Pd, Letta in direzione: "Grazie Chinnici, no agli irresponsabili" - Live Sicilia

Pd, Letta in direzione: “Grazie Chinnici, no agli irresponsabili”

Il segretario ha affrontato anche il nodo del taglio dei parlamentari, chiedendo un "atto di generosità" ai big.
CENTROSINISTRA
di
5 Commenti Condividi

“Fatemi cominciare dicendo un grandissimo grazie, e facendo un grandissimo in bocca al lupo alla nostra Caterina Chinnici che ha vinto le primarie in Sicilia. Penso sia stata una scelta importante, in un momento politico difficile”. Lo ha detto il segretario del Pd Enrico Letta aprendo la sua relazione alla direzione del partito convocata alla Camera. “Siamo netti nei confronti delle tre forze politiche che hanno dato vita al giorno delle irresponsabilità – ha detto – l’irresponsabilità di quelle scelte rende impossibile fare un percorso con quelle tre forze politiche, alle elezioni”.

Alleanze

“Quello che dobbiamo fare della nostra partecipazione alle elezioni e’ una partecipazione che sara’ centrata su una lista, la nostra lista, del Pd, che vogliamo aperta ed espansiva soprattutto a chi ha condiviso il progetto delle agorà, penso ad Articolo 1 e Demos”. E ancora: “Questa lista sia il cuore del nostro progetto, con l’obiettivo di un’Italia democratica e progressista, questo è il brand, che è alla nostra portata”. 

Pochi seggi

 “Il taglio dei parlamentari e’ passato in cavalleria, ma vorrei ricordare che si vota per un Senato di 200 componenti per una legge elettorale maggioritaria e tutti abbiamo chiaro cosa vuol dire, che bisogna correre tutti e che la maggior parte de seggi saranno con l’incertezza”, ha detto Enrico Letta. “Per questo chiedo a tutti generosità e impegno, specie a chi ha più esperienza, ai nomi importanti. Non serve l’approccio ‘ora pianto un chiodo e vediamo come lo risolvono’. O si guarda in positivo o si passano le prossime settimane facendo volare stracci”.

Parlare a Forza Italia

 “Forza Italia e’ un partito con cui abbiamo collaborato al governo, abbiamo lavorato bene”, ha detto ancora il segretario del Pd . “Poi, improvvisamente, questa scelta incomprensibile che gli sta portando una frana di consensi e dirigenti. Fi ha deciso di sciogliersi dentro la Lega, ed e’ un punto di non ritorno, ma li’ si e’ aperta una voragine, dentro il centrodestra. O noi convinciamo una parte degli elettori che hanno votato li’ o sara’ difficile giocarla solo sugli astensionisti. Dobbiamo parlare anche con chi ha votato Fi alle ultime elezioni o le liste civiche”.

Quote di genere

 “C’e’ bisogno che dai comitati territoriali e regionali vengano fatte le scelte giuste, a partire dal fatto che la legge sulla questione uomo-donna si applica senza scorciatoie. Non venitemi a chiedere cose senza senso. Tutto e’ trasparente. Per vincere le elezioni dobbiamo essere trasparenti. Noi applicheremo la legge, se non faremo nessun errore allora abbiamo una possibilità di giocarcela”.

Ricordando Sassoli

“Abbiamo un patrimonio enorme che è quello del lavoro fatto in questi anni ed e’ quello delle agora’ democratiche. 1000 proposte, piu’ di 100mila persone che hanno partecipato e un metodo che e’ entrato nel cuore profondo del nostro partito. Abbiamo lavorato un anno, riuscendo a immettere un metodo innovativo che non ci fa piu’ tornare indietro”. Lo dice Enrico Letta, segretario del Pd.

“Le agorà sono la forza del nostro progetto elettorale – ha continuato Letta – perche’ hanno voluto dire novita’, futuro, apertura ed e’ qualcosa che ci rende possibile dire che ora e’ il momento. Anche se non avremmo voluto che fosse questo il momento, avremmo voluto concludere il percorso nei ‘Sassoli camp’ ” e si commuove interrompendo per qualche secondo il discorso. 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Francamente non capisco come questo signore possa continuare a fare politica. Dice di essere progressista ma ci vuole riportare indietro ai tempi di Togliatti

    Togliatti? Togliatti era di sx, pensa che il pd attuale sia di sx?

    La responsabilità di non parlare di produzione e pil ma dimezzati e banche ( co.oresa la banca del signor letta) e poi quando c’è da indignarsi perla saguto nessuno parla

    Vivono talmente di aria fritta che da buoni benestanti pro banche si sentono di sinistra

    Letta si faccia ssumere all’universitò del Cottolengo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.