Palermo, presto ok ad attività sopra i 200 metri quadrati nel centro - Live Sicilia

Palermo, presto ok ad attività sopra i 200 metri quadrati nel centro

Ad annunciarlo è il consigliere comunale Ottavio Zacco
ECONOMIA
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – In centro storico e in particolare in Via Roma sarà presto possibile aprire attività commerciali superiori ai 200 metri quadrati. Ad annunciarlo è il consigliere comunale Ottavio Zacco che ha espresso il suo apprezzamento per l’approvazione da parte della nuova giunta comunale, dell’atto di indirizzo di modifica all’attuale piano commerciale. 

È, dice Zacco, “un provvedimento che ho sostenuto sin dall’inizio della scorsa consiliatura, che grazie a questa modifica, si potrà finalmente garantire anche ai grandi marchi la concessione degli spazi necessari  in centro storico ed in particolar modo in Via Roma, consentendo loro di aprire attività con dimensioni superiori ai 200 metri quadrati, cosa che con le norme attualmente vigenti non è possibile. Ora – prosegue il consigliere comunale – auspico che questo provvedimento fondamentale approdi in tempi brevi in consiglio comunale, così da poter avviare un serio e concreto rilancio economico, turistico e urbanistico del Centro storico di Palermo evitando il propagarsi della desertificazione commerciale che ha interessato negli anni la via Roma, così da farla tornare ad essere una delle aree principali del Commercio cittadino”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Ottima idea , però , c’è un problema ! La precedente amministrazione non ha
    mai preso in considerazione , anzi , che il non avere fatto una programmazione
    per l’ apertura di attività commerciali , nel centro storico, vedi il recepimento
    della legge Franceschini , vedi le disposizioni UNESCO, avrebbe causato una
    deregulation , dai risultati nefasti. Oggi via Roma si presenta come un suk ,
    dove le uniche aperture degli ultimi anni , sono stati , oltre quelle di beveraggio
    vario , quelle di minimarket , di umili attività di varie etnie ( nulla da dire )
    però per allargare la merce esposta, non si può, accettare il concedere
    di tirare una corda fra un negozio e un altro, per appendere vestiti da
    mercatino , in una via che in un’altra città potrebbe essere un baulevard
    da noi ……..
    Scelte mal programmate , vedi scelte di zetatiellizazione , che se ci vuole , doveva essere
    ben sostenuta da parcheggi e quant’altro, seguita da pedonalizzazioni farlocchie,
    fatte solo per favorire aperture di un solo tipo di attività , che poi hanno finito
    per tavolinizzare , un centro storico, che doveva essere un gioiello incastonato in
    una città che si è mal sviluppata . Oggi davanti un simile spettacolo, pensate che
    concedere più di 200 mq. favorirebbe la corsa delle grandi firme ad accaparrarsi di
    di negozi , oppure riavremmo lo spettacolo si di grandi esposizioni , ma di attività
    discutibili . L’idea è ottima , ma prima programmate chi può e chi non può aprire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.