Palermo, i rifiuti minacciano la scuola: la rabbia della preside

Palermo, i rifiuti minacciano la scuola: la rabbia della preside

Una foto allo Sperone che riassume il degrado di un'intera città.
IL DEGRADO 'MUNNIZZA'
di
3 Commenti Condividi

“Palermo è una bambina. Disgraziatissima”. Così, su Facebook, la professoressa Antonella Di Bartolo, preside dell’istituto comprensivo ‘Sperone-Pertini’, esprime una comprensibile rabbia, con un’immagine significativa e un breve testo. Parole e immagini di una città che annega nella sua munnizza, ma quella foto di abbandono, accanto alla scuola, fa traboccare, forse, il vaso di ogni sgomento. Un passeggino tra i rifiuti che invadono il marciapiede. Un quadro surrealista? Magari: si tratta di cronaca. Il particolare ributtante dallo sfacelo della ‘Capitale della munnizza’. E, intorno, la cupa rassegnazione di chi non sa più da che parte guardare per un filo di speranza.

Rifiuti a scuola: l’ira della preside

“Quella foto – spiega la preside Di Bartolo – è stata scattata a pochi metri dalla nostra scuola. Noi siamo molto scrupolosi nell’igiene, sempre e a maggior ragione con la pandemia. Ma è terribile che la salute pubblica venga calpestata così. Ho cercato su internet le malattie che possono derivare dalla sporcizia e dai topi. Sono patologie gravi e presenti. Penso che non sarebbe giusto cedere alla rassegnazione; lo schifo non dovrebbe essere la normalità. Noi non possiamo arrenderci e dobbiamo essere capaci di reagire. Sono stupita per il balletto politico di responsabilità con cui le istituzioni si scaricano addosso il problema, invece di risolverlo. Eppure, lo scandalo è sotto i nostri occhi”.

La preside Antonella Di Bartolo

Il rimpallo di responsabilità per lo sfascio

Raccontiamo da tempo la città sepolta dai rifiuti, tra promesse, interventi che non estinguono il dramma, nel sottofondo della politica e del suo rimbeccarsi. Come abbiamo scritto, il clima è da tutti contro tutti. Il presidente della Rap, Giuseppe Norata , offre una timida speranza: “Abbiamo messo tutte le forze in campo e mi auguro di poter rendere Palermo più pulita e libera dalla spazzatura già entro l’Immacolata”. Ma il presente è assediato dalle foto che ognuno potrebbe scattare, con la sua rabbia in calce. Gli scatti di una catastrofe.  


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Esprimo gratitudine alla Preside prot. Di bartolo per il Suo intervento a tutela dei nostri figli in una citta’ dove da tempo noi palermitani abbiamo perduto la dignita’ di persone, cittadini, italiani.

    Ieri in zona Terrasanta non hanno raccolto!!

    Le Asl si occupano solo di Covid le malattie derivanti dalll’immondizia saranno poco produttive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.