classifica le classi di destinazione d’uso del territorio, ai fini dell’individuazione dei limiti massimi del livello sonoro consentito, nel seguente modo: aree particolarmente protette (50 decibel limite massimo diurno, 40 notturno), aree prevalentemente residenziali (55-44), aree di tipo misto (60-50), aree di intensa attività umana (65-55), aree prevalentemente industriali (70-60) e aree esclusivamente industriali (70-70). A tal fine, tra l’altro, la legge prevede anche dei veri e propri piani di risanamento acustico che consentono di adeguare il territorio ai limiti relativi alle emissioni acustiche. In mancanza della “zonizzazione acustica” si applicano sull’intero territorio dei limiti minimi e massimi, previsti sempre dalla legge, indistintamente per tutto il territorio. Tra l’altro la legge 447/95 (legge quadro sull’inquinamento acustico) rende obbligatorio per i Comuni non solo il regolamento attuativo della tutela dall’inquinamento acustico, ma anche l’adozione di piani di risanamento, l’attività di controllo, la classificazione del territorio e l’individuazione di criteri per eventuali deroghe, attribuendo anche nelle aree di rilevante interesse paesaggistico, ambientale e turistico, ulteriori eventuali limiti. Alla luce di questo quadro normativo un regolamento quale quello proposto dall’Amministrazione, che si limiti nella sostanza a vietare la diffusione all’esterno dopo le ore 24 o dopo l’una, appare davvero riduttivo e inadeguato ad affrontare o risolvere il problema dei residenti nelle zone in cui insistono numerosi pubblici esercizi. Non è chiaro come mai, dopo tre anni e mezzo, l’Amministrazione non si sia dotata di uno strumento obbligatorio e indispensabile per evitare impugnative che rischiano di rendere inutile l’azione amministrativa. Al fine di colmare questa criticità della proposta presentata in Consiglio, con la collega Luisa La Colla abbiamo presentato alcuni emendamenti con i quali introduciamo la distinzione del territorio in tre aree [area rossa, particolarmente protetta ai sensi del Dpcm 1991, che la zona “A” del Prg e il centro storico (50 decible di giorno e 40 di notte); area gialla, di tipo misto per le zone “B” e “C” (60-50); aree verdi: area di intensa attività umana, borgate marinare e zone costiere (65-55)] e diamo altresì mandato agli uffici di predisporre il “piano di zonizzazione” al fine di armonizzare meglio il regolamento sulla cosiddetta “movida” con i principi di tutela dall’inquinamento acustico previsti dalle norme”. Lo dice Nadia Spallitta del Pd.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

9 Commenti Condividi

Commenti

    Non è la città ad essere divisa, in questo caso la città sta con il sindaco, sono i gestori ad essere contro, solo loro, e parliamo di una categoria inutile perché alla città produce solo danno, in termini di redditi familiari bruciati, di ore di sonno perse, di giovani vite spezzate sull’asfalto di notte, di assunzione di stili di vita quantomeno improduttivi.

    La domanda e’: se chiudono alle 23 o alle 24 quanti zombies in meno ci saranno a Palermo, quanti ubriachi in meno, quanti morti in meno? Altro che TAR…

    Non so nulla di legge,ma chiedere l’archiviazione,davanti fatti e
    misfatti,ben raccontati con dovizia di particolati,tanto dalla stam
    pa che dai residenti,sarebbe un ennesimo schiaffo a chi vuole so
    lo l’applicazione della legge,senza ne si ne no,nei paesi europei
    dove nascono i pub,se ti azzardi a fare casino oltre una certa ora
    ti chiudono prima il locale,se reiteri,ti tolgono la licenza.Da noi per veder chiuso un locale che disturba la quiete pubblica,(l’art
    659 del c.p.lo punisce con l’arresto fino a tre mesi)bisogna aspet
    tare varie infrazioni.Poi l’art 32 della costituzione,garantisce,a tu
    tela della salute dei cittadini,il riposo.Poi le ordinanze per il conte
    nimento delle emissioni sonore,sono competenze del Sindaco.
    Stidiate un po’cari consiglieri,documentatevi,i cittadini vi giudica
    no,anche sul piano cultiurale.

    Pensare che il Sindaco,Prefetto e Questore,siano rinviati a giudi
    zio,per non aver dato efficacia,ai controlli per ridurre i fastidi,che
    i residenti subiscono dalla sregolata vita notturna,e’ poco realizzabile,pero’……Di contro gli usufruitori della movida,si vedrebbero autorizzati,visto che il problema non esiste,e non si
    intravede il luogo a procedere,a continuare a disturbare il sonno
    degli abitanti tanto nessuno paga.

    Per chi vive con un pub sotto casa la vita non è degna di essere vissuta. Non esiste riposo, non esiste igiene (residui alimentari, bottiglie, cocco di vetro, vomito, urina). Le ordinanze ci sono ma i controlli latitano completamente. Un blitz ogni 6 mesi non cambia minimamente la condizione di assoluto degrado in cui si vive.

    Magistrati siete l’ultima speranza che noi residenti abbiamo per avere una vita decorosa.

    Certo, che lo spettacolo che offrono alcuni nostri amministratori,
    e’squallido.Non e’possibile rappresentare ai cittadini,questa far
    sa da avanspettacolo recitata da attori di infima categoria,che va
    in scena da ben due anni ininterrottamente.Nemmeno fosse un
    recital di grande successo.Eppure ci costringono a sopportarli,
    siamo stufi, arcistufi.Visto che la storia e’maestra di vita,perche’
    seguendo un esempio antico,non li chiudiamo dentro il palazzo,
    dando loro solo da bere,facendoli uscire solo quando avranno elaborato un ordinamemto sulla movida che soddisfi le esigenze
    di tutti?

    È vero il testo dell’articolo. Il regolamento divide chi di giorno lavora e la notte vuole riposare da chi la notte fa casino. Divide chi vuole che le regole vengano rispettate da chi non sa nemmeno cosa siano. Divide tra civiltà e barbarie. Voglio vedere con chi stanno i magistrati. Sindaco fare le delibere non serve a nulla se poi nessuno le fa rispettare

    In un città dove l’abusivismo si tocca con mano, la procura vuole archiviare?

    l’ignoranza regna sovrana in un’amministrazione che neanche saprebbe amministrare l’aria che respira: INQUINAMENTO ACUSTICO LA MUSICA???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *