Palermo, Ponte Corleone: chiude l'accesso alla bretella direzione Trapani - Live Sicilia

Palermo, Ponte Corleone: chiude l’accesso alla bretella direzione Trapani

La notizia diffusa in una nota dal capogruppo della Lega al Comune Igor Gelarda
TRAFFICO
di
3 Commenti Condividi

“Con una ordinanza appena firmata viene chiuso l’accesso dalla bretella laterale, direzione Trapani all’altezza dei ruderi della duecentesca Madonna dell’Oreto, al ponte Corleone. L’ordinanza è stata appena firmata e diventerà esecutiva a brevissimo”. Lo dice il capogruppo della Lega a Sala delle Lapidi, Igor Gelarda.

“Tutto questo si rende necessario per evitare sollecitazioni sulle parti iniziali del ponte che, secondo quanto si legge dalla relazione tecnica della Icaro, sono quelle in condizioni statiche peggiori – dice Gelarda -. Ciò significherà che chi viene da via Villagrazia dovrà tornare indietro sul ponte di Bonagia per immettersi in viale Regione. Ovviamente ci sarà un ulteriore peggioramento della situazione traffico, già critica, per il passaggio dal ponte Corleone e aggraverà il traffico in zona Bonagia. E tutto questo mentre si aspetta di sapere che tipo di lavori ci vogliono sul ponte, quanto costeranno e chi li finanzierà. Domenica pomeriggio la situazione era particolarmente grave, con il “bollino” marrone in Google maps e tempi di percorrenza del ponte fino a oltre 40 minuti. Una situazione intollerabile per i palermitani costretti a vivere buona parte della loro vita nel traffico della città – conclude Gelarda “.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Necessario interventi dell’Esercito Italiano e della Protezione Civile! In configurazione di emergenza calamità!

    intelligenti pauca

    Gelarda, grazie dell’informazione ed ora?Booooooooo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *