Zamparini ignora la lezione | Stop del patron a Foschi - Live Sicilia

Zamparini ignora la lezione | Stop del patron a Foschi

Fermate le trattative per i giocatori più esperti, e quindi la costruzione di uno zoccolo duro che può essere decisivo.

calcio - serie a
di
12 Commenti Condividi

PALERMO – Maurizio Zamparini è entrato a gamba tesa sul mercato del Palermo e sul lavoro che Rino Foschi stava impostando, per rendere quella rosanero una formazione meglio equipaggiata per affrontare una stagione senza affanni e senza troppi patemi d’animo. Cioè tutto quello che il direttore sportivo ha annunciato di voler evitare, come condizione principale affinchè il suo ritorno in Sicilia sia qualcosa di duraturo, e non una toccata e fuga. “Se l’intenzione è quella di vivere un’altra stagione come quella scorsa, conosco la via per la porta e posso andare via”, aveva dichiarato il dirigente romagnolo, il quale stava conducendo una serie di trattative che, purtroppo, non hanno conosciuto la parola ‘fine’ per l’accordo raggiunto tra le parti, che nella maggior parte dei casi sembrava possibile, bensì per l’intervento del patron che ha deciso di bloccare tutto. E così i vari Cigarini e El Kaddouri, e quasi certamente anche Valdifiori e Zukanovic non indosseranno la maglia del Palermo nella prossima stagione.

Zamparini lo ha detto chiaramente: “Il mercato ha dei tempi fisiologici e la fretta induce solo all’errore. Al Palermo non servono giocatori di trent’anni che costano tre milioni di euro e guadagnano due milioni all’anno. Io sono disposto anche a pagare ingaggi di cinquecento o seicentomila euro, ma per giocatori giovani di prospettiva e possibilmente italiani”. Una condotta di mercato che può anche essere condivisa, ma che non fa altro che far balenare pensieri negativi nella testa dei tifosi del Palermo. La lezione del finale della scorsa stagione, infatti, sembrava essere stata chiara. Solo la presenza in toto degli elementi di maggior esperienza a disposizione di Ballardini ha reso possibile la rimonta in classifica ai danni del Carpi, con tanto di sorpasso effettuato alla penultima curva e di mantenimento della posizione in una giornata conclusiva che ha assunto anche caratteri thrilling.

Eppure, quello zoccolo duro è stato praticamente distrutto, anche se una situazione del genere era ampiamente stata messa in conto. Dell’addio di Sorrentino c’era il timore fin dalla sua sfuriata dopo il match di Verona, di quello di Maresca non c’era nemmeno da dubitare. Dell’addio di Gilardino, invece, bisognerà farsene una ragione, considerando il forte impatto del biellese sul monte ingaggi del Palermo. Ma se le partenze prossime di Lazaar e Gonzalez sono da inserire sul piano della voglia dei due giocatori di affermarsi altrove, è sempre il mercato in entrata a tenere banco. La lezione di cui sopra prevede che un blocco di giocatori esperti e soprattutto italiani sia fondamentale per condurre la nave Palermo verso il porto chiamato salvezza. Qualcosa che però Zamparini non sembra voler considerare, almeno a parole, nonostante Foschi abbia provato a chiudere per un regista navigato e per una punta dal buon pedigree, andando d’accordo persino con quel Ballardini che – a sua detta – aveva anche proposto le sue dimissioni al ds.

Si continuerà a parlare per giorni, anzi per settimane di mercato in entrata, dell’arrivo a Palermo di giovani talenti o presunti tali e soprattutto dei rimpianti per ciò che stava per essere concluso da Foschi ma che è stato bloccato da Zamparini. Nel frattempo mancano solo due settimane alla prima uscita stagionale di spessore, quell’amichevole del ‘Barbera’ contro il Marsiglia che i tifosi minacciano di disertare e che precede di otto giorni il primo impegno ufficiale dei rosa, ovvero il preliminare di coppa Italia. Una sorta di avvicinamento graduale all’inizio del campionato, al quale il Palermo non può certamente presentarsi in queste condizioni, cioè con una rosa senza una vera e propria guida in campo e con tante scommesse che potrebbero subire la forte pressione legata ad un campionato di grande passione. Una situazione in cui l’assenza di esperienza può risultare decisiva.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

12 Commenti Condividi

Commenti

    Ormai è vecchio e pazzo. Uno sconsiderato. Una volta aveva bloccato Mesbah a Perinetti. Ora 3/4/5 in una volta. Ma che se ne fa di direttori sportivi e allenatori? Io mi sarei già dimesso da un pezzo. Se ne deve andare subito. o sarà la fine. Il danno di immagine e lo stress per tutto l’ambiente è superiore al rischio di retrocessione. Altro che 50 contestatori. Ormai sono migliaia. Perché non se ne va? Orlando lo convinca ad andarsene….

    Tristezza infinita.
    Continuiamo così, facciamoci del male…

    Effettivamente l’idea di prendere giocatori giovani Mi sembra veramente azzeccata, anzi Mi permetto di aggiungere che si potrebbero reperire giovani talenti presso qualche Oratorio ubicato nella città di Palermo.

    Non ci sono parole per commentare quello che dice Zamparini, stop ai commenti, come si dice a Palermitana a testa è dura. OK?

    La verità è che le altre squadre si stanno attrezzando bene senza badare a quello che pensa Zamparini. Io immagino quali giovani cerca lui, sono quelli che con gran fortuna ha trovato nel tempo, come Pastore, Dybala, Cavani ecc. in maniera tale di venderli bene il prsosimo campionato non avendo soldi per fare il presidente di serie A. Zamaprini dimentica che non è sempre che la fortuna ti assiste e l’unica cosa che rischi con i giovani sbagliati è la retrocessione, ma a lui questo non importa.

    La ruota sta girando…

    Si. Si falla girare. Quando (e se) il Palermo scenderà in B, ugadania non esisterà più. Le domeniche le trascorrerete all’ippodromo, per scommettere sui cavalli (e mangiarveli) AHAHAHAHAH, babbu!!

    Ma esistono 51 tifosi rosanero pronti a sbugiardare Zamparini , a dimostrargli che non sono solo 50 che lo contestano ed a gridargli che se ne vada subito? Che venda, svenda ma lasci subito per il bene del Palermo squadra e di Palermo città, siamo stanchi e inc…ati. Basta!!!!!!!

    e si fermerà in Cina non certamente in lega pro dove alberga il catania

    Beh, un sistema c’è: basta non abbonarsi.
    Ma mi sa che è difficile farlo capire a tutti…

    Sento una vocina provenire dalle fogne della C, il mio wc fa da cassa di risonanza, ma non capisco cosa dice. Sarà Santo ‘u Santuni? Quello che lancia anatemi contro il Palermo che ritornano sempre a casa liotra? Sì, deve essere quel santone ridicolo che somiglia ai vari Do Nascimiento, Othelma e così via. Santoneeeeee…Prrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

    E pi’ picciuli diviene chhiù dura ri diamanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *