"Palermo come ai tempi del sacco| Ora la politica deve reagire" - Live Sicilia

“Palermo come ai tempi del sacco| Ora la politica deve reagire”

Il presidente dell'Antimafia Morra: "Triste vicenda". Il M5s: "Pesanti ombre".

CORRUZIONE AL COMUNE
di
3 Commenti Condividi

“A Palermo due consiglieri comunali – uno del PD ed uno di IV – emergono come figure centrali nell’ordito corruttivo che aveva avvolto la città, permettendo a costruttori ed architetti di violentare la città per meschini interessi privatistici. Apparentemente un episodio di semplice corruzione. Grave, certo, ma di semplice corruzione. Ma se a confermare il quadro corruttivo è un certo Filippo Bisconti, arrestato nell’operazione Cupola 2.0 perché ritenuto componente della commissione provinciale di Cosa nostra, il quale con le sue dichiarazioni ha corroborato le ipotesi prospettate dagli investigatori, allora si capisce come certi ambienti, apparentemente ben distanti dalla mafia militare, siano attraverso corruzione, scambio elettorale politico-mafioso, speculazione edilizia e conflitto d’interessi, capaci di sventrare una città con la stessa immoralità con cui Cosa Nostra operava il sacco di Palermo negli anni ’70”. Lo scrive il presidente della Commissione parlamentare antimafia, Nicola Morra.

“Ma la cosa più inquietante è che sia Bisconti, “boss costruttore”, sia altre figure centrali di questo comitato d’affari, frequentassero lo studio dell’architetto Seminerio, in cui si ordivano i progetti criminali con la complicità di politici, tecnici comunali e costruttori privati. “Le indagini – dice infatti il colonnello Gianluca Angelini, comandante del nucleo di polizia economico finanziaria di Palermo – hanno consentito di ipotizzare l’esistenza di un vero e proprio comitato d’affari in grado di incidere sulle scelte gestionali di pubblici dirigenti e amministratori locali, i quali avrebbero asservito la pubblica funzione agli interessi privati, in modo da consentire di lucrare indebiti e cospicui vantaggi economici nel settore dell’edilizia privata”, prosegue Morra. “Ora mi attendo dalla politica una reazione esemplare di fronte a queste tristi vicende”, conclude il senatore M5S.

“L’inchiesta di oggi che vede coinvolti dirigenti del Comune e consiglieri comunali per fatti corruttivi – commentano  i parlamentari nazionali e il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle di Palermo in una nota congiunta – getta una pesante ombra sulle dinamiche amministrative e democratiche, in questo caso legate al tema dell’edilizia privata. Come Movimento 5 Stelle a livello nazionale stiamo portando avanti una lotta a 360 gradi contro la corruzione come testimonia l’approvazione della legge “spazzacorrotti”. Abbiamo avviato alla Camera la discussione su norme per contrastare i conflitti di interessi e per rendere trasparenti e regolamentati i contatti con le lobby. I legami tra politica, amministrazioni e sistemi criminali vanno spezzati. Danneggiano la collettività e il territorio”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Oops. Si è riformato il famoso comitato di affari. Che dice Orlando??

    Non si è RIformato nulla: c’è sempre stato!

    Palermo non è mai cambiata dai tempi del saccheggio. Ci hanno semplicemente imbrogliato, rassicurato ma in realtà è sempre la lotta al potere e al facile arricchimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *