Presunto maniaco ai Benedettini |"Non si può avere paura anche qui" - Live Sicilia

Presunto maniaco ai Benedettini |”Non si può avere paura anche qui”

Crescono le preoccuopazioni tra la popolazione universitaria dopo il racconto da parte di una studentessa. Ma c'è anche chi difende il presunto molestatore: "Non fa altro che fare un po' il provolone - afferma Federica - qualche complimento, ma niente di più".

Università
di
3 Commenti Condividi

CATANIA – Università divisa sul presunto molestatore di studentesse. Non tutti e tutte le frequentatrici del Monastero dei Benedettini, sede di alcune facoltà umanistiche, infatti, sembrano voler puntare il dito contro chi, stando a numerose testimonianze, l’ultima delle quali pubblicata da LiveUnict, darebbe fastidio da tempo alle ragazze. Secondo il racconto, tra i corridoi dell’ex Monastero, si aggirerebbe un uomo – mnon iscritto all’università – che amerebbe seguire le studentesse anche fuori dall’imponente complesso. Non farebbe loro alcunché, come evidenziato da più parti, ma la sola presenza avrebbe comunque scatenato preoccupazioni e timori. “Non si può più stare tranquilli”, commenta qualche ragazza. “È inammissibile – continua una collega – avere paura persino dentro l’Università”.

Anche perché questo non sarebbe il primo caso di figure ambigue all’interno della struttura universitaria. Qualche tempo fa, infatti, sempre tra i corridoi del Monastero svariate ragazze raccontarono per mesi di essere state molestate e pedinate da un feticista cinquantenne che, con insistenza, chiedeva alle studentesse di poter fare loro dei massaggi ai piedi, spacciandosi per medico. In quel caso qualcuna raccontò di essersi rivolta ai Carabinieri.

Oggi pare che la storia si ripeta, anche se c’è qualcuno che, fuori dal coro, preferisce raccontare la propria esperienza in difesa del giovane.

L’intervista. “Lo conosco da diversi mesi ormai, conoscendolo penso che il polverone venuto fuori dalla vicenda sia stato eccessivo”, spiega una conoscente dell’uomo, Federica, dallo sguardo fermo di chi non ha paura di andare controcorrente. “Io non so se effettivamente abbia seguito delle ragazze o fatto qualcosa di più… – sottolinea la giovane – però per come lo vedo io quasi ogni giorno, non fa altro che fare un po’ il provolone, qualche complimento, ma niente di più”.

Lui, il presunto maniaco che chiameremo Miky è un insospettabile: a sentire le parole e i racconti dei ragazzi dell’ex Monastero sembrerebbe non si tratti di un vero e proprio maniaco, bensì di un ragazzo problematico. “Non è pericoloso – conclude Federica – Miky a volte è fastidioso perché chiede ai ragazzi sigarette, caffè, dato che è sempre senza soldi, ma sa quando fermarsi, la sua non è elemosina, è un ragazzo socievole, tutti lo conosco, anche gli addetti alla sicurezza che se lo avessero identificato come pericoloso di certo non lo avrebbero lasciato entrare indisturbato”.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Quelle a cui fa simpatia questo psicopatico che se lo portino a casa loro e magari si fidanzino con lui. A tutte le altre che si lamentano, come ho già scritto, dico solo di fare qualcosa di più che contattare anonimamente i giornali online. Metteteci la faccia con chi di dovere.

    se miky è innocuo, socievole e alla fine tranquillo e tutti lo sanno, si vede che le ragazze che si sono lamentate sono quelle che miky non ha cagato di striscio…

    magari è uno solo che nella vita ha avuto poca vita sociale, quindi non vedo perché debba essere considerato pericoloso…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *