Palermo, uccide la moglie con dieci coltellate: confessa il marito

Palermo, uccide la moglie con dieci coltellate: confessa il marito

Il padre della vittima: "Mia figlia era rimasta in quella casa per i bambini"
3 Commenti Condividi

PALERMO – Ha confessato nel corso dell’interrogatorio Salvatore Baglione, marito di Piera Napoli, 32 anni, assassinata questa mattina a coltellate nella sua abitazione di Palermo, in via Vanvitelli.

Il movente viene rintracciato nei contrasti sentimentali della coppia e nella gelosia dell’uomo. Questa mattina Baglione, 37 anni, si è presentato nella stazione dei carabinieri Uditore, in quella che fu la villa che ospitò la latitanza di Totò Riina, dicendo che la moglie era morta.

I carabinieri sono piombati nell’appartamento e hanno trovato la vittima in bagno in una pozza di sangue, colpita da una decina di coltellate, forse più, quella mortale alla gola. Il marito, di professione macellaio, ha utilizzato un grosso coltello da cucina. Sembrerebbe che l’ennesimo femminicidio sia stato premeditato, visto che l’uomo in mattinata aveva accompagnato i figli dai nonni.

In serata la confessione resa al pubblico ministero Federica Paiola che ha disposto il fermo di Baglione. L’uomo ha ricostruito i macabri particolari della rabbiosa aggressione contro la povera donna come dimostra l’elevato numeri dei colpi.

A coordinare le indagini dei carabinieri della compagnia di San Lorenzo è il procuratore aggiunto Laura Vaccaro. Adesso si attende la convalida del giudice per le indagini preliminari. Nel frattempo l’assassino reo confesso è stato rinchiuso nel carcere Pagliarelli di Palermo.

Il padre della vittima ai giornalisti ha raccontato che il rapporto tra marito e moglie era incrinato: “Mia figlia restava ancora in quella casa per i bambini”. La notizia dell’uccisione della giovane mamma e cantante ha provocato tante reazioni nel mondo dei neomelodici.

“Era una ragazza semplice e solare. Una persona veramente per bene – scrive su Facebook Piero Sala, discografico e proprietario della Air Music, lo studio di registrazione audio dove Piera Napoli ha lavorato negli ultimi 5 anni -. Sono distrutto. In genere cantava canzoni d’amore neomelodiche di cui curavo gli arrangiamenti. Lei portava i testi e io mettevo la musica. Brani che possiamo definire puliti, senza esaltazione della malavita. Si distingueva da tante persone legate a questo mondo. Non mi sarei mai aspettato da suo marito un gesto del genere”.

Il profilo Facebook della vittima

La donna era molto conosciuta nel quartiere Cruillas. I vicini e i residenti del quartiere non sono molto loquaci. Una vicina racconta di una coppia felice che si amava. “Non ho sentito nulla oggi – dice -, stavano qui da otto anni. La notizia mi ha sconvolta. Erano innamorati”.

Circostanza smentita dalla tragica realtà di oggi, preceduta dalle liti. L’ultima era avvenuta un mese fa. La donna era stata picchiata. Nella casa di via Vanvitelli era intervenuta la polizia, ma Piera Napoli alla fine non aveva voluto sporgere denuncia.

Altri vicini, invece, raccontano delle continue liti della coppia accompagnate da urla impossibili da confinare tra le mura della casa di via Vanvitelli dove la povera donna è stata assassinata a coltellate. È la cronaca dell’ennesimo femminicidio a pochi giorni dall’omicidio di Roberta Siragusa, assassinata a 17 anni. L’omicida sarebbe il fidanzato diciannovenne.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Chiunque usi violenza contro donne bambini anziani è un essere indegno di appartenere al genere umano. Esseri antropomorfi uomini solo all’anagrafe che arrivano a togliere la vita a chi gli sta accanto solo per affermare la propria indole animale la propria nullità di esistere. Vite spezzate per la follia omicida di questi vermi schifosi da legare con una catena a vita in una cella senza finestre. Il femminicidio è la piaga del secolo. Dobbiamo mobilitarci tutti per porre fine a questa strage di innocenti. Vicinanza e solidarietà alla famiglia di questa povera mamma.

    povera donna, ancora una vittima dell’uomo padrone.

    Era una persona conosciuta nell’ambito dell’ambiente neomelodico, il mondo dell’arte la piange.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *