La professoressa paragona il Green pass all'Olocausto

La professoressa paragona il Green pass all’Olocausto

Convegno all'Ars dei docenti contrari al certificato verde
IL CASO
di
3 Commenti Condividi

PALERMO – Dice che non si vaccinerà e paragona la scelta di imporre il Green pass alla stagione del nazismo. Sono destinate a creare polemiche le parole della professoressa emerita di lingue e letterature straniere dell’Università del Salento, Barbara Wojciechowska di origini polacche, a margine del convegno all’Ars “Dalla democrazia alla dittatura: il ruolo della memoria”, organizzato per dire no al Green pass dal movimento ‘Coscienze Critiche’.

“I vaccini li ho fatti a suo tempo quando erano sperimentati e sono molto contenta perché sono sana e vegeta: nuoto, mangio sano, sto curando il mio sistema immunitario perché così mi curo e mi dà la forza di curare le malattie – ha spiegato la docente -. Mi sono vaccinata tante volte, ma non per il Covid, perché ancora è un vaccino sperimentale e quando sarà sperimentato il virus non ci sarà più e saremo liberi dal virus e dal vaccino”.

“Non temo il contagio – ha aggiunto – perché ho fatto il Green pass e ho fatto il tampone, ma ballo e quindi sono sana, parlano il mio viso, il mio corpo e i miei occhi. E’ l’abc della medicina, se non si hanno sintomi non si è malati”.

A proposito del Green pass che viene visto come una imposizione, come una forma di dittatura e paragonato all’Olocausto, Wojciechowska ha detto: “Non soltanto è possibile fare un paragone tra Green pass e Olocausto, c’è un parallelismo anche nel passaggio diretto dal nazismo alla comunità europea, posso documentare quello che dico in quanto responsabile della Fondazione di Norimberga. La guerra non l’hanno persa i tedeschi ma le élites farmaceutiche sanitarie. Non c’era allora una guerra tra gli Stati”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Ma perché date la possibilità di parlare a quesiti individui? Chieda scusa la docente a tutti i poveri fratelli che hanno subito il nazismo… quello vero.

    scusi, ma quando lei era piccola e inconsapevole dei vaccini che le sono stati somministrati sapeva se fossero stati dannosi o meno alla sua salute?!! questi vaccini anche se sono nuovi hanno bloccato molti contagi , se lei non vuole vaccinarsi libera di farlo ma liberi anche il suo posto di lavoro.

    Questa ancora non si era sentita. Ma dove li scovate questi strani personaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *