Movida selvaggia e un pub abusivo | Multe e denunce dei vigili urbani - Live Sicilia

Movida selvaggia e un pub abusivo | Multe e denunce dei vigili urbani

I controlli dei caschi bianchi nel centro storico.

Palermo
di
3 Commenti Condividi

PALERMO – Tre persone denunciate all’autorità giudiziaria, una discoteca abusiva sgomberata, un pub abusivo e oltre 15.000 euro di sanzioni sono l’esito dei controlli effettuati nel weekend dalla Municipale, nei locali della movida. In seguito ai recenti fatti di cronaca, il comandante Gabriele Marchese ha disposto un potenziamento del servizio con particolare riferimento ai controlli mirati oltre che alla sicurezza alimentare, anche a garantire il rispetto delle norme di sicurezza nei locali di pubblico intrattenimento. Gli agenti del Caep, il nucleo di controllo delle attività produttive, hanno controllato due locali del centro storico, una discoteca in via Cantavespri (a Lattarini) e un pub in via Spinuzza (all’Olivella).

Nella discoteca di via Cantavespri, è stata riscontrata la presenza di più persone rispetto al massimo consentito: a fronte di una capienza di 94 persone autorizzate dalla licenza del questore, erano presenti oltre 250 avventori che ballavano in spazi ristretti. Gli agenti hanno interrotto lo spettacolo danzante e hanno fatto defluire il pubblico verso l’uscita. Il locale inoltre era provvisto di un solo estintore e privo di autorizzazione antincendio. Per le violazioni alla licenza di questura e per l’inosservanza alle prescrizioni disposte dalla commissione di vigilanza per i locali di pubblico spettacolo il titolare rischia la sospensione della licenza del questore, mentre per l’attività abusiva è stato denunciato all’autorità giudiziaria. Ai quattro barman, presenti in sala e tutti sprovvisti dell’attestato per la mescita degli alimenti, sono state comminate sanzioni per un importo di 1.000 euro ciascuno.

Invece nel pub di via Spinuzza, gli agenti hanno riscontrato la somministrazione illecita di alimenti e bevande con intrattenimento musicale. L’attività è stata subito interrotta in assenza delle prescritte autorizzazioni amministrative e sanitarie; inoltre mancava il piano di autocontrollo per la sicurezza alimentare HACCP ed il barman è stato sanzionato perché non era abilitato alla mescita di alimenti e bevande. Durante il controllo, il titolare del pub e un cliente che hanno tenuto in pubblico atteggiamenti irriguardosi nei confronti degli agenti, sono stati denunciati all’autorità giudiziaria.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Che ben vengano questi controlli e che siano costanti e non saltuari, affinchè non si ripetano fatti e tragedie come quella dolorosissima di Ancona in cui hanno perso la vita giovanissimi .
    L’autorità giudiziaria inoltre dovrebbe perseguire i tanti organizzatori che sbigliettano prevendite riempiendo a tappo un locale in quanto hanno dei guadagni rigorosamente in nero.
    basta aprire le tante pagine facebook di organizzatori e pseudo tali di palermo che sera per sera invitano ammiccanti per vendite tavoli e serate con le band di turno.
    I suddetti organizzatori hanno profitto da queste prevendite, ma qualcuno dovrebbe spiegarmi perchè non pagano tasse sul venduto

    Qualche malevolo potrebbe pensare:
    “Se sei stigghiolaro abusivo, puoi stare tranquillo.
    A Palermo nessuna pattuglia verrà a disturbare le tue attività illecite.
    Li vedono delinquere per strada e passano oltre… e le strade continuano ad essere occupate ed affumicate…. venduta in nero carne priva di tracciabilità…. requisiti igienici pari a zero…”
    Perchè in questo caso le forze dell’ordine non intervengono?

    Ottimo lavoro della Polizia Municipale a tutela della sicurezza di tutti noi!
    SPERIAMO CHE QUESTI CONTROLLI CONTINUINO ANCHE IN MODO PIU’ INCISIVO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *