Parcheggiatori abusivi| nel mirino di polizia e municipale - Live Sicilia

Parcheggiatori abusivi| nel mirino di polizia e municipale

Gli agenti hanno “setacciato” piazza Lupo, via Dusmet, piazza Federico di Svevia, piazza Spirito Santo, via Luigi Sturzo, piazza San Placido, via Giovanni Di Prima, via Domenico Tempio e via S. Euplio.

controlli serrati
di
10 Commenti Condividi

CATANIA – Ieri la Polizia, unitamente al reparto Prevenzione Crimine Sicilia Orientale e della Polizia Municipale, ha effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio volto al contrasto del dilagante e vessatorio fenomeno dei parcheggiatori abusivi dediti ad esercitare la loro attività illegale in svariate zone del centro cittadino.

Gli agenti hanno “setacciato” piazza Lupo, via Dusmet, piazza Federico di Svevia, piazza Spirito Santo, via Luigi Sturzo, piazza San Placido, via Giovanni Di Prima, via Domenico Tempio e via S. Euplio identificando e sanzionando a norma del Codice della strada ben 11 parcheggiatori abusivi; tra questi vi erano diversi cittadini extracomunitari di origine tunisina e algerina privi di regolare permesso di soggiorno, immediatamente tradotti presso il C.I.E. di Trapani, in attesa di essere espulsi dal Territorio Nazionale.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

10 Commenti Condividi

Commenti

    Basta non se ne può più di parcheggiatori abusivi! Basta! Catanesi non date neanche un centesimo! Mi rivolgo soprattutto ai giovani che verso il fine settimana si riversano nel centro storico. E le forze dell’ordine uscite dagli uffici e controllate, controllate, controllate. Non se ne può più neanche di abusivismo commerciale. Non comprate merce taroccata. Catania è la capitale dell’abusivismo.Bastaaaaaaaaaaaa. La gente è stufa!!!!!!!

    Questi insopportabili parassiti sociali hanno proprio rotto!

    Al piazzale Sanzio proprio accanto il capolinea AMT ci sono due di questi individui che da qualche giorno si sono letteralmente impadroniti dell’area di parcheggio…sono posizionati all’ingresso con tanto di sedie e ombrellone…perché non interviene nessuno??

    Ma perchè deve essere un servizio straordinario da parte della municipale? Perchè non può essere un servizio costante in borghese?

    Gentaglia da estirpare. Io non pago il pizzo.

    direi che la gente è rassegnata…
    ed è cosa ben più diversa.!

    io no, e anche io faccio parte della..gente. e come me ci sono tantissime altre persone che non danno 1 euro al posteggiatore. a fronte purtroppo di tantissime altre persone che gli danno pure le chiavi. quello è il problema, quando un fenomeno è alimentato dagli stessi cittadini.

    sperando di non essere ripetitiva:
    1) sono punibili solo in via amministrativa per il fatto di esercitare la “professione” di “posteggiatore abusivo”. questo significa potergli solo fare una “multa” e togliergli quanto hanno nel “marsupio” sul momento in quanto “frutto” del “lavoro” di quella giornata. spesso risultano nulla tenenti però, dunque, nessuna multa pagabile. spesso svuotano il “marsupio” quindi non è nemmeno detto che gli si riesca a togliere il “bottino”.
    2)ahimè, per il codice penale non è pizzo. l’estorsione si configura quando a fronte di una richiesta di tot euro c’è una minaccia o peggio una violenza. se il posteggiatore è lì che ti guarda e tu vai a dargli l’euro, non c’è estorsione. se ti chiede “2 euro”, non è estorsione. diverso è se il posteggiatore ti dice “dammi due euro altrimenti……. non trovi l’auto, non so se trovi l’auto, ti meno etc.” insomma, diverso è se a fronte della richiesta di soldi ti inizia a minacciare più o meno esplicitamente. in quel caso basta chiamare 112 o 113 certo non davanti a lui magari e dire che stai subendo un estorsione perchè il posteggiatore di piazza x ti ha chiesto 3 euro e siccome tu non glieli dai ti sta dicendo questo e quest’altro, ti sta smontando una ruota etc. giusto per fare un esempio.
    3)se vivete a catania e avete una vaga, vaghissima idea del fenomeno del posteggiatore abusivo, sapete che i posteggiatori sono presenti OVUNQUE e SEMPRE. se vivete a catania sapete anche che spesso è la gente che se lo va a cercare, diciamocelo, per abitudine e comodità a volte, non solo per paura (mai pagato il posteggiatore e mai successo niente, per la cronaca). se vivete a catania avete sicuramente sentito parlare della carenza di organico etc. delle forze di polizia municipale e non solo. sempre se vivete a catania saprete che ci sono mille fenomeno di abusivismo e microcriminalità diffusa di vario genere. e se avete letto i punti 1 e 2 del mio commento avrete capito che purtroppo non è facile debellare questo fenomeno. quindi….ecco spiegato il motivo per cui operazioni come queste non possono essere all’ordine del giorno anche perchè, se pure lo fossero, non potrebbero coprire tutti i puttusi (scusate la parola) dove i posteggiatori abusivi..operano e ci sarebbe sempre quel cittadino che direbbe ..ah però lì il posteggiatore…. insomma, spero di aver reso l’idea.

    Speriamo che questi controlli continuino, non limitandosi a semplici eccezioni!!! A Catania deve tornare il controllo del territorio, cosa che a mio parere da molto tempo non avviene…!! Soprattutto nei quartieri più caldi…..!! Per esempio andate ( anche voi di live Sicilia) a controllare cosa succede tra il ” Fortino ” e piazza Risorgimento, esistono moltissimi venditori abusivi che oltre ad impadronirsi del luogo pubblico, sporcano ed intralciano le strade creando di conseguenza incolonnamenti e problemi alla viabilità.
    Speriamo che qualcuno ( amministrazione ) legga questi messaggi per capire veramente che bisogna intervenire drasticamente. Saluti

    E IL POSTEGGIATORE ABUSIVO CHE OPERA A VULCANIA NEL SOTTOPASSAGGIO DAVANTI LA PISCINA ALTAIR? DOVE LO METTIAMO ? UTILIZZA DELLE CASSETTE DI LEGNO PER DELIMITARE IL SUO TERRITORIO.
    VORREI TANTO CHE SE NE ANDASSE PER SEMPRE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *