Panico in Russia dopo il discorso di Putin: la grande fuga dal Paese - Live Sicilia

Panico in Russia dopo il discorso di Putin: la grande fuga dal Paese

La chiamata alle armi di 300mila riservisti accende la protesta in tutto il Paese. Code ai confini, proteste e oltre mille fermi
LA GUERRA
di
3 Commenti Condividi

MOSCA – Alta tensione in Russia dopo il discorso del presidente Putin di ieri che ha dichiarato la “mobilitazione parziale” della nazione e il richiamo di 300mila riservisti da mandare al fronte in Ucraina. “L’Occidente ha superato ogni limite – ha detto lo zar -. Useremo tutti i mezzi per difenderci’, afferma con riferimento alle armi nucleari.

Dopo le parole del capo del Cremlino è iniziata la grande paura in tutto il Paese e la fuga dalla Russia sta assumento ora dopo ra proporzioni immense. Scontri tra manifestanti contro la guerra e la polizia si sono verificati a Mosca e San Pietroburgo, ma anche in altre città della Russia. Oltre mille i fermati dalla polizia. La grande fuga e il dissenso verso una guerra ritenuta fino a questo momento una cosa lontana dalla vita quotidiana dei russi testimoniano una grana interna enorme per Putin.

I voli in partenza da Mosca verso Dubai, Turchia, Amrmenia e Azerbaijan sono esauriti e i pochi posti disponibili per i prossimi giorni sono a prezzi esorbitanti. Via terra in molti stanno cercando di raggiungere i confini con la Finlandia o di raggiungere la Serbia. Lunghe code ai valichi di frontiera.

Anche i mercati risentono negativamente della chiamata alle armi di Putin. Crolla la Borsa di Mosca, ieri è arrivata a perdere quasi il 10%, per poi recuperare lievemente. Ed è allarme nel mondo. La Cina sollecita il dialogo, la Turchia condanna le mosse di Putin e i referendum per annettere i “territori liberati”. Per Usa e Ue il discorso di Putin è segno di ‘crisi’. E l’Europa annuncia nuove sanzioni per la Russia.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Naturalmente a fuggire sono coloro che economicamente se lo possono permettere, i poveracci al contrario resteranno sul sacro suolo russo a far compagnia a Putin e Medvedev.

    La grande fuga dei russi è un’invenzione mediatica, smentita ufficialmente dalla finlandia e dalle condizioni metereologiche.
    Si base sul video di persone in ciabatte, bermuda e maglietta quando le temperature in Russia sono già sotto i 10 gradi.

    Berlusconi dice che putin voleva rovesciare il potere in Ucraina e metterci persone per bene e per questo fa un’invasione con migliaia di morti . BERLUSCONI farebbe meglio chiarire i rapporti che ha avuto con PUTIN piuttosto di dare un’analisi completamente distorta della realtà che può interpretarsi in un segnale al famoso amico del lettone (inteso come grande letto)

Leave a Reply

Your email address will not be published.