Palermo, vecchi e nuovi boss, 11 condanne definitive - Live Sicilia

Palermo, vecchi e nuovi boss, 11 condanne definitive

Operazione Brasca. La Cassazione ha contestualmente annullato con rinvio le pene per 6 imputati
0 Commenti Condividi

PALERMO – Per 11 imputati le condanne diventano definitive, mentre per altri 6 la sentenza è stata annullata con rinvio e si dovrà celebrare un nuovo processo d’appello.

La Cassazione si è pronunciata sui mafiosi di Santa Maria di Gesù coinvolti nel blitz denominato “Brasca”. Era il 2016 quando la procura di Palermo e i carabinieri del Ros svelarono i nuovi assetti del potente mandamento mafioso palermitano, ma anche di San Giuseppe Jato.

Lo spaccato che venne fuori era quello di una mafia che cercava di fare rispettare le vecchie regole di Cosa Nostra. I clan si erano organizzati ripartendo dal passato.

Definitive le pene per questi imputati: Antonino Gioacchino Capizzi (8 anni e 8 mesi), Andrea Di Matteo (6 anni), Fabrizio Gambino (6 anni), Giovanni Messina (6 anni e 10 mesi), Alfredo Giordano (4 anni e 8 mesi, era l’ex direttore di sala del Teatro Massimo di Palermo), Santi Pullarà (6 anni), Mario Taormina (8 anni e mezzo) e Antonino Carletto (2 anni 8 mesi).

Questa invece le condanne annullate con rinvio: Antonino Pipitone (14 anni e 2 mesi), Francesco Di Marco (6 anni e mezzo), Antonio Adelfio (7 anni e 4 mesi), Vincenzo Adelfio (9 anni e 4 mesi), Gaetano Di Marco (6 anni e 4 mesi).
Da rivalutare la posizione di Salvatore Maria Capizzi, ma relativamente alla confisca di una macelleria. Gli imputati erano difesi, tra gli altri, dagli avvocati Domenico La Blasca, Jimmy D’Azzò e Marco Clementi


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.