Palermo, medico rinuncia alla prescrizione e viene assolta

Palermo, medico rinuncia alla prescrizione e viene assolta

Cade nel merito l'accusa di omicidio colposo per un neurochirurgo di Villa Sofia
LA SENTENZA
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – Aveva rinunciato alla prescrizione perché è sempre stata convinta di potere dimostrare la sua innocenza. Marika Tutino, neurochirurgo di Villa Sofia, è stata assolta dall’accusa di omicidio colposo.

La vicenda risale al 2012, quando una paziente si reca al pronto soccorso dell’ospedale per una serie di disturbi conseguenti ad un intervento chirurgico alla testa eseguito a Padova. Tutino viene chiamata per una consulenza neurochirurgica e suggerisce un immediato inizio di terapia antibiotica.

Da quel momento, la donna viene affidata ad altri sanitari. Nel corso della degenza, la situazione si aggrava e, a distanza di due mesi, avviene il decesso.

Sulla base di una serie di perizia mediche la responsabilità di tutti i sanitari per non avere sottoposto la paziente ad un intervento chirurgico.

I periti, però, escludono la responsabilità della dottoressa Tutino: ha agito correttamente, visto che al momento della sua unica consulenza, non c’era motivo di procedere con intervento chirurgico.

L’avvocato Gaetano Priola

Nel corso del giudizio di primo grado era maturata la prescrizione. Tutino, però, su suggerimento dei suoi difensori, gli avvocati Gaetano e Salvo Priola, unica tra tutti gli imputati, ha impugnato la sentenza che dichiarava la prescrizione.

La Corte di Appello, dopo avere risentito i periti, ha accolto la richiesta dei difensori e ha assolto l’imputata per non avere commesso il fatto. Tutino non si è accontentata della prescrizione. Chiedeva un’assoluzione nel merito.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Coraggiosa Dottoressa e bravi gli avvocati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.