Natale, salvati migranti, ci sono bambini: sembra un presepe FOTO -

Natale, salvati migranti, ci sono bambini: sembra un presepe FOTO

L'annuncio di Sea Watch, organizzazione tedesca no-profit che opera nel Mediterraneo centrale con il supporto della società civile
MIGRANTI
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – Sembra un presepe, forse lo è. Nella notte di Natale sono state salvate diverse famiglie di migranti, stavano per morire.

“Durante la notte e all’alba della mattina di Natale l’equipaggio di #SeaWatch3 ha soccorso circa 180 persone da due imbarcazioni in pericolo”. Lo annuncia la Sea Watch, organizzazione tedesca no-profit che opera nel Mediterraneo centrale con il supporto della società civile.

“A bordo della nostra nave – dice la Sea Watch – ci sono adesso più di 270 naufraghi salvati fra ieri e oggi in tre diverse operazioni”.

Pochi giorni fa, è stata archiviata l’indagine su Carola Rackete, che non ha commesso alcun reato entrando in porto a Lampedusa con i naufraghi soccorsi in mare da Sea-Watch 3.

È stato archiviato anche il procedimento penale nei confronti dell’ex comandante della nave, accusata di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e di aver violato l’articolo 1099 del codice di navigazione perché non obbedì all’ordine di non entrare nelle acque territoriali italiane, emesso ai sensi del Decreto Sicurezza Bis. LEGGI TUTTO

Nel 2020 la Cassazione aveva sancito l’illegittimità dell’arresto di Carola Rackete. Lo scorso maggio un primo provvedimento di archiviazione fece, invece, cadere le accuse di resistenza a pubblico ufficiale e violenza a nave da guerra contro l’ex comandante. Di fatto oggi si chiudono tutte le indagini penali nei confronti dei membri della Sea-Watch.

La richiesta di archiviazione della Procura della Repubblica di Agrigento, le cui motivazioni sono state integralmente accolte dal Gip nel decreto di archiviazione, riconosce la correttezza della condotta della comandante nell’individuazione del place of safety più vicino e stabilisce che la Libia non può essere considerata, ai fini dello sbarco, un luogo sicuro. 

Fu quindi l’adempimento di un dovere giuridico, quello di portare in salvo le 42 persone soccorse da Sea-Watch 3, a dettare la scelta di Carola Rackete di entrare in acque territoriali italiane e attraccare al porto di Lampedusa il 29 giugno 2019.

Le motivazioni dell’archiviazione si soffermano anche sull’applicazione del Decreto Sicurezza Bis, sottoscritto dall’allora Ministro dell’Interno Matteo Salvini, che presupponeva la violazione, da parte dell’ex comandante di Sea-Watch 3, delle norme nazionali e internazionali. 

In realtà, si legge nel decreto di archiviazione, Rackete ha agito nell’adempimento del dovere di salvataggio previsto dal diritto nazionale ed internazionale del mare”.

Il decreto di archiviazione sconfessa quindi in tutto e per tutto l’applicabilità del Decreto Sicurezza Bis nel salvataggio dei naufraghi.

Non può essere considerata come luogo sicuro una nave in mare che oltre a essere in balia degli eventi meteorologici avversi non consente il rispetto dei diritti fondamentali delle persone soccorse, si legge nel decreto del giudice, che riporta quando già statuito dalla Corte di Cassazione nel confermare l’ordinanza di non convalida dell’arresto di Rackete emesso dallo stesso ufficio del Gip di Agrigento.

Accogliendo le motivazioni espresse dal pubblico ministero nella richiesta di archiviazione, dunque, il giudice ritiene che non esistessero elementi sufficienti a far ritenere che il passaggio di Sea-Watch 3 potesse definirsi “non inoffensivo”, dal momento che la “non inoffensività del passaggio” non può essere desunta “dal solo presupposto che i naufraghi fossero tutti stranieri senza documento”.

Quest’ennesima archiviazione abbatte il pretestuoso muro legislativo eretto da Salvini e, nelle sue motivazioni, conferma quanto già stabilito dalla Corte di Cassazione: soccorrere chi si trova in pericolo in mare e condurlo in un luogo sicuro è un dovere sancito dal diritto internazionale.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.