Pd: "Noi uniti, governo fragile" | E il M5s: "Quante marchette" - Live Sicilia

Pd: “Noi uniti, governo fragile” | E il M5s: “Quante marchette”

Le opposizioni puntano il dito contro la maggioranza, dopo l'approvazione della manovra".

FINANZIARIA
di
4 Commenti Condividi

PALERMO – “Il gruppo del Partito Democratico è stato coerente con il proprio ruolo di opposizione dimostrando capacità di proposta, ottenendo l’approvazione di norme importanti per la lotta alla povertà, per lo sviluppo, per la cultura, per il lavoro e la legalità”. Lo dice Giuseppe Lupo, presidente del gruppo PD, a proposito della manovra economica approvata all’Ars (su Bilancio e Finanziaria il PD in aula ha espresso voto contrario).

“Abbiamo costruito le nostre proposte ascoltando le parti sociali e il territorio. L’unità del gruppo del PD – aggiunge Lupo – è stata la nostra marcia in più contro una maggioranza rissosa e inconcludente. Abbiamo battuto più volte, al voto, la coalizione di governo che proponeva norme inaccettabili. Una coalizione di governo, quella di Musumeci, divisa e senza progetto per la Sicilia”. “E’ stata una Finanziaria – ha confermato il collega Dem Dipasquale – tutta in salita per il Governo, approvata grazie al senso di responsabilità dimostrato dal Partito democratico di fronte ad una maggioranza friabile e inesistente”.

Per il M5s, poi, la Finanziaria è un insieme di “marchette, manovre spot e un testo ingrassato dalle richieste di una inesistente maggioranza di Musumeci: in poche parole una manovra imbarazzante”. Queste le parole della capogruppo del M5S all’Ars Valentina Zafarana, che boccia senza appello la prima finanziaria targata Musumeci, varata ieri sera. “È una manovra – prosegue – senza una vera linea politica, che non prevede investimenti per lo sviluppo e misure di ampio respiro per i giovani, che amplifica il divario tra chi è un ‘amico’ della maggioranza e chi no, perché in questo testo c’è chi beneficerà di contributi diretti, mentre la stragrande maggioranza dei siciliani viene lasciata indietro. Nulla di diverso dalle manovre di Crocetta. Aspettiamo al varco il governo: vedremo quante norme saranno impugnate e quante rimarranno in piedi”. “L’unica vera novità – conclude la deputata – sono le norme che riguardano i disabili gravi e gravissimi. Grazie al lavoro del Parlamento e al ruolo di opposizione sensibile alle esigenze delle fasce più deboli, svolto dal M5S, siamo riusciti a ottenere un risultato per i siciliani”.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Mi fanno ridere quelli del m5s e del pd, la domanda sorge spontanea, perchè eravate presenti in aula?
    Se non fosse stata approvata entro il 30 aprile la finanziaria, ci sarebbe stato lo scioglimento dell’assemblea e saremmo andati nuovamente a votare.
    Invece siete stati presenti garantendo sia il numero legale che l’approvazione degli articoli, la verità che non volete lasciare la poltrona voi per primi.

    Se il pd ha tutta questa responsabilità che sbandiera ogni volta ai 4 venti…perchè la stessa responsabilità nn se la assumono x i loro dipendenti di segreteria che stanno licenziando?

    Tutti fanno il gioco delle parti. La cosa grave è che i siciliani li votano tutti questi personaggi, compresi M5s e Pd.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.