Posteggiatori, blitz in centro| Denunciati sei abusivi - Live Sicilia

Posteggiatori, blitz in centro| Denunciati sei abusivi

Controlli vicino agli uffici pubblici.

PALERMO
di
11 Commenti Condividi

PALERMO – Controlli a tutto spiano nella zona di San Lorenzo sul fronte dei parcheggiatori abusivi. I carabinieri hanno battuto palmo a palmo le traverse a monte di via Crispi, e precisamente nel tratto da via Albanese a piazza XIII Vittime. I militari hanno sorpreso nei pressi dei vari uffici pubblici sei parcheggiatori abusivi, due provenienti dal Bangladesh, tre dal Ghana ed uno dalla Nigeria. I sei sono stati sanzionati amministrativamente.

Quattro di loro sono stati denunciati a piede libero per la mancata esibizione dei documenti d’identità o del permesso di soggiorno. Per due di loro è stato emesso l’ordine di allontanamento, perché trovati nei pressi di una fermata dei mezzi di trasporto pubblici. 

Infine uno di loro è stato sorpreso alla guida senza aver mai conseguito la patente: per lui una multa da cinquemila euro. La proprietaria del mezzo, poi identificata, ha riferito ai militari di aver lasciato la macchina all’uomo ed è stata denunciata per incauto affidamento. I controlli proseguiranno. 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

11 Commenti Condividi

Commenti

    È lo Ius Soli applicato
    Vengono dall’estero e vantano diritti di pedaggio e sosta sul suolo occupato dalle macchine.

    tempo perso…qui coincidenza vuole che 6 su 6 sono extracomunitari ma in città la stragrande maggioranza sono palermitanissimi e quando sono stranieri sono comunque la manovalanza che fa il lavoro sporco per conto dei capetti palermitani. ci vuole il carcere duro e, in attesa di una modifica legislativa, il controllo continuo del territorio per debellare il fenomeno. le azioni estemporanee una volta l’anno non servono a nulla tranne a ottenere un trafiletto sui giornali online

    Al Policlinico venite mai? Ce ne sono 15

    Non se ne può più in nessuna città europea il fenomeno è così diffuso. Hanno un controllo del territorio capillare…. magari lo stato lo avesse così. Se ne fregano altamente dei controlli, si evince che lo fanno sfacciatamente in tutte le strade del centro come via libertà, piazza santoliva o via Stabile. E il cittadino ovviamente che fa…subisce

    Stasera ho visto i vigili all’incrocio tra via ruggero settimo e via mariano stabile e sempre in via stabile, a 50 metri di distanza, il parcheggiatore svolgeva indisturbato la sua sporca attività.

    Ius soli vuol dire che chi NASCE in Italia è cittadino italiano. Non chi viene dall’estero a prescindere dal lavoro che faccia o non faccia. Che confusione, quanta approssimazione…

    E’ un fenomeno che NON SI VUOLE debellare! E non ci vengano a raccontare barzellette! Questa amministrazione comunale non vuole risolvere il problema, proprio nel senso che gli sta bene così come è! Ed i cittadini vessati che si lamentano ormai da anni? Ma chi sono i cittadini? Nessuno!

    Nessuna confusione.
    Lo Ius Soli è il diritto esercitato da chi fa pagare sosta e pedaggio sul suolo occupato dalle auto.

    Dai palermitani non si avvicinano neanche. Dietro Piazza Massimo, per intenderci zona VV.FF. e Genio Civile, i posteggi sono gestiti da due indigeni. Quelli dell’APCOA non si avvicinano neanche, figuriamoci i vigili.

    Ormai a Palermo sono TUTTI EXTRACOMUNITARI A FARE IL PARCHEGGIO ABUSIVO,andate al Foro Italico a Piazza Giulio Cesare, ormai comandano gli EXTRACOMUNITARI

    Purtroppo le forze dell’ordine hanno le armi spuntate: possono fargli sanzioni amministrative e multe da migliaia di euro, ma a persone formalmente nullatenenti tutto questo fa solo il solletico.
    A legislazione vigente il carcere può scattare solo se è integrato il reato di estorsione, e non è sempre agevole dimostrarlo.
    Dal momento che questa condotta incide fortemente sulla qualità della vita delle persone si dovrebbe, invece, introdurre un apposito reato, con arresto immediato.
    Non è neanche vero che ciò provocherebbe un grave aumento della popolazione carceraria, perché dopo le prime condanne il fenomeno sarebbe debellato. Peccato che nessun partito abbia mai pensato a questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.