Multe agli over 50 no vax: 1,4 milioni di sanzionati potrebbe non pagarle - Live Sicilia

Multe agli over 50 no vax: 1,4 milioni di sanzionati potrebbe non pagarle

Ecco perchè le sanzioni ai soggetti non in regola con la vaccinazione entro il 15 giugno scorso possono rivelarsi inutili
CORONAVIRUS
di
1 Commenti Condividi

ROMA – Sono circa due milioni gli over 50 che tra aprile e agosto 2022 hanno ricevuto i procedimenti sanzionatori del Ministero della Salute per non essere in regola con la vaccinazione primaria anti Covid. Lo scrive il Corriere della Sera che ha effettuato una verifica delle sanzioni elevate e della relativa riscossione che rischia di non avvenire mai.

Di questo esercito di due milioni di non vaccinati entro il termine di legge del 15 giugno scorso entro cui si doveva essere in regola con le tre dosi di vaccino, il 30 per cento circa ha ottenuto una rettifica della propria posizione e un’interruzione della sanzione. Dunque, al momento, le multe si aggirano intorno a 1,4 milioni di persone. Finora nessuna multa collegata alle sanzioni inviate ad aprile scorso è stata recapitata ai destinatari – si legge sul Corriere -: la consegna è prevista entro la fine di novembre, in accordo con la norma che prevede che le multe siano inviate entro 270 giorni dalla trasmissione degli elenchi del ministero della Salute all’Agenzia delle Entrate-Riscossioni. Dunque, senza l’emissione delle multe, nessuno ha potuto a oggi pagarle. La sanzione è di 100 euro, ma con il cambio di governo e una nuova maggioranza dove alcuni esponenti non hanno mai fatto mistero di non apprezzare l’obbligo vaccinale, potrebbe non venire mai riscossa.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Visto che sono già pronte potrebbero invece essere recapitate tutte quante ma all’indirizzo di casa dell’ex ministro della salute Roberto Speranza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *