Orlando: "Mise convochi un tavolo per risolvere questione Almaviva" - Live Sicilia

Orlando: “Mise convochi un tavolo per risolvere questione Almaviva”

“Ci sono alcuni aspetti non chiari, a cominciare dal singolare criterio della contiguità territoriale“
PALERMO
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, sta cercando di risolvere la vertenza Almaviva, con i dipendenti che rischiano di perdere il proprio posto di lavoro con la chiusura della commessa di Alitalia, che passerà la mano ad Ita, che ha indetto la gara d’appalto per trovare gli operatori che si occuperanno della risoluzione problemi dei clienti.

“Dal tavolo convocato e presieduto questa mattina dal Prefetto di Palermo, Giuseppe Forlani, relativo alla vertenza Almaviva, in ragione della gara d’appalto Ita, sono emersi con chiarezza tutti gli interrogativi e le preoccupazioni su alcuni aspetti non chiari, a cominciare dal singolare criterio della contiguità territoriale, mai prospettato in alcuna gara europea – ha dichiarato il sindaco Orlando -.“

“Chiediamo al Mise e al Ministero del Lavoro di convocare sulla vicenda un tavolo congiunto che metta a confronto Alitalia, Ita e Almaviva per affrontare organicamente sia il tema della riorganizzazione di questo importante servizio, che sarà gestito da Ita, sia quello della clausola sociale da attivare per garantire la continuità e la professionalità espresse in tutti questi anni dalle lavoratrici e dai lavoratori palermitani di Almaviva”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
1 Commenti Condividi

Commenti

    Da quale pulpito viene l’invito, da sei anni i lavoratori della Re.Se.T attendono che mantenga almeno quanto siglato nel 2017 quindi,non cerchi,come Salvini,consenso con le disgrazie dei lavoratori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.