Palermo, Boccia: "Lagalla e Ferrandelli vogliono cancellare il reddito di cittadinanza" - Live Sicilia

Boccia: “Lagalla e Ferrandelli vogliono cancellare il reddito di cittadinanza”

Così, il responsabile enti locali del Pd, oggi a Palermo, per una iniziativa elettorale
VERSO LE AMMINISTRATIVE
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Dopo le parole di Matteo Renzi sul lancio della campagna di raccolta firme per il referendum abrogativo del Reddito di cittadinanza, da Palermo arriva la stoccata del dem Francesco Boccia ai candidati sindaco appoggiati da forze politiche che vogliono l’abolizione della misura fortemente voluta dal M5s. “A Palermo Lagalla e Ferrandelli – ha attaccato Boccia -, non so se anche altri candidati, voglio cancellare il reddito di cittadinanza e sono sostenuti dagli stessi partiti che vogliono cancellarlo, e noi lo impediremo. Peccato che poi non dicono come intendono garantire alcuni servizi ai più deboli”.

“Va detto – ha aggiunto il responsabile enti locali del Pd, oggi a Palermo, per una iniziativa elettorale del candidato sindaco Franco Miceli – che la maggior parte di coloro che prendono il reddito di cittadinanza – ha aggiunto – ha a casa un anziano in difficoltà, o un disabile o figli che hanno bisogno di assistenza. Se poi ci dicono come intendono sostenere le famiglie in difficoltà di Palermo e delle periferie della città, facciamo un dibattito serio, invece di far prendere il sopravvento alla demagogia”.

A Boccia ha risposto poi Carlo Calenda: “Nel 2018 Boccia diceva che era un imbroglio. Ognuno usa le cose a seconda dell’opportunità”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Ogni tanto una buona notizia!

    Ed hanno ragione. tra pd e 5 stelle, hanno creato un esercito di mantenuti sulle spalle dei veri lavoratori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *